La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Mondi » America del Sud »

Lula chiede a Obama: quali segreti nasconde l'accordo nucleare con Mosca? Almodovar, scrittrici e poeti spagnoli, vogliono sapere: cosa c'è dietro alla voglia di liberarsi del giudice Garzon? Adesso che la destra ha vinto in Cile circola chi prova a vendicarsi perché ha imprigionato a Londra Pinochet?

Com’è bello parlare chiaro

29-04-2010

di

Come è bello il parlar chiaro! Per esempio, il presidente Inacio Lula da Silva, intervistato da Juan Luis Cebrián per un numero speciale sul Brasile, a proposito della questione nucleare e dell’accordo fra gli Stati Uniti e la Russia per una “decrescita” del loro potenziale, ha osservato:

Devo chiedere al presidente Obama qual’è il significato del suo recente accordo con Medvédev sulla disattivazione delle ogive nucleari. Che disattivazione? Perché se parliamo di disattivare cose che erano già scadute, non c’è senso. Anche io, a casa mia, ho una scatola di medicinali che vado eliminando quando mi scadono. O parliamo seriamente di disarmo, oppure non possiamo accettare che ci sia un gruppo di paesi armati fino ai denti e altri disarmati.

Anche la coraggiosa senatrice colombiana Piedad Córdoba parla chiaro; quando è stata raggiunta dalla notizia di essere stata incriminata dalla Procura per presunti vincoli con le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, ha dichiarato da Bruxelles, dove aveva incontrato vari deputati dell’Europarlamento, che quella incriminazione era conseguenza del fatto che lei difende quello che considera debba essere una società di benessere, di diritto, di cittadinanza. Per Piedad Córdoba l’accusa contro di lei è per “delitto di opinione” e proprio per questo andrà tranquillamente a difendersi in tribunale e, anzi, ne farà una tribuna per far conoscere al mondo quello che lei sa: ciò che sta accadendo in Colombia contro gli obbiettori di coscienza e i difensori dei diritti umani. Conoscendo la determinazione di questa donna combattiva, non dubito che, se glielo lasceranno fare, parlerà chiaro anche davanti ai giudici.

Hanno parlato chiaro anche Almudena Grandes e Pedro Almodóvar nella manifestazione di ieri alla Puerta del Sol, a Madrid. La scrittrice e il regista, insieme al poeta Marcos Ana e ad una grande folla, più che a difesa del giudice Garzón, hanno parlato per affermare il diritto delle vittime del franchismo di avere giustizia. Hanno messo in chiaro che, se è stato lecito al giudice spagnolo di incolpare Augusto Pinochet, i generali argentini e tutto un aberrante sistema di abusi, torture e stermini in America Latina, non si doveva tollerare che, adesso, in quella stessa Spagna, si impedisse a figli e nipoti delle vittime del franchismo di recuperare i corpi dei loro cari dalle cunette e dalle fosse comuni in cui vennero gettati, impedendo la libertà di essere giusti, negando i diritti delle vittime e il rispetto per la verità.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/10. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Alessandra Riccio ha insegnato letterature spagnole e ispanoamericane all’Università degli Studi di Napoli –L’Orientale. E’ autrice di saggi di critica letteraria su autori come Cortázar, Victoria Ocampo, Carpentier, Lezama Lima, María Zambrano. Ha tradotto numerosi autori fra i quali Ernesto Guevara, Senel Paz, Lisandro Otero.E' stata corrispondente a Cuba per l'Unità dal 1989 al 1992. Collabora a numerosi giornali e riviste italiani e stranieri e dirige insieme a Gianni Minà la rivista “Latinoamerica”. E’ tra le fondatrici della Società Italiana delle Letterate.