La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

C'è posta per noi »

Cari ragazzi, non fate regali per la festa della mamma, festa dei bottegai. Come festeggeranno le mamme del Guatemala?

07-05-2010

di

Cari ragazzi, il 9 maggio è la Festa della Mamma. Ma è soprattutto un trucco commerciale perché le madri si festeggiano tutti i giorni. Voglio dunque protestare per l’uso commerciale dei sentimenti familiari. La grancassa delle vetrine e del richiamo sui giornali con giornalisti che si prestano al gioco, ha lo scopo di ingrossare gli affari di gente che magari non paga le tasse. Cari ragazzi, alle madri basta un bacio quando tornate da scuola o dal lavoro. Non spendete che non è il momento. Leggete invece le righe che seguono.

Le mamme donne del Guatemala

di Stefania Garini, Civs e Banca Etica, Torino

Il 9 maggio in tutto il mondo si fa festa ricordando il ruolo delle mamme nella vita di ciascuno di noi e nella costruzione di una società migliore. Ma che succede in Guatemala, dove il 50% delle donne diventa mamma prima della maggiore età e la mortalità materna è tra le più alte dell’America Latina? Il paese inoltre è il primo del continente per numero di donne uccise, spesso per mano di mariti, conviventi o parenti. Ebbene, proprio in Guatemala le madri del popolo Maya Ixhil – discriminate in quanto indigene e in quanto donne, escluse dal mondo della scuola e del lavoro – si stanno rimboccando le maniche per combattere le violenze e le disuguaglianze.

Queste madri coraggiose hanno dato vita in Quiché, una delle zone più disastrate, a una Red, network di associazioni femminili impegnate a promuovere i diritti umani e di genere. Tra le iniziative della Red, sviluppate con l’associazione italiana Cisv (www.cisvto.org): accoglienza di donne in fuga dalle violenze domestiche, sostegno psicologico e legale, corsi di alfabetizzazione e formazione professionale, seminari per conoscere i propri diritti. La Red promuove anche l’educazione sessuale di bambine e donne, poco consapevoli del proprio corpo e della propria sessualità, al punto che sono gli uomini a decidere su numero e periodo di gravidanze.

Per dare migliori opportunità di vita alle giovani e alle mamme Ixhiles, la Red ha inaugurato in questi giorni una Defensoria, cioè una casa d’accoglienza che comprende spazi per l’infanzia, laboratori e persino un auditorium e una caffetteria con area espositiva per le attività culturali. Quest’anno per loro sarà finalmente festa!

 

Commenti

  1. sergio

    giusto, molto giusto