La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

» Inchieste

Matti in libertà

La legge Basaglia ha compiuto 60 anni. Odiata e celebrata. La destra pretende il ritorno a manicomi che appena cambiano nome ma il soffocamento è lo stesso di un tempo. Chi non vuole rischiare esperienze coinvolgenti dà fiato a psichiatri e cliniche private, carriere e guadagni. Troppa fatica considerare ogni malato una persona. Più facile abbracciarli nella definizione che emargina. Ma la legge resiste e gli intellettuali che hanno lavorato con Basaglia educano le nuove generazioni al fascino di una comprensione-condivisione. Ecco la storia di un gruppo di pazienti in giro per il mondo assieme a chi li cura.

E l’ombra mi chiese: ce l’hai una sigaretta? Viaggio nei centri d’assistenza tra nuove forme di sfruttamento

24-06-2010

di

Come viene percepito, vissuto, trattato il disagio mentale oggi? A trentadue anni dalla promulgazione della legge Basaglia, un resoconto sullo stato dell’arte. Dalle voci di chi nel settore opera, vive, persevera continua »

Pubblicato in Matti in libertà

La fattoria dei matti liberati dal manicomio

21-05-2009

di

Perché i matti in viaggio verso Pechino hanno battezzato un vagone “La fattoria”? Perché La Fattoria é una delle utopie trasformate in realtà da Mario Tommasini. Quando faceva l’assessore alla sanità della provincia di Parma, ha riciclato una tenuta che rendeva pochi soldi nell’esperimento- meraviglia raccontato dai media di mezza Europa. Funzionava così. I pazienti dell’ospedale psichiatrico sono stati trasferiti in un podere, campagna appena fuori città, dove hanno ricominciato dopo trenta o quarant’anni a rifare i contadini, forche … continua »

Pubblicato in Matti in libertà

…Anch’io ho viaggiato con loro (ma dall’altra parte del mondo)

21-05-2009

di

Roma, 21 novembre 2008. Aeroporto Leonardo da Vinci – L’articolo fatica a prendere forma. Non riesco a concentrarmi. Troppo rumore. C’è un folto gruppo di persone che, in attesa di imbarcarsi sul volo per Buenos Aires, parlano, ridono, scherzano, si rincorrono. Insomma, si divertono.

Chi saranno?, mi domando. Forse un po’ invidioso di tanta vitalità. Provo a darmi delle risposte: una squadra in trasferta con i propri tifosi; un gruppo di Avventure nel mondo, la nota agenzia turistica; una … continua »

Pubblicato in Matti in libertà

Un treno di matti arriva a Pechino

19-05-2009

di

Nell’agosto dello scorso anno, è partito da Venezia un treno con 208 passeggeri, persone con problemi psichici, familiari, operatori, volontari, di vari Servizi di Salute Mentale di tutta Italia, giornalisti, che in 20 giorni ha raggiunto Pechino, con tappe a Budapest, Mosca, Ulan Bator, in Mongolia. Sull’esperienza è uscito a suo tempo un interessante filmato: “CIMAP: Cento Italiani Matti a Pechino”, con la regia di Giovanni Piperno, che illustra vivacemente le varie tappe del viaggio, incontri, dialoghi, situazioni. Proprio in … continua »

Pubblicato in Matti in libertà