La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Riunione “carbonara” che avrebbe insospettito il cardinale Bagnasco. Perché il ministro degli esteri vaticano prova a resuscitare la vecchia Italia? Attorno a Bertone, Fioroni del Pd, Pisanu (Pdl), Cesa, Buttiglione e la Binetti (Udc), Bonanni e Pezzotta (Cisl e Compagnia delle Opere: la confindustria di Comunione e Liberazione), Rinnovamento dello Spirito, ecc.

A destra rinasce la DC benedetta dal cardinale Bertone

18-07-2011

di

Ci risiamo, dopo le cene carbonare del cardinale Tarcisio. Bertone, segretario di Stato del papa, con mezzo governo in vista delle elezioni a sostengo di Berlusconi; dopo i pranzi del cardinale. Ruini Camillo con Berlusconi, in vista delle elezioni amministrative del Lazio a favore della Polverini, ora arriva l’ora di catechismo di un parterre raccogliticcio «di giusti alla bisogna» nella chiesa del Sacro Cuore in via Marsala 42 a Roma, gestita dai salesiani (Ah, don Bosco! chissà come vomita nella tomba!). Un vertice «segretissimo» cui prendono le Acli, il Movimento Cristiano Lavoratori, la Cisl, il mondo delle Cooperative, il Movimento dei Focolari, Rinnovamento dello Spirito, gli Scouts dell’Agesci, la Compagnia delle Opere, rappresentanti del Forum del Terzo Settore, Fioroni, Pd, a Pisanu, Pdl, Cesa, Buttiglione e Binetti dell’Udc, Bonanni, Cisl, e Pezzotta per vedere come fare un «nuovo partito cattolico» (guidato da Jolie Al Fano, segretario del padrone del partito degli onesti ? )«per un rinnovato e nuovo centrodestra».

Pare che la Cei di Bagnasco, tenuta all’oscuro, non ci abbia visto più dagli occhi e abbia protestato perché l’intervento di Bertone è considerato uno sconfinamento nel territorio della conferenza episcopale. Si contendono il territorio in omaggio al comando di Cristo si amano fino all’odio politico viscerale. Meno male che Gesù ha detto: «Amate come fratelli cardinali, perché tanto io sono Figlio Unico»!

Questo fatto è gravissimo. E’ una ingerenza nel regime concordatario e la firma finale sull’inesistenza dell’Italia come nazione sovrana, Se il segretario di Stato Bertone, può permettersi di riunire i politici di tutti i partiti per fare un nuovo partito cattolico, vuol dire che l’Italia è solo un apostrofo inutile tra la riva del Tevere e piazza San Pietro. Nessuno che protesta, ormai prendiamo atto di tutte  le sentine che «scolano» e siamo assuefatti «al tristo fiato» da diventare immobili e indifferenti.

L’obiettivo primario di questo nuovo arrembaggio sulla democrazia e contro la Costituzione è la scissione del PD che ormai si avvicina a conclusione; di pari passo anche a destra vi sarà un’altra scissione: da una parte i pasdaran di Berlusconi, i servi nati liberi, ma diventati servi per scelta che daranno vita ad una estrema destra di stampo «comunista stalinista» e una destrina edulcorata che si farà rappresentare da Jolie Al Fano.

Sepolta ogni etica, voleranno le parole senza senso e senza corpo perché costoro parleranno di rispetto delle Istituzioni, di onestà, di legalità, di centralità del parlamento, di dignità della persona e lo faranno mentendo e sapendo di mentire, perché a loro interessa solo confondere le acque e continuare a spartirsi la torta della scuola, della sanità e della legislazione che non sarà apertamente «ad personam», ma sarà esclusivamente «ad ecclesiasticos et Vaticanum».

O Signore, guardali bene in faccia prima di scagliare i tuoi fulmini: Bertone, Pisanu, Cesa, Buttiglione, Binetti, Bonanni e Pezzotta: hanno sostenuto tutte le nefandezze di Berlusconi per 15 anni e ora vogliono riformare in nome dell’onestà e della legalità. Essi da soli sono un tripudio di abominio. Fino a quando?

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. gaetano mineo

    Ma i suoi scritti sono sempre troppo estremisti. Io ho sentito stamane (19/07/2011)a “Radio 24″ l’ottima trasmissione “Alle nove in punto, la versione di Oscar” che poi è l’ottimo Oscar Giannino, giornalista molto indipendente. Egli è partito proprio da quell’incontro per discutere sulla liceità del fatto e soprattutto se vi possa essere una chiamata a raccolta dei cattolici per un impegno in politica. Io penso che posto così il discorso sia corretto e dobbiamo tutti batterci il petto perchè non si è cercato di sviluppare in tanti anni una dottrina politica cristiana che partisse dalla Dottrina sociale della Chiesa.
    Poi se dietro ci sono altri disegni, io che sono ingenuo non lo so, ma l’impegno dei cattolici in politica ci deve essere e bisognerebbe riprendere proprio la citata dottrina sociale, come ha fatto nel libro uscito postumo Edmondo Berselli (“L’economia giusta”).

  2. Lorenzo

    Don Paolo, che centra il comunismo e Stalin con Berlusconi,Alfano,Bertone,Pisanu, Cesa,Buttiglione, Binetti,etc…etc…personalmente avrei preferito Stalin.O no!

L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »