La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Salute »

I medicinali per la prevenzione di questo genere di tumore si mostrano efficaci nel ridurre le neoplasie meno aggressive. Non quelle pericolose. Le evidenze in uno studio europeo

Cancro alla prostata: la chemio per il momento non salva la vita

16-09-2010

di

A prima vista i dati sulla prevenzione del carcinoma alla prostata con il medicinale Dutasteride sembrerebbero confortanti. Dai primi risultati dello studio europeo Reduce, pubblicati di recente sul The New England Journal of Medicine, emerge infatti che l’assunzione regolare di Dutasteride (agisce inibendo la produzione del testosterone) riduce di circa il 20 per cento l’incidenza del carcinoma alla prostata rispetto alla popolazione di controllo non trattata con il farmaco. Ma l’efficacia del suo uso preventivo nel ridurre la mortalità è ancora da dimostrare.

A sottolinearlo è un articolo pubblicato sulla rivista Dialogo sui farmaci (“Dutasteride e cancro alla prostata. La verifica delle ipotesi scientifiche” numero 4 – 2010). Lo studio Reduce, fa notare l’autore Stefano Ciatto, compara un gruppo di volontari trattato con Dustasteride e un gruppo trattato con il placebo. Come indicatore della presenza o meno del carcinoma al termine dello studio, viene praticata una biopsia multipla della prostata ai componenti di entrambi i gruppi. Sappiamo però che questo esame istologico identifica anche i carcinomi prostatici non pericolosi, cioè quelli “silenti”, non destinati a manifestarsi nella loro forma aggressiva se lasciati al loro decorso naturale. Di conseguenza, nello studio si finisce per valutare l’efficacia del farmaco nella stessa misura sia nelle forme pericolose della malattia sia in quelle non pericolose.

In buona sostanza, i risultati di Reduce aprono tre scenari differenti. Uno: la riduzione del 20 per cento nell’incidenza del cancro alla prostata nel gruppo trattato con Dutasteride si manifesta esclusivamente a carico dei carcinomi non aggressivi, cioè quelli che hanno una bassa probabilità di essere mortali. Due: i cancri prostatici con una buona probabilità di essere mortali risultano altrettanto frequenti sia nel gruppo trattato con il farmaco sia in quello trattato con il placebo (controllo) Tre: i tumori molto aggressivi sono decisamente più frequenti nel gruppo trattato col farmaco (rispetto al controllo).

D’altronde, anche una precedente sperimentazione clinica con un altro farmaco per l’iperplasia prostatica (Finasteride) aveva manifestato un mancato effetto di riduzione dei cancri aggressivi.

Per finire, visto che l’obiettivo della prevenzione con Dutasteride dovrebbe essere la riduzione della mortalità, usare questo farmaco sembra inutile. Comunque, dati più certi li avremo tra due anni. Quando si terminerà la seconda parte dello studio REDUCE, focalizzata sulla mortalità da cancro alla prostata.

Stefano Ciatto, Università di Padova, collabora a "Dialogo Farmaci", rivista indipendente di informazione e aggiornamento sanitario.
 

Commenti

  1. Vincenzo Brancatisano

    E ora provate a inserire quest tre parole (melatonin prostate cancer) nella più grande banca dati mondiale medico scientifica, dunque della Medicina convenzionale, fornita dal sito della U.S. National Library of Medicine – National Institutes of Health. A questo punto, letti i risultati, rivenibili nelle conclusioni dei singoli abstract, chiedetevi il perchè del silenzio dei nostri medici e della stampa specializzata in merito all’efficacia della melatonina nella cura del cancro alla prostata. La melatonina (MLT) è il farmaco principe della Multiterapia Di Bella nella quale la sostanza naturale è associata a somatostatina, retinoidi e bromocriptina. Ecco il sito:
    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed