La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

C'è posta per noi »

Caro Domani, l’orrore dei bambini pappagalli che cantano e scodinzolano in Tv

21-11-2011

di

Ho quattro nipoti, tra i 5 e gli 11 anni. Tre bambine e un ragazzo ormai “grande”. Il sabato sera restano alzati per guardare la trasmissione condotta da Antonella Clerici, mi pare si chiami “Ti regalo una canzone”. Protagonisti bambini-pappagalli vestiti e obbligati a sembrare grandi. Bambine travestite da entraineuse: sculettano, sospirano nell’imitazione sconfortante delle esibizioni dei cantanti adulti. Per non parlare dei maschietti, occhi chiusi, sguardi languidi e magari un vocione che comincia. Due settimane fa uno schricchiolino di bambina è scoppiata a piangere: a sorpresa la Clerici ha tirato fuori il padre e la piccola non lo sapeva e si è commossa o terrorizzata fino alle lacrime. Bel colpo per lo spettacolo ma anche un colpo per la sensibilitù dei poveretti che resteranno per sempre plagiati dalla fama evanescente della comparsata televisiva. Com’è possibile che nei tg i bambini vengano giustamente sfuocati perché la loro immagibne è protetta dal buonsenso fino alla maggiore età, ed eccoli sfruttati per l’audience quando la pubblicità paga e la rete Uno ha convenienza a fare il pieno. Bisogna dire che altri bambini hanno cantato ogni pomeriggio per una settimana, leggendario Zecchino d’Oro. Anche loro da condannare? Nemmeno per sogno. I miei bambini li imitavano senza ritrosie o sdiliquimenti perché nello Zecchino restano bambini con le loro filastrocche a volte noiose ma che piacciono ai piccoli della mia famiglia. Ripensandoci i due spettacoli rappresentano due Italie. Il paese dei vecchi balocchi, il paese dei magnaccia furbi disposti a passar sopra ad ogni innocenza pur di fare spettacolo.

 

Commenti

  1. Florestana Piccoli Sfredda

    Quanto sono lieta di poter finalmente esprimere anche per iscritto ciò che da anni continuo a pensare, ogniqualvolta c’è un programma in cui si esibiscono bambini che (non per loro colpa!) scimmiottano gli sdulti! Perchè i bambini non restano bambini??
    Io punto il dito contro i genitori, non contro le piccole vittime di una cultura sbagliata, sostenuta dalla vanità di genitori i quali NON assolvono al loro compito di educatori. AìConcludo: W Mago Zurlì! W Topo Gigio!

  2. Domenico Boiocchi

    finalmente c’è ancora qualcuno che non si fa abbagliare dal dio televisore ed ha il coraggio di urlare che il re è nudo.

  3. DEANNA MiCHELONI

    Mi unisco al coro…
    Non mi ricordo se era dalla Clerici o da Jerry Scotti,ma facendo zapping ho sentito un bambino/a cantare la canzone di Don Baky, interpretata magnificamente da Mina
    ” Me ne sto li seduta assente”… che è una storia di malattie mentali, di manicomi ( perchè a quei tempi si chiamvano cosi)di una tristezza abissale.
    Mi sono chiesta: ma come si fa a far cantare una canzone cosi ad un bambino/adolescente?? Ma quell’autore la farebbe cantare a suo figlio?? Non solo ma ci sono canzone che non sono assolutamente adatte ad un bambino… Insomma un pò di decenza! Ho spento la televisione perchè mi ha veramente fatto girare lo stomaco!!Sono d’accordo che è la stupidità e la vanità dei genitori, che rende queste creature dei Mostri!W lo Zecchinio d’Oro e il Coro dell’Antoniano !

  4. ANNA DALLOCCHIO

    sono perfettamente d’accordo,allora non ero solo io a disgustarmi per quelle esibizioni (che peraltro non vedo,capita ogni tanto uno spezzone nel BLOB di RAI3)