La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società » Ideali »

Ferragosto – “Se la corrida è cultura, allora il cannibalismo è gastronomia”

12-08-2010

di

Questo scriveva lo scrittore spagnolo Manuel Vicent nel suo Antitauromachia. Parole che, ovviamente, condividiamo appieno. E fa decisamente piacere che il Parlamento catalano abbia deciso di mettere al bando quella infamante e vigliacca “tradizione” rappresentata dalla corrida. Per motivi economici stiamo distruggendo le balene; le tigri stanno scomparendo dalla faccia della terra; muoiono milioni di animali soffocati dall’inquinamento e dal petrolio; uccidiamo quei pochi rinoceronti rimasti per strappare loro il corno che dovrebbe risvegliare il desiderio sessuale a dei maschi cretini sparsi per il mondo (speriamo che almeno faccia loro l’effetto contrario); ogni anno noi italiani “brava gente” abbandoniamo decine di migliaia di cani e gatti destinati a morte sicura e il governo da parte sua si adopera per dare sempre più discrezionalità ai cacciatori…

E come se non bastasse spacciamo per “cultura”, “tradizioni”, “folclore” delle pratiche che non solo fanno soffrire in modo indicibile degli animali che nulla possono, ma ne facciamo addirittura uno spettacolo trasmesso quotidianamente per televisione.

Evviva quei sessantotto deputati catalani che hanno coraggiosamente – sì, coraggiosamente, contro metà dell’opinione pubblica – deciso di cancellare, per lo meno dalla Catalogna – oltre dalle Canarie, che già aveva proibito quell’orrendo spettacolo nel 1991 – quella vergogna nazionale (altro che tradizioni culturali… provate a spiegarlo al toro!)

Come in tutte le questioni, come sempre, ci sono quelli a favore e quelli contrari. Normale. Ma poi, come sempre, ci sono anche gli imbecilli, che come ben sappiamo sono presenti a sinistra come a destra, tra i ricchi come tra i poveri. Sono quelli che dicono – vedi “La Repubblica” di giovedì 29 luglio – che quanti sono favorevoli all’abolizione della corrida dovrebbero essere anche vegetariani (io lo sono, ma questo non vuole dire niente): a parte il fatto che, per fortuna, la gente di solito non ritiene eroi nazionali macellai e insaccatori di suini, il problema di fondo sta, appunto, nella spettacolarizzazione delle torture inflitte al toro e alla sua successiva uccisione. Una parte del mondo si nutre sì di bistecche, di pesci e di salumi, ma non fa la coda al botteghino di un macello comunale. Non si diverte a vedere un buffone in pantofoline e giacchetta di lustrini sgambettare attorno a un animale sfiancato dalle ferite inflittegli dal picador e dalle banderillas.

Se la corrida è, come sostiene Mariano Rajoy – il leader dei conservatori spagnoli – “patrimonio culturale dell’Umanità”, consiglierei al sindaco di Roma Alemanno di ripristinare i combattimenti tra gladiatori al Circo Massimo. Non è forse anche quello un “patrimonio culturale” della romanità? E poi, sai quanti turisti in più vedremmo arrivare armati di telefonini e fotocamere digitali?

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/07. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.
 

Commenti

  1. isabella moroni

    Siccome rispetto tutte le posizioni ed i punti di vista, ho solo una domanda da fare.
    E’ possibile portare avanti il proprio punto di vista senza dover fare per forza facile e banale ironia?

    Cosa aggiungono/tolgono al concetto che lei porta avanti le battute sui maschi cretini e sul corno o, peggio ancora, sul buffone in pantofoline che sgambetta?

    Mi faccia capire perchè mi sembra che tutte le motivazioni che porta a sostegno del suo pensiero già bastino a renderlo efficace.

    Grazie