La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Ideali »

“La mafia e i ladri possono salvare la democrazia italiana”

15-02-2010

di

Il filosofo Emanuele Severino ricorda sul Corriere della Sera il ruolo che gli Stati Uniti hanno assegnato all’Italia: “Se i ladri sono utili a salvare la vita della democrazia e del capitalismo, e la mafia è stata anticomunismo doc, perché non farne degli alleati e servirsene?”. Suggerimento (bene accolto) dell’ex direttore della Cia, William Colby

La magistratura non può portare la storia in tribunale ed incriminare il mondo democratico-capitalistico italiano che ha vinto il comunismo. Se essa si impegna in questa incriminazione, è a parole che lo fa in nome della giustizia, perché di fatto si schiera politicamente. “Se i ladri sono utili a salvare la vita della democrazia e del capitalismo – e la mafia è stata un anticomunismo doc -, perché non farne degli alleati e servirsene?”. Emanuele Severino lancia alla magistratura l’accusa di usare la giustizia a fini di potere.

Infatti su “Il Corriere della Sera” svolgendo una chiara difesa delle tesi di Berlusconi e del suo predecessore, Craxi, Severino scrive così : “tutti siamo convinti che la ‘guerra fredda’ è stata una lotta all’ultimo sangue, dove ognuno dei due mondi in lotta vedeva nell’altro ‘il MalÈ assoluto da cui ci si doveva difendere con ogni mezzo. Per quanto illegale e malvagio, qualsiasi mezzo sarebbe stato infatti un male ben minore del Male assoluto. Altre volte – continua Severino – ho ricordato una dichiarazione emblematica dell’ex direttore della Cia Wiliam Colby, intervistato da questo giornale agli inizi degli anni Novanta. l’intervistatore gli chiedeva se fosse stato proprio necessario, durante la “guerra fredda”, mettere all’Italia la “camicia di forza anticomunista”. La risposta fu: “Sì. Meglio i ladri dei dittatori”. E con queste parole egli dichiarava nel modo più esplicito (anche se forse inconsapevolmente) che i “ladri” erano appunto la “camicia di forza” dell’Italia. Una camicia che si mette ai matti pericolosi – ossia alle forze di sinistra, Pci in testa – che avrebbero voluto rendere comunista l’Italia. I “ladri”, poi, erano la criminalità internazionale, mafia in testa. Ineccepibile, la risposta del direttore della Cia, portavoce della strategia globale del sistema democratico-capitalistico e della sua volontà di sopravvivenza. Se i ladri sono utili a salvare la vita della democrazia e del capitalismo – e la mafia è stata un anticomunismo doc -, perché non farne degli alleati e servirsene? Chi è in pericolo di vita fa di tutto per salvarsi ed è fuori luogo scandalizzarsi se fa anche cose sconvenienti. Certo, quell’alleanza con l’illegalità e la criminalità richiedeva l’instaurazione di tutto un insieme di rapporti tra la legalità statuale e l’illegalità criminale, e richiedeva anche sostanziose concessioni a quest’ultima da parte dello Stato, visto che nessuno fa qualcosa per niente. E quell’alleanza, quei rapporti, quelle concessioni richiedevano trattative condotte da uomini, non da puri spiriti, contatti personali tra i rappresentanti dello Stato e quelli della criminalità. E affinché l’alleanza funzionasse bisognava che i due gruppi si mettessero d’ accordo e magari si creasse un clima di compiacimento per l’accordo raggiunto e il buon funzionamento della collaborazione. Lo scandalo è fuori luogo. Fenomeno analogo è stato il finanziamento illegale dei partiti. In Italia si è presentata a quel tempo la concreta possibilità che i comunisti andassero al governo in seguito a libere elezioni. Affinché ciò non accadesse, era necessario che il sistema capitalistico, per sopravvivere, sostenesse i partiti anticomunisti, gratificasse economicamente in modo più o meno diretto l’elettorato perché non votasse il Pci, a sua volta finanziato dall’Unione Sovietica. In questi giorni si è ricordato che Bettino Craxi ha raddoppiato il debito pubblico dello Stato italiano. Ma vale, per il raddoppio del debito, quello che vale per i ladri: se è servito a salvare dal comunismo la società italiana, il raddoppio era inevitabile come l’alleanza con i ladri. Dopo la fine dell’Unione Sovietica, a certi esponenti della società democratico-capitalistica italiana l’alleanza – o, se si preferisce, il matrimonio – della legalità statale con la criminalità è apparsa indecente; ad altri meno; altri intendono perpetuarla. E se l’abitudine fa l’uomo ladro, l’essere ladri che hanno fatto un buon colpo favorisce la propensione a ripeterlo. La quale – dato il sottofondo, diciamo così, “cattolico” della criminalità mafiosa – è anche propensione a ritenere indissolubili i matrimoni. l’alleanza tra legalità statuale e criminalità-illegalità c’ è stata, era inevitabile che ci fosse e che oltre a chi ha operato illegalmente per combattere il comunismo ci fosse stato anche chi ha combattuto il comunismo per accrescere il proprio patrimonio (o ha fatto l’uno e l’altro). D’ altra parte, la magistratura non può portare la storia in tribunale. Se lo fa, si propone quanto essa stessa non può non ritenere impossibile: l’incriminazione del mondo democratico-capitalistico italiano (che in qualche modo ha vinto anche lui il comunismo) e di quanto rimane di quel mondo – che non è poco. Se, ciò nonostante, la magistratura si impegna in quella incriminazione, è a parole che lo fa in nome della giustizia, perché di fatto si schiera politicamente. E nemmeno di questo c’ è da scandalizzarsi, perché, dal punto di vista dell’opposizione, rivendicare la giustizia è una delle armi efficaci di cui essa dispone per indebolire il proprio avversario”.

