La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

27 gennaio 1945: “Se le truppe sovietiche tardavano qualche giorno non ci avrebbero trovati in vita”

27-01-2010

di

Terracina ricorda Auschwitz “lager costruito con perfezione scientifica per dare morte o ridurre in fumo e cenere migliaia di esseri umani”. Quando bambino è costretto nel carcere di Regina Coeli a lasciare le impronte digitali, scoppia a piangere. “Il padre si rivolge ai noi figli: mi raccomando siate sempre uomini, non perdete mai la dignità” continua »

Pubblicato in Chi cerca la Pace

Idith Zertal: “Ci accompagna l’onnipresenza della morte, non è un bene per il nostro futuro”

27-01-2010

di

Basilea – È nata nel Kibbutz di Ein Shemer, dal 2004 insegna storia e filosofia politica all’università di Basilea, ha 66 anni. Idith Zertal sta partendo per Madrid dove presenta l’edizione spagnola del suo saggio “La nazione e la morte: la Shoah nei discorsi e nella politica di Israele”. La presentazione in Spagna nel giorno della memoria non è occasionale. Perché l’Olocausto è il passato che l’angoscia e la commuove e si indigna per i negazionisti che provano a rimpicciolirne … continua »

Pubblicato in Chi cerca la Pace

La bambola palestinese

27-01-2010

di

Ormai Ruba ha quarant’anni. Insegna in un’università a pochi chilometri da Cambridge. Non è un esilio. Come capita ad intellettuali italiani “vagabondi”, ha trovato una cattedra nel regno di sua maestà. L’incubo delle cittadinanze l’ha inconsapevolmente tormentata quando non aveva l’età per decifrare il groviglio che amareggiava i genitori apolidi alla deriva in Europa assieme a migliaia e migliaia di palestinesi aggrappati alla sola patria possibile: lo 00 della teleselezione. Famiglia borghese agiata fino al 1948. Il nonno abitava a … continua »

Pubblicato in Chi cerca la Pace

Gasparri’s Day / Per la prima volta un onorevole estrae i numeri del lotto

25-01-2010

di

Ci domandiamo quale sia la dose di Gasparri alla quale si può sopravvivere e se per caso non l’abbiamo già superata da un pezzo. Il senatore Pdl, ora presidente, appare in tutti i tg e in ogni altro spazio televisivo, come Vespa quando deve promuovere un nuovo libro. Prima o poi parteciperà anche alle estrazioni del Lotto, unico spazio tv che finora non è stato violato neppure da Berlusconi. Il quale, di recente, si è infiltrato tra i bambini delle … continua »

Pubblicato in Credere Obbedire Combattere

Quel mattino della strage, 102 pagine che bruciano

25-01-2010

di

Alla vigilia del 30° anniversario della strage alla stazione di Bologna (2 agosto 1980), poeti, scrittori e cittadini hanno risposto ad un appello di Mattia Fontanella, inviando a La Repubblica numerose lettere indirizzate ad Angela e Maria Fresu: figlia e madre, morte quel giorno, alle 10.25, insieme ad altre ottantatre persone; i feriti furono 200. «Segni, suoni, parole, per l’appunto, per coprire la voragine di questi anni. La parola che è memoria». Hanno risposto in tanti, fra i quali: Alessandro … continua »

Pubblicato in Pendragon

Chi non applaude B deve essere comunista

25-01-2010

di

Come nello stato libero di Bananas, qualsiasi cosa dica il presidente del Consiglio, viene osannata e sostenuta dai suoi ciarlieri ministri-dipendenti

Ricordate quella scena del Dittatore dello Stato libero di Bananas in cui Woody Allen, nominato suo malgrado capo dello stato, rilascia negli Stati Uniti la conferenza stampa? E dato che i suoi compagni “barbudos” vengono accusati di scarsa igiene, decide di emanare una legge secondo la quale si fa obbligo a tutti i cittadini di … continua »

Pubblicato in Italia

Cosentino, vice Tremonti: “tutto casa, Parlamento e clan”

25-01-2010

di

Altri guai giudiziari per Nicola Cosentino, coordinatore del Popolo della Libertà in Campania e sottosegretario di Stato all’economia. Berlusconi non se l’è sentita di candidarlo a governatore mentre è in gestazione un nuovo ordine di custodia cautelare

Nicola Cosentino (detto Nick ‘o ‘mericano) è nativo di Casal di Principe (CE), il Comune descritto nel celebre libro di Roberto Saviano “Gomorra” come l’epicentro della camorra casertana e patria del clan dei casalesi, qui comincia nel 1978 la … continua »

Pubblicato in Qui Camorra

Un vecchio ippocastano nasconde il nido di Anna Frank

25-01-2010

di

Dagli 8 anni

Roberto Innocenti, Rosa Bianca

La Margherita Edizioni

Pagg. 28 € 15,00

In questo lungo racconto testo e illustrazioni raggiungono livelli di grande emozione. E’ la storia di una bambina europea durante gli ultimi due anni dell’ultima guerra mondiale: una tragedia vissuta in prima persona che lascia il ricordo di una straordinaria esperienza.

***

Dagli 8-9 anni

Irène Cohen-Janca – Ill. Maurizio A.C. Quadrello, L’albero di Anne

Orecchio Acerbo
continua »

Pubblicato in Per Bambini e Ragazzi

Pagina 2 di 1012345...10...Ultima »

Libro Gratis