La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Silvio Berlusconi ha inventato la sua Sarah Palin: da qui alle elezioni il "Tea party" all'italiana sarà servito, in mondovisione, dalla onorevole più aggressiva della destra made in Italy. Ma nel 2008, quando guidava "La Destra" di Storace, l'onorevole Daniela attaccava quotidianamente il capo del Pdl: "Berlusconi? È ossessionato da me. Tanto non gliela do... Capisco che per Silvio Berlusconi esistano le donne del capo, per la destra queste donne non ci sono"

Attenzione telespettatori, arriverà davvero un’overdose di Santanché?

11-11-2010

di

Daniela Santanchè sarà il nuovo volto (rifatto) del partito delle libertà? La sconvolgente notizia è di recente comparsa sui maggiori quotidiani italiani. Il cavaliere è convinto che il Pdl, da solo, non basti più per affrontare il voto, sempre più probabile, della prossima primavera. Il suo partito perde pezzi, anche sotto la scure della magistratura e di chi lascia (o minaccia di farlo) sotto l’onta di scandali, scandaletti e “trattative” con le questure italiane. È necessario correre ai ripari. “Bisogna dare alla gente – ha detto Berlusconi – un nuovo sogno. Bisogna trovare un nuovo strumento, un nuovo contenitore che affianchi e non sostituisca il partito”.

E allora, cosa fare? Il genio della comunicazione ha pensato di scoppiazzare nuovamente l’America (sperando che gli vada meglio, visti i deludenti risultati da quelle parti). Il fronte conservatore, che si oppone al presidente americano Barak Obama, ha dato vita ad un movimento di protesta contro l’eccessiva tassazione e la presenza massiccia dello Stato nella vita dei cittadini. Un movimento guidato da Sarah Palin, governatore dell’Alaska e sostenitrice dello sfidante di Obama alla Casa Bianca, John McCain. Un paio di mesi fa, Silvio Berlusconi, si è fatto preparare un dossier sui meccanismi dell’organizzazione repubblicana d’oltreoceano. Documenti che riportano dettagliatamente sia i metodi di reclutamento che i criteri organizzativi. E che descrivono temi che hanno rinvigorito la destra statunitense quando si preparava alle elezioni di mid term.

Un modello, quello dei repubblicani americani, che il presidente del consiglio italiano ritiene applicabile anche qui da noi. Voci di Palazzo Chigi sussurrano che, nel caso di elezioni politiche anticipate, Berlusconi avrebbe l’intenzione di rendere Mediaset simile alla Fox Tv americana. E chi sarà il volto del nuovo movimento di Berlusconi? Dopo lunghe consultazioni (provini?) la scelta è caduta sulla battagliera Santanchè. È probabile che la performance di Daniela alla recente puntata della trasmissione “Annozero”, con l’epiteto di “mafioso” lanciato all’onorevole de Magistris, sia stato l’elemento determinanti per la nomina. Ma probabilmente anche per ripagarla dell’aggressione subita nella stagione precedente, sempre nel programma di Santoro, quando un pericoloso eversivo, un facinoroso al soldo dei comunisti, le strappò una extension in una pausa pubblicitaria.

Il movimento, che anche qui si chiamerà “tea party”, dovrebbe avere come slogan: “meno Tasse, meno Stato, più Libertà”. Andiamo per ordine. Per quanto riguarda il primo punto: meno tasse, diciamo subito che esse sono decise dal governo e quindi dalla maggioranza politica che ha vinto. Nonostante tutte le promesse fatte in campagna elettorale, la pressione fiscale in Italia non è affatto diminuita. L’unica tassa eliminata è stata l’Ici (l’imposta comunale sugli immobili) che gravava sulla prima casa. Un provvedimento già preso dal governo di centrosinistra guidato da Romano Prodi e che però riguardava solo il 40% delle case. Berlusconi lo ha generalizzato a tutte le categorie di appartamenti, anche quelle extralusso.

Un risultato disastroso. Le casse comunali hanno subito ammanchi notevoli con notevoli ripercussioni sui servizi ai cittadini. Mentre i ricchi proprietari di appartamenti, esclusi dall’esenzione dell’Ici dal governo Prodi, hanno ricevuto l’ennesimo e cospicuo regalo. Per intenderci: la casa in quartiere popolare e la villa hollywoodiana di Arcore dello stesso Berlusconi, sono considerate allo stesso modo, grazie a Berlusconi. Meno Stato significa, innanzitutto, meno spesa pubblica. Un esempio per tutti: il centrodestra aveva promesso di eliminare le Province. La Lega di Bossi si è opposta e non se ne è fatto nulla. Più libertà. Dopo le tante leggi varate dall’esecutivo di centrodestra, dalla legge bavaglio a quella sul testamento biologico, dalla proposta di legge sul fine vita, alla legge 40, è difficile parlare ancora di “Libertà”.

Il movimento “tea party” forse darà un po’ di respiro al presidente del consiglio, terrorizzato dalla riapertura del processo Mills, in cui è indagato con l’accusa di corruzione. Prepariamoci quindi all’invasione mediatica della Santanchè. Dalla Rai a Canale 5, da Internet ai giornali, non ci sarà scampo: la Daniela dai tacchi a spillo e delle serate mondane in Sardegna imperverserà sui teleschermi.

Carmine Giordano, laurea in lettere moderne, è nato a Napoli nel 1977. Lavoratore precario, collabora col sito http://www.inmovimento.org.
 

Commenti

  1. riccardo zanetti

    Al peggio non c’è mai fine, potrei dire tanto guardo solo RAITRE ma purtroppo in alcuni programmi ci sarà anche lì imposta dai servi di berlusconi.Abbonati facciamoci sentire inviando e-mail contro la presenza della finissima (come ha cantato Benigni )santanchè !

L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »