La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Se l'incapacità di un uomo viene definita "amore" (Merlo, Repubblica) vuol dire che gli uomini hanno un gravissimo problema nell'affrontare la paternità giorno per giorno. Le attenzioni ai figli sembra connaturata al femminile, ma non è padre chi feconda una donna. Lo è davvero chi si assume per tutta la vita la responsabilità della prole, come fanno milioni e milioni di madri, da sempre, in tutto il mondo

Bambini che muoiono dimenticati in macchina. Perché gli uomini non fanno i padri come le madri fanno le madri?

30-05-2011

di

Father figure - Foto di Les chiquotosIn un assolato pomeriggio estivo dell’ormai tropicale Torino, nella storica società di mutuo soccorso d’ambo i sessi “Edmondo De Amicis”, si discute a partire dal mio Letteralmente femminista. Una donna che si occupa di ricollocazione lavorativa, quel retravaillet che un decennio fa sembrava solo roba da donne che tentavano, dopo la gravidanza, di rimettersi in lista per tornare nel mondo dell’occupazione fuori dalle mura domestiche, interviene. 

Certamente esiste il problema del lavoro femminile, della precarietà, e quello della violenza. Ma vorrei dirvi del problema maschile: nel mio ufficio cominciano ad arrivare, per ricollocarsi, molti uomini, e sono preoccupata di quello che vedo e sento. A differenza di ciò che fanno le donne, che cercano di adattarsi nelle pieghe della crisi, mantenendo comunque inalterata quella capacità di fare acrobazie tra lavoro casalingo, prole, e lavoro fuori, provando persino a ricavare spazi per sé e la socialità, gli uomini arrancano, non negoziano, si irrigidiscono, scoppiano. E sembra che, ancora una volta, tocchi a noi farci carico anche della loro incapacità di cambiare, di mettere da parte l’orgoglio, di assumersi delle responsabilità da adulti, di crescere.

Ho ripensato a questa affermazione quando ho letto l’editoriale di Francesco Merlo su Repubblica, a proposito della seconda morte in auto di bambino dimenticato dal padre, intitolato: “Perché mi sento vicino a quei papà”.

Avevo già sussultato, qualche giorno fa, alle parole della moglie incinta del primo padre che aveva abbandonato la figlia; la donna aveva difeso il marito, sostenendo che quell’uomo del quale si parlava come di un assassino non aveva colpa, che era un buon padre. Mi ero soffermata, con la pelle d’oca e un senso infinito di angoscia, a pensare che non c’era altro modo per una donna di continuare a vivere con un uomo che di fatto ha ucciso la loro figlia, (da lei stessa partorita), soprattutto mentre nutre nella pancia un’altra creatura: l’unica strada per non impazzire era giustificare il suo compagno, continuando a credere in lui e nella sua umanità, opponendo alla disperazione che nemmeno riesco a immaginare una immane forza di volontà di volontà e fiducia che, per me, rasenta l’assurdo.

È possibile che sia più facile scrivere che ci si sente solidali con chi ha fallito, rispetto al sentirsi vicino a chi è vittima e senza colpa. Merlo lo fa benissimo, praticando quel ‘partire da sé’ che quando è menzionato come uno dei doni del femminismo dalle donne viene bollato come pratica non politicamente né socialmente rilevante.

Merlo dice che capisce quell’uomo, che definisce un padre che ha peccato per troppo amore, perché anche lui, spesso, tenta di essere madre oltre che padre della sua prole, e viene colto dal complesso dell’ippocampo, “l’unico animale maschio che prende su di sé la gestazione e si occupa lui delle uova. Ma – continua Merlo- è appunto lì che sta in agguato la disgrazia, nell’avere un cuore troppo grande e due occhi soltanto, nel volere fare quelle mille cose che mia zia ‘la signorina’ avrebbe commentato cosi: “‘mbriachi e picciriddi, centu occhi li devono guardare”.

È ben evidente che quegli occhi dei quali parla la zia signorina sono solo occhi di donne. E che gli uomini non sono capaci di quello sguardo circolare che invece si dà per scontato nelle donne, anche quelle più misere e di poca cultura. Ma se le donne sono così capaci di sguardo circolare e di attenzione, perché sono gli uomini a continuare ad avere il potere, un potere così miope e limitato nello sguardo quando si tratta di tutelare il bene più prezioso?

