La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Credere Obbedire Combattere »

B penitente ad Arcore: dalle veline a Bossi padre e figlio. Col Vaticano in crisi, tentazione di diventare Papa?

12-04-2010

di

L’apertura del Tg1, prevista per Berlusconi, è andata al disastro aereo che ha falcidiato il governo polacco. Ormai, ci vuole una catastrofe per impedire a Minzolini di prosternarsi a qualunque dichiarazione del capo. Il quale comunque ha ripetuto che il declino dell’Italia è un’invenzione dei menagramo di sinistra e dei giornali (compresi quelli di destra e di sua proprietà). E anche la signora Marcegaglia, che pure non soffre la fame a causa della crisi, è complice della sinistra e della stampa, perché ha sostenuto che, invece, il declino c’è. Ma figurarsi se il Tg1 si sogna di far notare la contraddizione. Quanto poi al presidenzialismo alla francese, è noto che precari e disoccupati non ci dormono la notte, ansiosi come sono di dotare Berlusconi di qualche piccolo potere. Lui infatti urla che non ne ha nessuno, nessuno, nessuno. E in più gli tocca passare le serate con Bossi (padre e figlio) e Calderoli. Fossimo in lui, ci dimetteremmo.

Ravello, Barbie dai capelli tinti, sottosegretario dipartimento nervi tesi

Triturati e assordati dalla voce della sottosegretaria Ravetto, che era ospite a “Ballarò”, ci stavamo chiedendo ancora una volta come mai tanti e tante del Pdl siano così sgradevoli e striduli, quando siamo incappati, per fortuna, in Parla con me. Dove era ospite, invece, il teologo Vito Mancuso, dalla bella voce pacata, una voce che pensa. Comunque, lo studioso di teologia, che si è definito laico, ha detto una cosa chiara e semplice sullo scandalo interno alla Chiesa: «I pedofili sono criminali e come tali vanno affidati alla giustizia». Un concetto che chiunque può capire e condividere, credente o ateo. Mentre purtroppo non risultano altrettanto limpide le dichiarazioni recenti di varie autorità ecclesiastiche, che hanno messo in campo riferimenti privi di pietà nei confronti delle vittime e suonati scandalosi all’esterno. Quasi che, dopo la morte di papa Wojtyla, il Vaticano facesse sempre più fatica a comunicare con il resto del mondo (e figurarsi con Dio).

Quando sente parlare di cultura, la Lega mette mano alla pistola

Si parla solo della Lega, nei dibattiti tv. A parte Vespa che, nella serata di Pasquetta, si è dedicato ai miracoli, uno dei tre pilastri di Porta a Porta. Il primo, appunto, sono le piaghe risanate. Il secondo le villette insanguinate e il terzo è il berlusconismo. Ma, tornando alla Lega, se n’è occupato anche l’”Infedele”, dove sono state esposte, se non le ragioni profonde, le modalità del successo leghista. Presente il sindaco di Verona, Tosi, che è stato condannato per incitamento all’odio razziale, ma nega di essere xenofobo. Perché, è chiaro, l’odio razziale non è xenofobia (semmai è peggio). Comunque, Tosi ha ripetuto le solite padanate e il solito odio (anche questo razziale) verso la sinistra e gli intellettuali. Perché anche la Lega, ormai, quando sente parlare di cultura, mette mano alla pistola. In preparazione dei grandi roghi di libri, infatti, Calderoli ha messo in scena il rogo delle leggi, che è stato molto gradito da Berlusconi e, pare, da Totò Riina.

Perché Tremonti non fa un salto all’Asinara?

Puntata di “Annozero” più sorniona del solito, che ha lasciato comunque capire alcune cose nel mucchio. Anzitutto che Tremonti è il meno scomposto dei ministri del governo Berlusconi, nonostante le sue scomposte concessioni al leghismo nei comizi. Resta un uomo capace di fare qualche segnale di fumo anche a chi non la pensa come lui. Per esempio, quando ha parlato del federalismo fiscale, si è ben guardato dal giurare che risolverà tutti i problemi e non ci costerà proprio niente. Mentre il professor Luca Ricolfi (che ci è abbastanza antipatico, da quando ha sostenuto che la sinistra è antipatica), dopo essersi detto favorevole, ha ventilato che il famigerato federalismo possa essere la botta definitiva per il Paese (e pensa se fosse stato contrario…). Tremonti poi, agli operai sardi che da mesi difendono il loro lavoro occupando l’Asinara, ha risposto di non sapere niente della loro crisi. Una verità scandalosa o una bugia ancora più scandalosa.

Sono nata a Ghilarza (Oristano), ho studiato lettere moderne all’Università Statale di Milano, in pieno 68. Ho cominciato a lavorare all’Unità alla fine del 73, quando era ancora ‘organo’ del Pci, facendo esperienza in quasi tutti i settori, per approdare al servizio spettacoli negli anni 80, in corrispondenza con lo straordinario sviluppo della tv commerciale, ovvero con l’irresistibile ascesa di Silvio Berlusconi. Ho continuato a lavorare alla redazione milanese dell’Unità scrivendo di televisione e altro fino alla temporanea chiusura del giornale nell’anno 2000. Alla ripresa, sotto la direzione di Furio Colombo, ho cominciato a scrivere quotidianamente la rubrica ‘Fronte del video’, come continuo a fare oggi. E continuerò fino a quando me lo lasceranno fare. Nel 2003 è stato stampato e allegato all’Unità un volumetto che raccoglieva due anni di ‘Fronte del video’.