La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

C'è posta per noi »

«La gente sta soffrendo le ingiustizie quotidiane mentre i vertici politici e della Chiesa inseguono altri impegni». Non la cronaca dei nostri giorni ma la profezia di don Mazzolari 60 anni fa. «Io avevo fame e tu mi hai sfamato. Cristiani troppo prudenti e di prudenza si può morire». Sono passati 60 anni e l’allarme non ha risposta

“Dio può attendere, l’uomo no”

15-11-2010

di

Siamo in un momento di crisi mondiale che non sembra avere precedenti. Nel secolo scorso due guerre hanno sconvolto buona parte del globo, ma oggi è tutta la terra in gioco dal punto di vista sociale e politico. Ci sono guerre in Africa e in Asia, rivolte locali, ammazzamenti dovuti a criminali organizzati su scala nazionale in America e in Europa. La paura del terrorismo è sempre più diffusa: si temono le bombe nelle città, sui treni, sugli aerei. Grandi operazioni terroristiche o miniterrorismi diffusi. Si moltiplicano le norme per la «sic urezza»: siamo spiati ovunque. La libertà è diventata un accessorio.

I furti dei ricchi e dei potenti ai danni dei poveri e indifesi sono diventati giganteschi: lo scontro tra capitale e lavoro tocca vertici che si ritenevano cancellati dalla fine dell’Ottocento. Dopo Marx, dopo il liberalismo e la dottrina sociale della Chiesa, le conquiste umane di un secolo fa sono diventate ostacoli da abbattere. La disoccupazione è oggi uno spettro ovunque, e non solo in Occidente. Per la ricerca del profitto non si registrano soltanto i massacri dei narcos in Sudamerica o le&nb sp; guerre del petrolio in Medio Oriente o la distruzione delle foreste equatoriali o il colpevole inquinamento degli oceani, ma soprattutto i conflitti nel mondo dei commerci, delle industrie, della finanza. Anzi questi sono i padri e i padrini di quelli. Si ruba la terra, quello che vi nasce sopra, quello che si trova sotto. Si ruba l’acqua, si ruba l’aria. Milioni di persone muoiono di fame.

Ci rubano anche l’anima. Qui non si fa un discorso morale, metto insieme le notizie. In questa logorante situazione così come appare dai mass media e, per la verit à, anche da come l’abbiamo sotto gli occhi e la stiamo vivendo nel nostro Paese, si fanno avanti negli animi cinismo e scetticismo. Il cinismo dei governanti italiani – siamo considerati uno dei paesi più corrotti al mondo – diffonde il cinismo tra gli individui. Quasi nessuno ha più fiducia nel prossimo, è difficile pensare a come porre le basi per il futuro. Milioni di piccoli esempi si hanno per le strade: liti assurde, accoltellamenti improvvisi, uomini e donne che scavalcano i morti ammazzati o caduti per un malore, correndo via per non aggiungere, nella loro mente, nuovi pensieri alla quotidiana turbolenza dei vecchi. «Me ne frego» è un motto scettico e malvagio che si pensava defunto col fascismo, ma che, anche quando non pronunciato, cova sempre più spesso dentro di noi.

Il 15 gennaio 1949, sul primo numero del quindicinale «Adesso», don Primo Mazzolare, che quel giornale aveva voluto con tutte le sue forze per poter essere libero di parlare come cittadino e come sacerdote, pubblicava un editoriale in cui tra l’altro diceva: «Dio può attendere, l’uomo no». Era un appello ai cittadini, ai politici, ai preti su su fino ai vescovi e al papa Pio XII. Parlava di adesso, non di domani. Ricordava: «Io avevo fame e tu non mi hai dato da mangiare», e dopo alcune ferme osservazioni, aggiungeva: «Tra i cristiani, sia al governo che in altri campi, in politica o in religione, sono troppi i prudenti. Rischiamo di morire di prudenza in un mondo che non vuole e non può attendere >. Sono passati più di sessant’anni, ed ecco un richiamo che vale ancora oggi: «Il tempo è una grande medicina, ma nel tempo si fanno le rivolte e le guerre; nel tempo si rischia di smarrire perfino l’immagine di Dio qualora i cristiani dimentichino di ravvivarla nel fuoco della loro carità». La carità, è evidente, non è l’elemosina. Si basa sulla spina dorsale, non sui centesimi.

Mario Pancera, giornalista e scrittore. Tra i suoi libri, una testimonianza diretta e affascinante su Don Mazzolari, parroco dalla parte dei contadini diseredati: “Primo Mazzolari e Adesso: 1959- 1961” ('Adesso' era il giornale che Mazzolari pubblicava). Ultimo lavoro di Pancera “Le donne di Marx”, edizioni Rubettino