Credo che non esistano verità facili da esibire di fronte alla morte così insensata di due creature, ma una domanda mi sento di porla: perché il comportamento irresponsabile da parte di un uomo e di un padre può raccogliere così tanta solidarietà da essere addirittura trasformato in un gesto d’amore? Se l’incapacità di un uomo, (e come sembra dall’articolo di Merlo di tutti gli uomini che si provano nella titanica impresa di essere padri), viene definita amore, perché allora non dire che evidentemente c’è un gravissimo problema che gli uomini hanno nell’affrontare la paternità, quella concreta, quella di tutti i giorni? Continuiamo a dare per scontato che la maternità sia connaturata al femminile, ma evidentemente la paternità è ancora ben lontana dall’essere considerata, anche da uomini colti e riflessivi, una condizione che il maschile può pensare come cosciente e possibile.

Al di là della cronaca tragica di questi giorni il tema è importante e ci riguarda come collettività di donne e uomini. È padre non chi feconda con il suo seme una donna, ma un uomo che si assume la responsabilità per la vita della sua prole, come le donne fanno in miliardi nel mondo; chi viene cambiato nel profondo nel diventare tutore, guida, esempio e testimone della figlia e del figlio che la donna che lo accompagna ha generato.

Si potrebbe continuare con le descrizioni che raccontano la paternità, e che purtroppo non sono così frequenti e dettagliate come quelle che dicono il materno, perché l’amara verità è che oltre alla trita storia del ‘mammo’ non ci sono molte moderne narrazioni dell’amore e del ruolo paterno, al di là appunto della banalizzazioni.

Abbiamo alle spalle, e spesso ancora di fronte, le immagini dei padri padroni, ma possiamo davvero dire di avere un’altra dimensione adulta di padri da presentare come altrettanto forte e definita? Gli uomini stanno provando a pensarsi e a dirsi anche padri, oltre a navigatori, santi, eroi, guerrieri, indefessi lavoratori? Non ci può essere crisi economica, non ci può essere eccesso di impegni, non ci può essere alcuna sindrome di ippocampo a motivare una dimenticanza così atroce.

Dai tempi del mito di Ulisse è chiaro che il maschile non riesce ad accettare il senso del limite delle proprie capacità e risorse: il mondo globale ne è prova, e non sarà io a dire che le donne non sono ampiamente conniventi con questo sfacelo. Grande è la anche la responsabilità di molte donne, anche e soprattutto di quelle che continuano a fare il lavoro degli uomini al posto loro, procrastinando così la presa di coscienza maschile autonoma. Sono uomini, che ci si può fare, alcune cose non sono per loro, sembrano dire. È una profezia che si autoavvera: ed è così che i piccoli finiscono abbandonati in auto roventi.

Finché gli uomini non faranno un passo indietro rispetto alla smania superegoica che li allontana dalla materialità della vita e finché non si fermeranno a guardare i loro limiti, quelli del loro corpo e della loro forza non potranno né essere padri e neppure solo uomini. Ingranaggi, forse. Dov’è l’amore in tutto questo?

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/11. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Monica Lanfranco è giornalista e formatrice sui temi della differenza di genere e sul conflitto. Ha fondato il trimestrale di cultura di genere MAREA. Ha collaborato con Radio Rai International, con il settimanale Carta, il quotidiano Liberazione, con Arcoiris Tv. Cura e conduce corsi di formazione per gruppi di donne strutturati (politici, sindacali, scolastici). Insegna Teoria e Tecnica dei nuovi media a Parma. Il suo primo libro è stato nel 1990 "Parole per giovani donne - 18 femministe parlano alle ragazze d'oggi". Nel 2003 ha scritto assieme a Maria G. Di Rienzo "Donne disarmanti - storie e testimonianze su nonviolenza e femminismi" e nel 2005 è uscito il volume "Senza Velo - donne nell’Islam contro l’integralismo". Nel 2007 ha prodotto e curato il film sulla vita e l’esperienza politica della senatrice Lidia Menapace dal titolo "Ci dichiariamo nipoti politici". Nel 2009 è uscito "Letteralmente femminista – perché è ancora necessario il movimento delle donne" (Edizioni Punto Rosso).
 

Commenti

  1. patrizia grasso

    Brava! Cominciavo a sentirmi aliena a leggere i commenti precedenti…

  2. Tina Saccomanno

    Anch’io sono una madre, e so quanto siamo deboli noi esseri umani. Però sono rimasta disgustata dai prevalenti commenti assolutori nei confronti di quei genitori che hanno vissuto l’orribile esperienza di aver trovato morto un figlio per una propria dimenticanza. Secondo me un’assunzione di responsabilità ci vuole, altrimenti è come se venissimo meno al compito di tutelare i più deboli, tra cui i bambini neonati, che non possono urlare e difendersi da soli. Non ho sentito o letto molte parole di compassione nei riguardi di questi bambini, risultati uccisi, sia pur involontariamente, da una dimenticanza dei genitori.
    Riguardo alle giustificazioni addotte: abbiamo troppe cose da seguire, non sarà il caso di dare un taglio a qualcuna di queste incombenze?
    Rispetto poi a quanto dichiarato dallo psicologo Ammaniti e cioè che, in estrema sintesi, i maschi non sono adatti a fare i genitori, mi pare proprio un’orrenda e maschilistica giustificazione.

