La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Donne »

Le città d'Italia invase dall'onda rosa: comunità di donne protagoniste che pretendono le dimissioni del rozzo sultano, con la preziosa ed attiva partecipazione di tanti uomini. Una lezione per tutte e per tutti: oggi più di ieri il personale è politico

“Più zucca, meno patata”: ecco la ricetta per archiviare l’Italia di Arcore

14-02-2011

di

Come sostiene la studiosa nordica Drude Dalherup il problema non è tanto che le donne non votino le donne, quanto piuttosto che siano gli uomini che non le votano: buone per fare cornicette in tv o le puttane a palazzo come al parlamento, ma non abbastanza per essere prese sul serio dovunque. Il problema profondo dell’Italia è che non è un paese abbastanza laico e sufficientemente colto (lo era, ma 25 anni di pervasione catodica lo hanno distrutto) da poter esprimere una democrazia laica e democratica compiuta, altrimenti mai un imprenditore rozzo come Berlusconi avrebbe potuto governare così a lungo e con un consenso così vasto. La manifestazione di ieri, la cui grandezza sta soprattutto nell’aver scardinato la logica partitica – sindacale della chiamata generale in un solo luogo, ma finalmente l’aver messo al lavoro le singole città, piccole e grandi, e le loro comunità di donne protagoniste della mobilitazione, ha comunque scosso le coscienze, in modo inedito e inusuale. Anche se il lavoro da fare è lungo e irto di ostacoli, perchè mai prima d’ora il vero programma politico di cambiamento indicato dai movimenti femministi degli anni ruggenti è stato preso in considerazione, e cioè che il personale è politico, la grande e attiva presenza di giovani e di uomini ieri è un prezioso segnale.

Oggi è già quel ‘quando’ invocato dall’appello: è da subito che bisogna chiedere le dimissioni di un governo indegno, che l’opposizione deve compattarsi per dare spazio alla domanda di cambiamento, senza le solite risse tra partitini e chiesine. Oltre all’economia devastata dalla crisi globale l’Italia ha un serio problema locale: ricostruire il proprio tessuto culturale devastato dal sessismo, dalla misoginia e dall’analfabetismo di ritorno che ha purtroppo alimentato i sogni catodici di almeno una generazione.
Questa è una delle emergenze che donne e uomini, come femministe e come attivisti della cultura e della informazione ci tocca adesso fronteggiare. ‘Che vinca la zucca sulla patata’ recava scritto su uno striscione portato da due ragazze in piazza ieri a Genova. Quello che c’è da fare si potrebbe anche dire, semplicemente, solo così.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Monica Lanfranco è giornalista e formatrice sui temi della differenza di genere e sul conflitto. Ha fondato il trimestrale di cultura di genere MAREA. Ha collaborato con Radio Rai International, con il settimanale Carta, il quotidiano Liberazione, con Arcoiris Tv. Cura e conduce corsi di formazione per gruppi di donne strutturati (politici, sindacali, scolastici). Insegna Teoria e Tecnica dei nuovi media a Parma. Il suo primo libro è stato nel 1990 "Parole per giovani donne - 18 femministe parlano alle ragazze d'oggi". Nel 2003 ha scritto assieme a Maria G. Di Rienzo "Donne disarmanti - storie e testimonianze su nonviolenza e femminismi" e nel 2005 è uscito il volume "Senza Velo - donne nell’Islam contro l’integralismo". Nel 2007 ha prodotto e curato il film sulla vita e l’esperienza politica della senatrice Lidia Menapace dal titolo "Ci dichiariamo nipoti politici". Nel 2009 è uscito "Letteralmente femminista – perché è ancora necessario il movimento delle donne" (Edizioni Punto Rosso).