La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli »

Che la politica e il mondo dello spettacolo si dividano alla pari e di comune accordo la scena è cosa nota. Meno noto invece è come i due settori non siano rivali nel gioco del potere e quindi del controllo di massa e che, anzi, in definitiva siano la stessa cosa, un unico corpo con mille braccia e mille gambe e qualche decina di teste. Un mostro

Balliamo con le stelle, ma le tasche che intascano sono sempre le stesse

07-05-2010

di

Grazie alle “intercettazioni telefoniche”, quelle frivole si intende, non quelle pericolose, grazie a queste “personali” appunto, abbiamo sentito cose da pazzi. Onorevoli che telefonavano a produttori tv e cinematografici per “piazzare” persone, per lo più donne e per lo più veline, e la natura dello scambio di favore la lascio alla vostra immaginazione. Telefonate di onorevoli che indicano a direttori di rete quali programmi e quali personaggi sono da “epurare” poiché fastidiosi per la “democrazia dittatoriale”. Ma quello che non sapete, cari lettori, è che questo sistema esiste da decenni e si è ingigantito paurosamente, facendo sì che lo spettacolo sia ormai di fatto una della braccia esecutive del potere dittatoriale. E non vale solo per l’Italia: è così un po’ in tutto il mondo, anche se è certo che in Italia è proprio lampante, ma si sa che a noi piace la vistosa ostentazione.

È una macchina perfetta, pressione delle gomme a posto, acqua olio e benzina non mancano mai, ci sono migliaia di meccanici e carrozzieri sempre pronti. Così come in tutti gli apparati di grande mole hanno i loro manager, vedi Telecom, banche per fare un paio di esempi, anche lo spettacolo ha i suoi manager, gente senza il minimo scrupolo che gestisce i burattini di questo grande teatro della rovina. Uno di questi è il noto produttore Bidi Ballandi, del quale non si trova molto in rete, quasi niente, tutto minuziosamente criptato. Si fa fatica persino a sapere che esiste, ma eccome se esiste. Il 70% dei personaggi che ruotano in tv e sui grandi schermi fanno parte della sua scuderia: Albanese, Fiorello, Hunziker, Baudo, Carlucci, Filiberto e tantissimi altri. Cominciate a capire?

Ballandi ha una marea di società attraverso le quali con una produce con l’altra fattura e con un’altra gira il becchime a chi di dovere. E così via senza fine e senza alcuna possibilità di essere puntato. D’altronde si chiama Ballandi e sa “ballare” talmente bene che è proprietario dei diritti di uno dei programmi più noti della RAI “Ballando con stelle”. Che cosa spiritosa.

Del Noce, chi non conosce Del Noce? Quello che si accordò con la Ballandi Entartaenement per quel famoso Sanremo che vide in qualità di conduttori Baudo e la Hunziker, quello stesso Sanremo il quale ospite meraviglioso fu Fiorello, quello stesso Sanremo che costò qualcosina come 80 milioni di euro dei contribuenti. Quanto diventò ricco Del Noce in una sola botta? E lì purtroppo non si vedono dalla dichiarazione dei redditi. È una partita a porte chiuse che giocano tra di loro, e gli spettatori hanno l’unico silenzioso compito di guardare e pagare, in tutti i sensi. Fanno bene: ci sono malattie come l’ignoranza che vanno curate con la purga.

Si fa un gran parlare della Grecia in questi giorni, gli scongiuri si sprecano, le similitudini non contano. Eppure la situazione italiana è di gran lunga peggiore, specie a livello economico. Basti pensare che il nostro debito pubblico è oltre il triplo di quello Greco. È l’Argentina però che ci assomiglia di più. Prima del suo default l’Argentina aveva l’identico andazzo, giocolieri e saltimbanchi, mignotte e prestigiatori, erano finiti nei posti chiave delle banche, della tv, del governo, il tasso di corruzione era alle stelle e tutto questo mi ricorda un paese a forma di stivale bucato. L’epilogo argentino noi lo abbiamo captato, ma loro lo stanno ancora vivendo, anche se nessuno ne parla più, perché noi siamo un popolo che dimentica con grande facilità, sempre grazie al meraviglioso mondo dello spettacolo che ci aiuta a riposare sonni beati tra un reality e un paio di tette, una partita e un gioco a premi. Magnifico.

La Merkel si è messa di traverso per un intero mese, le ha provate tutte per non dare soldi alla Grecia, ha persino dichiarato (da buona tedesca) che il denaro bisognava andarlo a riprendere da chi lo aveva rubato, da quei politici che avevano gestito l’opera pubblica intascandosi ogni bene. Ma poi ha dovuto capitolare davanti al mondo intero, avrebbe fatto la figura della “cattiva”. Quindi ha radunato il popolo tedesco e insieme “democraticamente” hanno convenuto che era giusto dare una mano alla Grecia. Ora su chi beneficerà dell’aiuto non lo starò nemmeno a dire, perché si innescherebbe un’altra polemica a mo’ di anatema a 360° e perché i poveracci rimarranno tali. Anzi, sprofonderanno ancora di più, questo perché il governo greco ha già varato una serie di provvedimenti come ad esempio il taglio delle pensioni e il dimezzare lo stipendio a chi ancora lo ha, nonché una serie di ulteriori licenziamenti di massa. Perciò lascio a voi immaginare come sarà roseo il futuro di questo paese. I soldi degli aiuti andranno alle banche e quindi addio monetine.