  3. Salvatore Messina

    Lei esce per fare spesa, lavorare, incontrarsi con l’amante e, come al solito, chi più ne ha più ne metta!
    Lui, idem con patate con l’aggravante di non possedere l’innata sensibilità di una madre!
    Comunque il problema è di una gravità stratosferica!

  4. Francesca Cristellotti

    …dimenticare:Perdere il ricordo di qualcuno o di qualcosa…
    Questi due casi ti lasciano smarrita. Mettono in discussione il significato della vita, la scelta di mettere al mondo un figlio. Il significato dei sentimenti, della capacità di amare. Parlare di giustificazioni è completamente fuori luogo, perché non ci sono giustificazioni, non esistono giustificazioni davanti alla morte di un bambino.
    Questi uomini e queste donne non potranno più guardarsi e illudersi che esiste qualcosa che li unisce. Il sentimento distruttivo insito negli uomini e nelle donne esce con prepotente crudeltà. Rimarranno solo le rovine di un tentativo di vita insieme.

  5. Lina Manca

    Non capisco come possa una donna continuare a vivere con il suo compagno, dopo un fatto così grave, senza che si scatenino istinti omicidi nei suoi confronti. Non trovo giustificazioni. Indubbiamente bisogna fermarsi, riconoscere i propri limiti e imparare a fare i padri giorno per giorno. Noi lo facciamo da secoli…

  6. Lina Manca

    Mi chiedo come facciano queste donne a continuare a vivere a fianco ai loro compagni senza che si sviluppino istinti omicidi nei loro confronti. Dobbiamo tutti fermarci un attimo a chiederci dove ci sta portando la società in cui viviamo, questa corsa frenetica a cui noi donne siamo abituate e che trova così impreparati gli uomini. Inutile dire che una madre non avrebbe trovato tanta solidarietà e giustificazioni, in noi c’è un istinto che non ci costa niente seguire, i padri devono ancora imparare. Scusate , ma non ci sto.

  7. Marco Intini

    Come padre e come uomo sono inorridito e indignato da queste notizie e dalle giustificazioni insostenibili che ne conseguono… Deve essere riacquistato il senso delle nostre vite… Dove sta lo scopo se per l’illusione del presente uccidiamo il futuro? Un dolore e una rabbia indicibile mi assalgono se penso a queste vittime innocenti di un modo di vivere distruttivo…

  8. rosa fioretti

    Non credo che serva giustificare questi genitori. In qualità di genitore e di tecnico mi sento molto vicina a loro per l’immenso dolore che un episodio del genere ha generato. Forse è proprio la necessità di arginare il dolore ciò che ci induce a trovare delle giustificazioni. Quello che mi colpisce sempre di più è una difficoltà dei genitori contemporanei a non considerare i figli come oggetti di loro proprietà, privi di esigenze autonome, oggetti che purtroppo si possono pure dimenticare.

  9. rita venezia

    Credo che la comprensione derivi dalla consapevolezza delle nostre fragilità (maschili e femminili). Anche io ho dimenticato mia figlia a scuola perchè stavo chiudendo un contratto con un cliente e non mi sono accorta del tempo che passava. Da allora ho sempre attivato la sveglia al cellulare. Il problema di fondo è che conduciamo una vita troppo frenetica nella quale spesso i figli, con i loro ritmi differenti dai nostri, diventano di “intralcio”. La mia può apparire un’ osservazione cinica ma pensateci un attimo……

