La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Come nel gioco delle tre tavolette, Alfano-Berlusconi incantano con la pistola puntata del Processo Breve nella finzione che nasconde il "Legittimo Impedimento". Rimandare e dimenticare. Come se una banda di rapinatori minacciasse di uccidere gli ostaggi per ottenere la fuga con bottino sull'aereo messo a disposizione dall’opinione pubblica. È già successo nel Conflitto di Interessi: chi ha il coraggio di parlarne ancora?

Norberto LENZI – Berlusconi-Mandrake: dietro la maschera del processo breve nascondeva il “legittimo” impedimento

25-01-2010

di

I giuochi sembrano fatti anche questa volta. Pare incredibile che chi di dovere non ne abbia ancora la percezione. Eppure lo schema d’azione è lo stesso che due anni fa ha mandato in goal il lodo Alfano. Schema efficace e collaudato. D’altra parte, come si dice, squadra che vince non si cambia. Purtroppo da noi non si cambia nemmeno la squadra che perde.

Dovrebbe essere evidente che il processo breve è solo una pistola puntata che ha lo scopo di far ottenere via libera al legittimo impedimento. Questo fallimentare risultato verrà ancora una volta presentato come “il male minore” e le opposizioni si dichiareranno moderatamente soddisfatte per avere impedito lo sfascio della giustizia. Una sconfitta presentata come una vittoria.

Sarebbe come se una banda di rapinatori minacciasse di uccidere gli ostaggi se non viene loro consentita la fuga con il bottino con un aereo messo a loro disposizione. Nell’esempio proposto si immagina che i delinquenti si rifugerebbero in qualche recondito angolo del mondo (da latitanti o da esuli, secondo il grado) per godersi il denaro rubato. Mai però verrebbero richiamati per sedersi con i poliziotti al tavolo della riforma della giustizia, come invece avverrà da noi.

Ma che cos’è infine questo legittimo impedimento che si vuole introdurre? Una truffa terminologica diretta ad una procurata evasione dal processo. Perché l’istituto esiste già: chi, difensore o imputato, il giorno della udienza non può comparire per un valido motivo ottiene sempre il rinvio. Ci sono poi, come nella fattoria orwelliana, imputati che sono più impediti degli altri.

Quando Previti, che aveva il record dell’assenteismo parlamentare, per procurarsi fittizi impedimenti si trasformò in deputato stakanovista (infilandosi in tutte le commissioni possibili per non far mancare il suo prezioso contributo nel dibattito sul pericolo di estinzione del picchio rosso in Val Brembana o sui danni della peronospora nell’astigiano), la Corte Costituzionale regolamentò il conflitto tra impegni parlamentari e giudiziari in termini estremamente generosi per i politici.

Ma questo non è bastato. Oggi si dice che l’impegno politico è sempre e comunque ostativo alla presentazione in giudizio. Questa è cosa nuova e diversa. È un po’ come quella che i giuristi latini chiamavano presunzione juris et de jure, che non ammette prova contraria. Berlusconi, per esempio, potrà visitare altre 22 volte i terremotati o essere visitato tutte le volte che vuole da personcine con trucco leggero e nessun giudice gli potrà più dire: almeno una volta vieni da me.

Cosa ci sia di legittimo in questo non è dato comprendere. O l’impedimento c’è e allora si valuterà (anche in termini di estrema benevolenza) se è legittimo o pretestuoso, oppure l’impedimento non c’è e allora non esiste motivo per sottrarsi al giudizio. Berlusconi è stato sottoposto a tanti processi (un po’ meno di quelli che lui dice) che hanno comportato forse centinaia di udienze, ma, a quanto ricordo, si è presentato in aula solo un paio di volte. Però non ha mai allegato impedimenti, lasciando gestire i processi dai suoi avvocati.

Questo cambio di strategia ha tempi relativamente recenti. E non perché non fosse pagante, ma perché pareva opportuno attendere un ulteriore deterioramento del clima di legalità, che si è puntualmente verificato. Quello che qualche anno fa sarebbe apparso impresentabile oggi è diventato arrogantemente proponibile.

Accade un po’ come per il conflitto d’interessi. Un tempo sul tema ci fu un dibattito, anche acceso. Oggi chi lo ripropone si sente rispondere: ma questa è cosa di 15 anni fa.

Anche nel 1935 se si fosse chiesto perché il partito socialista e quello popolare non potevano presentarsi alle elezioni avremmo avuto la stessa risposta. Ma allora c’era una dittatura.

