La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

C'è posta per noi »

Caro conduttore di Prima Pagina (Radio 3), la Fiom ha perso perché Cisl e Uil sono sempre al servizio del padronato Fiat

28-04-2011

di

Dalle sue prime battute vedo che parteciperà all’assedio della Fiom come tanti giornalisti “embedded”, a cominciare dai signori del Sole 24 Ore che lei ha citato. Il grande storico Castronovo – come lei lo definisce – fa derivare le sconfitte della Fiom dal fatto che perde sempre con la Fiat. La Fiat che vende i gioielli della industria automobilistica italiana per comprare azioni della Chrysler e si accinge a chiudere le nostre fabbriche dopo aver fagogitato ed omologato ai suoi livelli miserrimi la grande Alfa Romeo e la Lancia. La Fiat che certamente non possiamo definire pensosa degli interessi dell’Italia e che si permette di fare cose che solo in un paese di servi sono possibili.

Se la Fiom ha perso contro la Fiat è perchè c’è in Italia una situazione sindacale abnorme, con Cisl e Uil sempre al servizio del padronato e contro i lavoratori. La causa intentata dalla Fiom vi farà diventare pazzi e dovrete ricorrere ad un colpo di forza politico legislativo per ovviarne le gravi conseguenze. I lavoratori Fiom saranno meglio pagati e più tutelati dei lavoratori della Cisl e della Uil firmatarie di contratti meno rispettosi delle loro esigenze. Si aprirà una bella contraddizione e dovrete consolare Bonanni.

Ultima cosa: siete come tori che caricano sempre a testa bassa. Oggi, un uomo di cultura degno di questo nome, un giornalista già pensionato, dovrebbe rendersi conto che non c’è da assediare la Fiom ma la Marcegaglia e Marchionne. Per il bene dell’Italia.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/12. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Già membro dell'Esecutivo della CGIL e del CNEL, Pietro Ancona, sindacalista, ha partecipato alle lotte per il diritto ad assistenza a pensione di vecchi contadini senza risorse, in quanto vittime del caporalato e del lavoro nero. Segretario della CGIL di Agrigento, fu chiamato da Pio La Torre alla segreteria siciliana. Ha collaborato con Fernando Santi, ultimo grande sindacalista socialista. Restituì la tessera del PSI appena Craxi ne divenne segretario.