  10. maurizio zippoli

    Perchè i padri dimenticano i figli in macchina?
    Provo a stare sulla questione; non mi sento in grado di entrare nel merito di giudizio: è talmente terribile che non oso.
    Rapporto maschio – macchina: sostitutivo della donna, ma direi per i più, la femmina, termine che non riconosce lo status umano del femminile, si ferma allo status animale. “Donne e motori..” se è successo in questo ambito, con queste modalità, esiste un potere ammaliante, de responsabilizzante della macchina, in grado di rimuovere il ruolo paterno, letteralmente: il padre delega alla macchina il ruolo custode deputato al femminile, dimenticando il figlio perchè altro da sè, come tutti i padri direi; la donna, madre, come custode del focolare, mentre l’uomo, in giro per il mondo, per il suo territorio, è a caccia, in guerra, non si sa.
    Il lavoro, resta territorio maschile, è ancora a dimensione maschile, non considera la paternità e in realtà neanche la maternità: non siamo riusciti, forse a differenza di altri paesi, magari quelli del nord, a femminilizzare il lavoro, più che a pretendere che le donne assumano tratti machili per dimostrare di essere in grado di ricoprire quei ruoli; succederà prima o poi, in questo gioco allo straniamento, che anche una madre dimenticherà il proprio figlio in macchina? Forse, se continua così, è ipotizzabile, terribilmente reale.
    So solo di una madre che ha “dimenticato” il figlio in frigorifero: anche questo diverso ambito è spia del diverso ruolo – la madre e il cibo, la conservazione del cibo, il nutrimento come veicolo affettivo -.
    Vedo pochi padri in giro, cioè uomini che vivono davvero il ruolo affettivo educativo con i figli; in questa organizzazione del lavoro, ancora, sono sempre le madri che ci sono, sono presenti come simbolo di esistenza della famiglia. I padri entrano in dissenso nel coniugare, collegare il mondo maschile, ma forse il mondo in senso generale con il sè e ancora di più faticano a trovare il sè e l’altro, il figlio.
    Forse questo mondo dimentica i propri figli, questa organizzazione del lavoro, del consumo, non educa, delega, tralascia, rimuove, altera: figli dimenticati davanti alla televisione,davanti al pc, ad una consolle qualunque, figli che aspettano un genitore all’uscita dalla scuola, figli che semplicemente aspettano che un essere umano, nel contorno sfocato di non si sa più quale famiglia, si decida a farsene carico, a metterseli sulle spalle, a fare il genitore, insomma.
    Magari i genitori, a loro volta, si sono persi in qualche centro commerciale, tempio della famiglia-non famiglia, anche questo, delegato al tempo libero, tutti insieme a consumare, piuttosto che in un parco all’ombra di un albero che non dimentica il peso del passero che pesa sulle sue foglie.
    C’è un bel libro di Luigi Zoja ” Il gesto di Ettore” che si occupa della paternità, storica, simbolica, il padre onnipotente, il padre assente. Il titolo è in sintesi l’atto più diretto, più affettivo che il padre può e deve compiere: Ettore, il grande guerriero troiano vuole abbracciare il figlio Astianatte, ma indossa l’armatura e il figlio non lo riconosce, si spaventa a vederlo così bardato, piange. Ettore allora si toglie l’elmo, si spoglia del suo ruolo e si rende riconoscibile: il figlio allora si lascia abbracciare.

  11. Ermanno Spina

    A me sembra di sognare: ferma restando l’inadeguatezza maschile in tanti campi della vita quotidiana sulla quale concordo ma alla quale la donna da’ un fortissimo contributo personale nel crescere l’uomo, mi chiedo come mai la cronaca e’ piena zeppa di madri che i figli li uccidono con le proprie mani.

    O forse che ucciderli con le proprie mani sia meno grave del “dimenticarsi di un figlio in macchina” ? Che le donne – e gli uomini che concordano – mi spieghino questa bizzarra scala di valori. Evitando di trovare scuse sociologiche scontate, prego.

    E all’ultima domanda (“Dov’è l’amore in tutto questo?”) che segue ad uno sproloquio gratuito della Lanfranco che attribuisce al maschio tutti i mali globali – come se le donne stessero a guardare inermi – risponderei che l’amore e’ semplicemente nello sforzarsi ad essere padre sapendo di avere dei limiti. Oppure si vuole negare anche questa possibilita’ al maschio? Vogliamo promuovere la famiglia monogenitoriale al femminile come la perfezione assoluta? Fate voi, io ne avrei paura.

    Ma quello del padre del resto e’ un ruolo che mai le donne accetteranno che un qualsiasi essere (sovr)umano possa fare come e meglio di quanto loro sappiano fare le madri.

    E mi chiedo: quando le donne la finiranno di pensare di essere le uniche a reggere il mondo e cominceranno a condividere responsabilita’, ruoli, colpe e meriti della loro vita allontanandosi da quel mito di perfezione che le permea in troppi giorni della loro vita? Vedo troppo raramente madri che gia’ lo fanno con i propri figli e quando lo fanno e perlopiu’ necessita’ impellente non per libera scelta.

    Un buon inizio e’ quello – come in alcuni commenti – di iniziare TUTTI a rallentare il nostro quotidiano che ci sta portando alla distruzione di valori, mentale e fisica le cui conseguenze sono sotto gli occhi di TUTTI.

L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »