La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

» Mondi

Vivere a Mosca

Putin ha messo il bavaglio: tv e giornali russi non parlano di Rudy e le altre

07-02-2011

di

A Mosca la libertà di stampa la decide il Cremlino e, (in concorrenza col Tg1) il Cremlino ha deciso di non fare sapere al popolo come passa le notti il Cavaliere amico: né ad Arcore né nella dacia di chi gli ha regalato il letto di palazzo Grazioli continua »

Pubblicato in Vivere a Mosca

Le bombe di Mosca: la gente pattina al Gorky Park come non fosse successo niente

25-01-2011

di

Per chissà quale timore la vita continua come prima. Un anno fa, «ripulite» le fermate dell’attentato al metrò, né un fiore, né una candela della memoria. Normalità imposta da chi? Com’è lontana la New York dell’11 settembre: attorno alla voragine delle Due Torri per mesi la testimonianze del dolore e della pietà rispettate per non dimenticare continua »

Pubblicato in Vivere a Mosca

Il pope mi ha rubato il paradiso

23-12-2010

di

Fra le icone dorate dagli occhi dolcissimi con voce tonante rivolge ai fedeli domande, aspetta risposte. Anche a me chiede qualcosa: non capisco, non so. Ripete, insiste. Devo scappare continua »

Pubblicato in Vivere a Mosca

Babbo Natale arriva con l’amante

13-12-2010

di

Mosca – Anni fa ho letto “Il senso di Smilla per la neve” e la cosa che mi ha colpito sono i 10 modi di dire la parola neve in lingua inuit. Non immaginavo di sperimentarli tutti. Ormai ho esaurito i pensieri possibili sui primi candidi fiocchi dopo il sospiro che ha rallegrato tutti i miei inverni prima di qui. “Che romantico, sta nevicando”, parole svanite a Mosca giorno dopo giorno, rassegnazione del “ Anche oggi nevica” per finire … continua »

Pubblicato in Vivere a Mosca

Ho capito perché gli uomini italiani cominciano a sudare quando vedono una ragazza russa

02-12-2010

di

L’incredibile storia del sindaco di Mosca. I suoi poster si vendono a decine di migliaia: perché? L’eredità del passato non cambia le abitudini del presente un po’ più democratico. Non si sa mai che un funzionario, un militare, un poliziotto bussino alla porta. Entrano e possono testimoniare l’ammirazione che il cittadino nutre per il cittadino numero Uno. Non si sa mai continua »

Pubblicato in Vivere a Mosca

Sto cercando casa. Finestre davanti alla Lubianka, quarto piano senza ascensore, scale disfatte, manca il topo morto

22-11-2010

di

Comincia il diario di una signora che lascia il Piemonte per abitare a Mosca dove il marito si è trasferito per lavoro. L’avventura della scoperta di piccole scoperte: come un’italiana impara a conoscere la capitale del gelo continua »

Pubblicato in Vivere a Mosca

Pagina 4 di 41234