In Italia invece siamo “sereni”. È sereno Scajola, che se magari ce lo diceva che era senza casa potevamo fare una colletta con assegni post datati a babbo morto. Ma soprattutto è sereno Tremonti, che ha stabilito “Lui” di dare 5 miliardi e mezzo di aiuti alla Grecia. La Merkel ha intervistato il popolo, Tremonti non ci ha fatto sapere un cazzo, ha deciso tutto “Lui” da solo, come al solito ha offerto una cena spaventosa lasciando il conto da pagare ai coglioni di turno. È una chiara usanza politica. Ma sì, dai… Noi siamo buoni e non badiamo a spese, tanto più che non lo paga mica la politica questo omaggio. No, lo paghiamo noi, sì, proprio noi, ma con quali sodi? Siamo già indebitati per le prossime 5 generazioni. Abbiamo il più alto tasso di disoccupazione d’Europa, anche se dicono che non è vero. Oltre 10 milioni di nuovi poveri anche se non lo dicono. Sugli 8 milioni di lavoratori in nero silenzio. Gli economisti sostengono che il tracollo italiano sarà peggiore di quello Greco e Argentino messi insieme, ma sono stronzate. Pessimisti.

Il mondo intero non sa niente di niente. Non sa che noi siamo un popolo felice, un popolo in attesa di chi vincerà il campionato di calcio, la coppa Italia, la Champions. Siamo un popolo in attesa di sapere chi riuscirà a spuntarla dall’isola e che stanno per iniziare le selezioni del grande fratello 15. Il mondo non sa che noi abbiamo un sacco di “amici” in tv, abbiamo il decoder incorporato. Il mondo non sa che il nipote del monarca che ci ha fottuto miliardi ed è scappato, conduce un programma televisivo ed è considerato una star nello stesso paese ripulito dai suoi antenati. Il mondo non sa che il nostro governo racconta una marea di puttanate e che gli unici ammortizzatori sociali sono stati dati alle banche, le stesse banche gestite da parenti e amici del governo.

Ho scherzato, non è vero che il mondo non sa. Tutto questo lo sa benissimo e è proprio perché lo sa che ride di noi: ci vede per quello che siamo, ci vede come il paese di coloro che sull’orlo del baratro riesce anche con un piede solo a ballare con le stelle.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/11. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Cantautore paroliere con oltre 70 canzoni edite. Collaboratore in studio negli arrangiamenti di svariati interpreti nazionali ed internazionali. Autore delle opere: “Nati per sempre” (1991), “Notte di San Lorenzo” (1992), “Ricorderemo” (1992), Post Of Sedicianni Album (1993), “La macchina del tempo” (1996), “La mia follia” (1997), “Un canto nel silenzio” (2003), “Pitililli” Album (2006), “Panico” (2007), “Mani di Gomma” (2007), “Guerra dei Boveri” (2008), “Misero dentro” (2008).
 

Commenti

  1. Doriana Goracci

    Caro Moreno, amico di rete, imperverso da anni nella stessa, non parliamo di Arcoiris tv e la rubrica Lettere, quasi mi vergogno, io, che non ho mai percepito o vluto un centesimo per l’impegno che mi sono autponomamente presa di raccontare le storie altrui nonchè mie…
    Gli ultimi 7 anni del mio lavoro presso la Banca Intesa-furono 31 in Borsa- oggi anche San Paolo e domani chissà quale altra fusioprotezione, li ho trascorsi come consulente finanziaria a Via Teulada e Viale Mazzini…Rai…Finmeccanica…sempre la stassa Mamma Roma cantata da Remo Remotti, mutatis mutandis.
    Facciamo i nomi, si. Per me la privacy come il segreto bancario sono cose profondamente serie, tutto il resto è, appare, chiaro ma scordiamo.
    Quando ho scritto recentemente Rai Mediaset Informazione in culo alla balena (http://www.reset-italia.net/2010/03/03/rai-mediaset-informazione-in-culo-alla-balena/) non facevo grandi rivelazioni ma rammentavo a chi legge…Mai come questo articolo è caduto nel silenzio, non commentato…non girato, condiviso da un bene amato niente. E allora ti ho scritto così, perchè mi sei simpatico e ti abbraccio.

  2. Lu Russo

    Cosa dire??? son cose che sappiamo, ma purtroppo gli italiani sono dei creduloni e loro, tutta la classe politica, una masnada di ladroni di stato. C’è solo da dire che tutto ciò è vergognoso.
    Povera Italia più in basso di così non poteva cadere. E pensare a tutte le vittime della resistenza per avere un paese libero e unito. L’inciviltà, l’immoralità la fa da padrone!!!

  3. Maurizio Chierici

    Vorrei tranquillizzare Doriana Goracci: Raniero La Valle, Tana de Zulueta, Norberto Lenzi, Gianfranco Pasquino, don Paolo Farinella, ecc. – collaboratori della nostra rubrica ‘La Lettera’ – non hanno mai chiesto e mai riscosso alcun compenso. Saluti affettuosi