Ho ritenuto giusto riportare per esteso quanto scritto ora su “Il Corriere” da Severino, perché sia chiara in primo luogo la contraddizione con le sue “convinzioni” filosofiche. Se, infatti, il fine della conservazione del potere, elevato a “verità”, giustifica qualunque mezzo, anche criminale, non ha alcun senso svolgere un ragionamento critico, come quello riportato all’inizio di questo scritto, e dire, a mo’ di denuncia di una deriva ritenuta negativa, che “la tecnica si va trasformando da mezzo-strumento del capitalismo nel suo scopo, per cui quest’ultimo “ è tale solo in apparenza, mentre in realtà è tecnocrazia”; ed aggiungere che la democrazia è “costretta a subordinare il proprio scopo alla tecnica, e, dunque, a non essere più democrazia”, ma tecnocrazia. – Non ha senso, perché la giustificazione-esaltazione della democrazia salvata dal potere criminale, con cui la si identifica, altro non è che giustificazione della sua subordinazione al potere per il potere, sì da non essere più democrazia, ma tecnocrazia; ed è quindi pure giustificazione della tecnica del potere criminale come scopo consustanziale al capitalismo. – È poi illogico ed assurdo che Severino possa pensare e sostenere che la mafia, il potere politico criminale, siano utili a salvare il capitalismo – contraddittoriamente da egli elevato a scopo dell’agire umano – dall’inevitabile suo declino, come da egli spiegato nell’omonimo libro, più sopra da noi citato.

Va da sé, poi, che Severino è lontanissimo dall’insegnamento di Socrate, il quale diceva che “per nessuna ragione si deve fare ingiustizia”, come indubbiamente accade quando si violano le leggi dello Stato (Platone, “Critone”, 49 b – d); oltre ad essere abissalmente lontano dal Kant della “Ragion Pratica”.

Egli, accusando la magistratura di usare la giustizia a fini di potere, ha voluto scimmiottare l’errore commesso da Sciascia su “Il Corriere” del 10 gennaio 1987, col suo infelice articolo “I professionisti dell’antimafia”. Con una radicale e profonda differenza, però. Invero, Sciascia, che in quel caso sbagliò di grosso, sostenne sempre con forza e con grande coerenza, all’opposto di quel che scrive oggi Severino, che non si può mai perseguire la giustizia – o fini ritenuti di giustizia – con mezzi illegali.

Ultima considerazione, per noi essenziale. È segno della crisi di civiltà che stiamo vivendo, della barbarie a cui può condurre, in assenza di un’alternativa socialista, la profonda crisi mondiale del capitalismo, che Emanuele Severino scriva quanto sopra riportato sul più autorevole quotidiano della borghesia italiana. È la confessione della deriva politico-morale di quest’ultima, della sua identificazione prima col craxismo ed oggi col berlusconismo; e prima ancora col fascismo.

Severino ha scritto che il potere criminale politico-mafioso ha fatto bene ad ammazzare decine e decine di sindacalisti nella sola Sicilia, negli anni ’44 – ’48, per salvare il sistema democratico-capitalista dal pericolo dell’avanzata delle masse proletarie che si battevano per l’affermazione di una democrazia avanzata, largamente partecipata, che voleva inverare il principio di piena eguaglianza poi sancito nell’art. 3 della costituzione; quella costituzione che l’antidemocratico ed autoritario Berlusconi definisce comunista, sovietica.

Il potere criminale politico-mafioso ha fatto bene – dice sempre Severino – ad ammazzare Pio La Torre ed tutti i giudici “comunisti”, come li chiama il suo sponsor Berlusconi e con lui Dell’Utri. Infatti, come egli dimostra di sapere e scrive “la mafia è stata ed è un anticomunismo doc”.

Luigi Ficarra, impegnato sin da giovane nel movimento operaio, prima nel PSI con Lelio Basso, poi nel PSIUP, nel PCI ed ora nel PRC, è sempre stato sostenitore delle posizioni di Rosa Luxemburg. Ha lavorato nei primi anni '60 nel centro studi economici della CGIL siciliana diretta da Pio La Torre, ed ampio è stato pure il suo impegno nel movimento universitario, come dirigente dell’UGI. Da avvocato, ha sostenuto e sostiene importanti battaglie in difesa della laicità della scuola e dei diritti dei lavoratori.
 

Commenti

  1. Gabriele Sannino

    La tesi di Severino è un qualcosa di SCONVOLGENTE. Siamo davvero caduti troppo in basso, dire di raschiare il barile è poco.