La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Salute »

Chi è depresso non prenda l’aspirina

12-05-2011

di

I ricercatori del Fisher Center for Alzheimer’s Disease Research della Rockefeller University guidati da Paul Greengard, Ph.D., e da Jennifer Warner-Schmidt, Ph.D., hanno dimostrato che i farmaci antinfiammatori (ibuprofene, aspirina e naprossene), riducono l’efficacia della classe più diffusa tra i farmaci antidepressivi, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRIs), utilizzati per il trattamento della depressione, del disturbo ossessivo-compulsivo e dei disturbi d’ansia malgestita.

Questa sorprendente scoperta, pubblicata nel corso dell’aprile 2011 su National Academy of Sciences, potrebbe spiegare il perché tanti pazienti depressi che assumono i farmaci inibitori la ricaptazione di serotonina, nonché SSRIs, non rispondono al trattamento antidepressivo: sembra che vi sia un’interferenza tra l’azione degli antidepressivi e quella degli antiinfiammatori.

La sperimentazione è stata eseguita in prima battuta trattando alcuni animali posti in trattamento con antidepressivi, si è visto, esaminando i modelli comportamentali, come le risposte determinate dagli antidepressivi venissero inibite dal trattamento con antinfiammatori. La stessa osservazione è stata osservata anche nella popolazione umana in percentuale considerevole: in assenza di qualsiasi uso antinfiammatorio o analgesico, il 54% dei pazienti ha risposto all’antidepressivo, mentre la percentuale di successo è scesa a circa il 40% per coloro che hanno riportato l’uso di agenti antinfiammatori.

Pur non essendo ancora chiarissimo il meccanismo implicato, si consideri che i farmaci antinfiammatori esercitano almeno in parte la loro azione terapeutica regolamentando la produzione di sostanze definite citochine. Un’ipotesi accreditabile circa l’eziopatogenesi della depressione è supportata dall’osservazione che il livello di citochine negli individui depressi è aumentata rispetto ai controlli sani. Si è quindi partiti dall’ipotesi della possibilità di un’interazione tra gli agenti antidepressivi e gli antinfiammatori ed in effetti si è trovato un antagonismo sia a livello biochimico che a livello delle risposte comportamentali ai farmaci SSRIs.

Lo studio assume particolare rilievo quando ci si trova a trattare persone affette dal morbo di Alzheimeir che spesso nel corredo sintomatologico ingravescente presenta anche la depressione quale fattore aggravante. Inoltre non possiamo dimenticare il fatto che nell’anziano la depressione la si ritiene un fattore di rischio proprio per l’Alzheimer, tra le varie espressioni di decadimento delle funzioni cerebrali.

Nell’individuo anziano affetto da malattia di Alzheimer spesso coesistono patologie a carico dell’apparato osteo-articolare, conseguentemente risulta indispensabile l’utilizzo di farmaci antinfiammatori, oltre che di antidepressivi che, come abbiamo visto, oltre ad aggredire la depressione dovrebbero contribuire a rallentare il quadro ingravescente della malattia in essere. Il dott. Greengard si raccomanda sull’onda dei risultati scientifici ottenuti: “i medici dovrebbero bilanciare con attenzione i vantaggi e gli svantaggi di continuare la terapia antinfiammatoria nei pazienti in trattamento con farmaci antidepressivi”, rimane pur sempre piuttosto complicata questa “bilanciatura”.

La depressione da involuzione cerebrale la si può supportare con psicoterapia di appoggio, ma non ci si può esimere dall’utilizzo della chimica, certo è che se gli stimoli vitali risultano adeguati e pregnanti il quadro migliora nettamente, fermo restando che il dolore fisico non può non interferire con la vitalità e il tono dell’umore, ragion per cui sarebbe auspicabile un sostegno a 360° capace di sostenere ed alleviare la sofferenza tenendo presente l’aspetto umano dell’interlocutore al di là delle sue espressioni cognitive.

Come di consueto in clinica mi ritrovo a sottolineare l’importanza della multidisciplinarietà proposta in ambienti poco medicalizzati anche se ampiamente supervisionati dai tecnici, quale approccio terapeutico d’elezione.

 

 

Note di approfondimento:

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/09. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Laureata in medicina e chirurgia si è da sempre occupata di disturbi del comportamento alimentare, prima quale esponente di un gruppo di ricerca universitario facente capo alla Clinica psichiatrica Universitaria P.Ottonello di Bologna e alla Div. di Endocrinologia dell'Osp. Maggiore -Pizzardi, a seguire ha fondato un'associazione medica (Assoc. Medica N.A.Di.R. www.mediconadir.it ) che ha voluto proseguire il lavoro di ricerca clinica inglobando i Dist. del comportamento alimentare nei Dist. di Relazione. Il lavoro di ricerca l'ha portata a proporre, sempre lavorando in equipe, un programma di prevenzione e cura attraverso un'azione di empowerment clinico spesso associato, in virtù dell'esperienza ventennale maturata in ambito multidisciplinare, a psicoterapia psicodinamica e ad interventi specialistici mirati. Ha affrontato alcune missioni socio-sanitarie in Africa con MedicoN.A.Di.R., previo supporto tecnico acquisito c/o il Centro di Malattie Tropicali Don Calabria di Negrar (Vr). Tali missioni hanno contemplato anche la presenza di Pazienti in trattamento ed adeguatamente preparati dal punto di vista psico-fisico. Il programma clinico svolto in associazione l'ha indotta ad ampliare la sfera cognitiva medica avvicinandola all'approccio informativo quale supporto indispensabile. Dirige la rivista Mediconadir dal 2004, è iscritta all'Elenco speciale dei Giornalisti dell'OdG dell'Emilia Romagna e collabora con Arcoiris Tv dal 2005 (videointerviste, testi a supporto di documenti informativi, introduzione di Pazienti in trattamento nel gruppo redazione che oggi fa capo all'Assoc. Cult. NADiRinforma, redazione di Bologna di Arcoiris Tv).
 

Commenti

  1. Matteo Vitiello

    Leggete questo articolo:
    “Pillole per renderci mansueti”
    http://wp.me/p19KhY-tw

  2. Giovanna Arrico

    A volte non ci rendiamo conto e non sappiamo quali farmaci prendere e soprattutto quali possono annullare o ridurre l’efficacia di altri. Sempre spiegazioni relative e a volte non date,non dico necessariamente informazioni non date volutamente, ma a volte purtroppo si crede sempre che il paziente possa già avere una conoscenza dei farmaci…Grazie per le informazioni che qui vengono passate in maniera semplice e chiara.