La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

C'è posta per noi »

Caro Domani, se Pavia festeggia Alberto da Giussano, dovrebbe festeggiare anche quel terrone di Ruggero II

14-03-2011

di

Vedere il Presidente del Consiglio ornato dal fazzoletto verde nel taschino della giacca per compiacere Bossi ci tira su di morale perchè significa che, nonostante il governo e il suo capo siano sputtanati dalle televisioni e dai giornali di tutto mondo, le condizioni del paese devono essere tanto buone da permettere ai nostri governanti di vivere in perenne clima di goliardia. Non è più la satira che frusta e sbeffeggia il potere come nella migliore tradizione della commedia dell’arte e del teatro erede di Aristofane e degli altri classici, ma sono gli stessi politici che fanno spettacolo per compiacere gli organi di informazione, i famigli, i cortigiani e, soprattutto, le cortigiane.

La Lega di Bossi è indubbia protagonista di questa stagione di ricorrenza dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Nel Consiglio Regionale della Lombardia di feste ne hanno deciso addirittura due: quella per l’Unità d’Italia e l’altra che ricorda la vittoria della Lega Lombarda a Legnano contro Federico Barbarossa. Io vivo a Pavia e sono imbarazzato come tutti i cittadini pavesi perchè il Comune di Pavia si schierò con Barbarossa, incoronato re d’Italia nel 1155, a soli 32 anni, nella splendida basilica romanica di San Michele. Perciò mi toccherà proporre al Sindaco di centrodestra di inventare un’altra data per festeggiare tre volte: l’Unità d’Italia nel nome di Adelaide Cairoli che con orgoglio ha dato alla Patria quattro figli morti per questa Italia; la vittoria di Alberto da Giussano contro l’imperatore come vogliono la Regione, la Lega di Bossi e, penso, anche la maggioranza dell’amministrazione comunale di Pavia; la disubbidienza e il coraggio di Pavia, capitale d’Italia per due secoli, che con orgoglio si è schierata contro la Lega Lombarda e ha sostenuto l’imperatore tedesco. Insomma, una bella carnevalata all’italiana che salvi capre e cavoli. Forse nell’occasione vale anche la pena di far conoscere a Bossi e ai Leghisti un pezzettino di storia: quel terrone di Ruggero II, grande re normanno, da Palermo finanziava gli antenati di Bossi perchè temeva la discesa e il potere in Italia del Barbarossa.

Elio Veltri, medico chirurgo, è stato sindaco di Pavia dal 1973 al 1980. Eletto alla Camera dei deputati nel 1997, ha partecipato alle commissioni antimafia, anticorruzione e giustizia. È portavoce dell'associazione "Democrazia e Legalità". Tra i suoi libri: "Milano degli scandali" (scritto con Gianni Barbacetto, 1991), "L'odore dei soldi" (scritto con Marco Travaglio, 2001), "Mafia pulita" (scritto insieme al magistrato Antonio Laudati, 2010).