La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Insegnanti, dirigenti, intellettuali scrivono all’onorevole Frattini

Antonio Umberto RICCO’ – Caro Ministro, noi italiani all’estero ci vergogniamo

19-09-2009

di

Caro Ministro Frattini,
siamo tra quelli che Lei – in un’intervista al Corriere della Sera del 3 settembre – ha definito gli “italiani che non amano il loro Paese”, spiegando poi che si riferiva “a chi, per attaccare il capo del governo, infanga l’Italia all’estero presentandola come un Paese di corrotti e offuscatori della libertà di espressione”.
Nel suo parere ci sembra che Lei incorra in due gravi errori, il primo dei quali è quello di scambiare per colpevole chi segnala l’esistenza di un problema, che è un po’ come arrabbiarsi con il meccanico che ha trovato un guasto.
Possiamo ben comprendere come la sua vicinanza al premier la porti a questa scomposta difesa d’ufficio. Chissà quante volte, soprattutto in occasione dei suoi viaggi, ha dovuto confrontarsi con imbarazzo con la pessima immagine che il governo italiano e il suo leader hanno ormai all’estero. Infatti, non possiamo credere che non siano giunte fino a Lei le opinioni che circolano nei luoghi della politica internazionale, in cui l’Italia ha ormai meno credito di quello di paesi molto meno importanti sul piano politico ed economico. Se davvero nessuno dei diplomatici di cui si circonda Le avesse ancora riferito questa realtà – ma dubitiamo fortemente sia così – cerchi al Ministero degli Affari Esteri qualche diplomatico capace di parlarle con schiettezza e sincerità e si faccia spiegare come stanno le cose.
D’altra parte il suo ufficio stampa Le avrà certo riferito con quali toni i media di mezzo mondo parlano ormai del nostro Paese: giornali conservatori, liberali, progressisti hanno fatto il loro lavoro, hanno riferito le brutte notizie che arrivano dal Bel Paese ed espresso le loro opinioni. Nulla di più, nulla di meno. Lo hanno fatto perché questo è il compito di una libera stampa, non sottomessa ai voleri dei potenti di turno.
Non sono, dunque, solo quelli che Lei definisce con sprezzo “gli italiani che non amano il loro Paese” a criticare il Governo italiano e il suo leader! E qui ci permettiamo di segnalarle il secondo grave errore della sua valutazione: non è odio verso l’Italia né indifferenza verso l’involuzione della politica italiana a motivare le nostre critiche. Tutt’altro! Al contrario, è proprio l’amore per l’Italia, intesa come il patrimonio collettivo di civiltà costruito a fatica in migliaia di anni di storia, a motivarci nel far sentire la nostra piccola voce.
Se davvero vuole cambiare questa situazione, non perda tempo nel cercare colpevoli che tali non sono. Corra invece dal Presidente del Consiglio e usi tutta la Sua influenza per convincerlo a cambiare registro e politica. Gli spieghi che in un Paese davvero democratico la stampa non può essere asservita al governo; che fare domande ai politici, anche le più imbarazzanti, è un dovere oltre che un diritto per un buon giornalista. Cerchi di convincerlo, almeno per il futuro, a evitare figuracce – sue innanzitutto, ma che inevitabilmente coinvolgono il Paese che rappresenta – ostentando comportamenti non consoni al ruolo che ricopre. Gli spieghi che per milioni di italiani che hanno trovato ospitalità all’estero la politica dei respingimenti degli immigrati in mare aperto e la loro consegna alle carceri del dittatore Gheddafi suona come un insulto alla Storia della nostra emigrazione. Informi il Presidente che la crisi economica esiste anche in Italia, anche se nel lusso delle sue ville si avverte certo meno che nelle abitazioni di tante normali famiglie.
Ci creda, signor Ministro, ci farebbe molto piacere essere orgogliosi dell’Italia moderna, di un’Italia democratica e civile, governata con saggezza e umanità da politici che pongano valori e interessi collettivi sopra al loro personale tornaconto. Solo per questo critichiamo l’esistente e continueremo a farlo, indipendentemente dalle Sue scomuniche.
Con i migliori saluti

Antonio Umberto Riccò, Hannover (Germania; Graziano Priotto, Radolfzell (Germania) / Praga (Rep. Ceca); Armando Accardo, Mannheim (Germania); Giovanni Pollice, Hannover (Germania). Seguono altre 90 firme.

Riccò si è occupato di progetti scolastici italo-tedeschi presso gli uffici consolari italiani a Berlino, Francoforte, Hannover e all’ambasciata italiana. Accado è stato dirigente a Francoforte, Dortmund e Friburgo. Priotto ha insegnato attorno al Lago di Costanza e a Parigi. Pollice è funzionario del sindacato tedesco IG BGE (miniere, chimica ed energia). Dirige l’ufficio lavoratori stranieri.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Antonio Umberto Riccò, ex dirigente scolastico, si è occupato per molti anni della scolarizzazione dei figli di emigrati italiani in Germania Hannover. Cura con altri amici il sito www.aussorgeumitalien.de. Ha pubblicato presso l'editrice alpha beta di Merano i romanzi "Biscotti al cardamomo" (sui profughi afgani in Italia, 2009) e "C'era in Germania un Girasole" (sulla dittatura nella Germania Orientale, sett. 2010). Web: www.antonioricco.it e www.antonioricco.eu
 

Commenti

  1. Antonio Umberto Riccò

    Chi condivide il contenuto della lettera aperta può sottoscriverla online andando a questa pagina web: http://www.antonioricco.it/cgi-bin/adesione/adesione.pl

  2. nicla scatizzi

    I can’t agree with you more…. nicla

  3. Paolo Merlo

    Condivido al 100% quanto denunciato…
    Da cittadino italiano di sangue misto per nazionalità (italiano, austriaco, ceko, ungherese) e per religione (cattolico, evangelico ed ebreo) ed avendo i bisnonni morti nei lager nazisti ed una cugina violentata per la pulizia etnica dei soldati dell’ex-Jugoslavia, quando il b. ha detto che “l’Italia non deve essere multietnico” ho chiesto, senza risposta, al prefetto di rinunciare alla cittadinanza italiana. Quando è stato approvato il “ddl sicurezza” ho fatto nuovamente domanda, con risposta: non si può diventare apolidi…
    Ma come si fa a vivere in un paese (minuscola voluta!) rappresentato da tanta ignoranza???

  4. Gianna Zucca

    Condivdo la lettera al ministro Frattini. Gli italiani che incontrano amici, ma oramai anche conoscenze occasionali, stranieri hanno sempre dovuto rispondere alla loro incredulità rispetto alla nostra situazione. Inizialmente si provava un forte imbarazzo. Ora che l\’incredulità è diventata un dileggio, proviamo vergogna. Gianna Zucca

  5. Salvatore Messina

    Ministro, non mi facci ridere…non mi facci…
    Mah!!!

  6. [...] Il seguito di questo articolo: Antonio Umberto RICCO' – Caro Ministro, noi italiani all'estero ci … [...]