Norberto Lenzi, magistrato in pensione. Pretore a San Donà di Piave e a Bologna fino all'abolizione delle Preture (1998), è stato giudice unico del Tribunale e consigliere della Corte di Appello di Bologna.
 

Commenti

  1. antonio piarulli

    Anche nel 1935 se si fosse chiesto perché il partito socialista e quello popolare non potevano presentarsi alle elezioni avremmo avuto la stessa risposta. Ma allora c’era una dittatura.oGGI LA SERIA PREOCCUPANTE VOLONTà DI REINTRODURLA!

  2. Giovanni B. Baggi

    La ns. “opposizione” ancora non ha capito che con personaggi del genere è inutile qualunque confronto per cui, giustamente come ha fatto osservare Stefano Rodotà, il B. deve essere isolato e io aggiungo anche tutti i suoi cortigiani.

  3. Salvatore Salzano

    se ci chiediamo come possiamo essere arrivati a tanto senza che nessuno si opponesse rischiamo di non comprendere il problema. Sarebbe fuorviante parlare di ingenuità delle opposizioni. La storia del conflitto di interessi è esemplare….. credo che leggere il bel libro di Marco Travaglio “Se li conosci li eviti” possa aprire gli occhi anche a molti elettori di sinistra. Purtroppo!

  4. Laura Di Nitto

    Se siete stati al NO B DAY avrete senza dubbio incontrato il sig. Mandrake…
    la band Nuove Tribù Zulu era sul palco proprio con lui!

    ecco il video http://www.youtube.com/lalladinit e il testo della canzone qui di seguito.

    SIGNOR MANDRAKE

    Su le mani su le mani
    Mandrake sta arrivando
    col cilindro ed il mantello
    vedrai ti stupirà

    Giù le brache giù le brache
    vedrai che bel trucchetto
    con le tasse hai già pagato
    la sua pubblicità

    Ha soltanto il vizio di lessarti piano piano
    lui è un telemago pieno d’affabilità
    tu non hai più un euro ma lui viaggia in aeroplano
    è un prestigiatore e non ha pietà

    E’ Mandrake

    E’ Mandrake è Mandrake
    è il capomafioso avido e viziato
    fa di tutto un po’ razzia

    E’ Mandrake è Mandrake
    ed ha un tic nervoso
    alza il braccio come il duce
    ma è in democrazia

    Cara Italia ma cos’altro ti deve accadere
    quanti idioti in questa giostra e quando finirà?
    soldi sporchi abusivismo e droga del potere
    c’è chi minimizza nella complicità

    Signor Mandrake ormai stai uscendo pazzo
    Signor Mandrake ma non sei mai sazio però
    Signor Mandrake fai un altro miracolo
    Signor Mandrake chiudi lo spettacolo

    Su le mani su le mani
    Mandrake sta arrivando
    col cilindro ed il mantello
    vedrai ti stupirà

    Con Pinocchio con Pinocchio
    suo amico personale
    se ne vanno in Svizzera
    a cantare laliuuù

    Guarda se a qualcuno
    non gli fa girar la testa
    disperato disoccupato
    magari gli fa una festa
    perché a forza di tirare
    la corda si spezza
    e non può finire sempre come dici tu

    E’ Mandrake

    Signor Mandrake ormai stai uscendo pazzo
    Signor Mandrake ma non sei mai sazio però
    Signor Mandrake fai un altro miracolo
    Signor Mandrake chiudi lo spettacolo

    Signor Mandrake dai fuggi via in fretta
    noi di sicuro non ti diamo retta
    Signor Mandrake tu non sei un oracolo
    Signor Mandrake ormai ci sei d’ostacolo
    con il tuo circo il tuo carrozzone
    e i tuoi pupazzi in televisione

  5. Filippo L.

    Visto quello che questi banditi stanno cercando di fare per salvare il capo dai suoi processi, forse era meglio che si approvasse il Lodo Alfano… con questi cialtroni delinquesti impuniti bisogna pensare sempre al meno peggio!!!

  6. Giovanna Arrico

    Riprendo una frase della canzone sopra citata “chiudi lo spettacolo”.Ecco chiederei di chiudere il sipario,per non aumentare ancora i problemi di chi ha seri problemi e lotta per la quotidiana spèravvivenza,per non aumentare il malcontento del popolo italiano,per non rischiare di entrare veramente in un’altra guerra civile.