La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Ancora quelli di Victor Hugo e di Paolo Valera? Sì. Storia del «numero 58» impiccato in carcere. “Quando ho cominciato a fare il giornalista…”

Cambiano i governi, restano i miserabili

21-11-2011

di

 Nei giorni scorsi ho sentito una notizia: nelle carceri italiane si è arrivati al detenuto suicida numero 58, e ho fatto i conti. Dal 1° gennaio al novembre 2011 si è «suicidato» un detenuto ogni cinque giorni e mezzo, poco meno di sei al mese. Scrivo sempre la parola «suicidio» tra virgolette, perché molti insegnano che non tutte le notizie che danno i mass media corrispondono a verità. Può darsi, insomma, che giornali, radio e tv facciano degli errori. Tanto è vero che, talvolta, si viene a sapere di indagini giudiziarie su un caso o sull’altro che, all’inizio, parevano chiarissimi. Poi i giornali se li dimenticano e scompaiono: in fondo, per i lettori la notiziola di un morto in carcere ha il peso di una mosca sulla schiena di elefante.

Il suicida numero 58 di quest’anno si trovava in prigione perché aveva tentato di uccidere la compagna, la madre e la sorella. I mass media dicono che, in cella, si è impiccato. Mi sembra giusto che la società si sia difesa mettendolo in grado di non uccidere né le tre donne, né altri, ma ogni cittadino si domanda se non fosse il caso di metterlo in condizione di proteggersi anche da se stesso. Se era così fuori di testa da volere un eccidio familiare, forse era il caso di provvedere affinché non scatenasse la sua pazzia contro di sé. Come? Questo è il compito di chi si occupa di giustizia: dai magistrati in avanti. La cronaca prende nota che un uomo ha cercato di spegnere tre vite, e, non riuscendovi, ha spento la propria mentre la società in teoria lo custodiva.

Quando cominciai a fare il giornalista, venni subito spedito nei commissariati di polizia e in questura a raccogliere notizie: per anni ho seguito la cronaca nera e quella giudiziaria. Adesso, il gossip, le chiacchiere, la curiosità, si appuntano soprattutto sui fatti di sesso. I delitti, le rapine alle banche, i furti, erano gli argomenti che più attraevano i lettori negli anni Cinquanta e Sessanta; poi è arrivato il Sessantotto ed è cambiato tutto. Noi cronisti, in una grande città, prendevamo nota di tutto e di quel periodo abbiamo in testa centinaia di casi umani, centinaia di storie, di personaggi, dalla contessa Bellentani (che uccise l’amico durante una festa di vip), alla saponificatrice di Correggio (che faceva bollire le sue vittime nella soda caustica), a Caterina Fort (la quale sterminò moglie e figli dell’amante), allo scontro giudiziario politico e morale De Gasperi-Guareschi, e così via.

I cronisti di «nera» conoscevano ambienti sordidi e sfavillanti, intellettuali e miserabili degni dei racconti di Hugo, Balzac, Paolo Valera. Il caso del «suicida numero 58» mi ricorda quello di un povero diavolo degli anni Cinquanta che, rimasto disoccupato e solo, un giorno staccò la corrente elettrica del suo appartamento, chiuse le finestre e aprì il gas. Non voleva far saltare in aria i vicini, voleva morire. Ma, poi, sarebbe scoppiato tutto ugualmente. Fu salvato appena in tempo.

Mandato in carcere, ebbe una pena lieve: era considerato seminfermo di mente. Nessuno pensò di seguirlo, di tenerlo temporaneamente in cura presso qualche istituto. Non un medico, uno psichiatra, un ufficio penale, un semplice assistente sociale, un samaritano. Uscì dal carcere, senza un lavoro, senza una famiglia, senza nessuno. E allora? Fu rispedito a casa. Si immagini che colpo fu per i suoi vicini. Era solo prima, era solo dopo. Non ricordo l’anno, né ho mai conosciuto la sua fine, ma anche lui è un «numero 58». Non ci fu giustizia, né serietà burocratica, non società civile né cristiana. Dove siamo finiti?

Voce dal cortile: «Accendi la tv che c’è la partita».

Mario Pancera, giornalista e scrittore. Tra i suoi libri, una testimonianza diretta e affascinante su Don Mazzolari, parroco dalla parte dei contadini diseredati: “Primo Mazzolari e Adesso: 1959- 1961” ('Adesso' era il giornale che Mazzolari pubblicava). Ultimo lavoro di Pancera “Le donne di Marx”, edizioni Rubettino
 

Commenti

  1. Mauro Matteucci

    Abbiamo smarrito la nostra umanità, dimenticando che il vero valore dell’etica non è rivestire dei ruoli, ma stare nell’umano e con l’umano.

L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »