La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Ettore MASINA – Come sono lontani dalla “Chiesa dei Poveri” i gemelli d’oro del cardinale Bagnasco

31-05-2010

di

Nel dicembre del 1992 l’inverno incrudelì sui Balcani. E nel gelo, nella pioggia, nel fango andava morendo l’utopia jugoslava: uno stato multietnico che sembrava avere consolidato pacificamente un’area europea storicamente segnata da conflitti senza fine, adesso s’era nuovamente frantumato sotto la spinta di egoismi locali e correità internazionali. Cominciava un’atroce guerra civile che divideva regione da regione, quartiere da quartiere, villaggio da villaggio, talvolta famiglia da famiglia. L’ONU e i governi europei e quello degli Stati Uniti sembravano (o fingevano di essere) incapaci di fermare il genocidio. Simbolo dell’odio etnico e religioso, la città bosniaca di Sarajevo (300 mila abitanti) veniva assediata dall’esercito serbo. L’8 dicembre di quell’anno terribile, una colonna di 500 italiani riuscì a rompere la cintura di fuoco: erano volontari di Pax Christi e li guidava il loro presidente, Antonio Bello, vescovo di Molfetta.

Se lo si rivede nelle fotografie dell’epoca, sembra impossibile che egli abbia partecipato all’impresa, da lui ideata: era stato un uomo bello non soltanto di nome ma anche fisicamente, adesso il suo sorriso illuminava un povero volto che sembrava un teschio, con occhi troppo grandi sotto un passamontagna che non riusciva a liberarlo dal freddo. “Don Tonino”, come voleva essere chiamato rifiutando gli altri titoli della cerimoniosità ecclesiastica, stava morendo di un cancro e lo sapeva, ma voleva mostrare che a una crociata senza spade e senza stendardi, a un “esercito senza armi, come saranno quelli del futuro”, a un “ONU dei popoli” era possibile spezzare, almeno per qualche ora, la logica della violenza. L’arrivo a Sarajevo della colonna da lui guidata sembra una pagina dell’Antico Testamento: la città era piena di “cecchini”, tiratori scelti, che sparavano su tutto quello che si moveva per le strade, ma, improvvisamente, una fitta nebbia impedì loro ogni visuale e i volontari passarono indenni.

Mi rallegra la notizia che va avanti la causa di beatificazione di questo vescovo della “Chiesa del grembiule”, come lui la chiamava per richiamare l’umiltà di Gesù nella lavanda dei piedi; e ripensando a questo meraviglioso amico mi confermo nel ritenere assoluta la necessità di atti profetici nel cammino dei cristiani, senza i quali la comunità ecclesiale non rende percepibile né comprensibile né credibile la sua testimonianza del vangelo. Quella che per altre istituzioni può essere “ordinaria amministrazione”, per la Chiesa è uno stato pre-agonico: lo vediamo tutti, lo sentiamo tutti, ce lo diciamo tutti – o almeno quelli di noi cattolici che hanno il coraggio di guardare oltre i confini della nostra cerchia. Una Chiesa del buonsenso, del galateo, delle idee che galleggiano nell’aria senza ancorarsi all’evidenza dei fatti, che più o meno implicitamente contratta la vaghezza dei suoi “Non ti è lecito!” con l’acquisizione di privilegi mondani è una aggregazione che pare lontanissima dal vangelo, quanto i gemelli d’oro ai polsi del cardinale Bagnasco sembrano lontani dalle vesti di un mondo sconvolto dalla povertà.

Mi capita di ripensare spesso al contrasto fra due documenti letterari che descrivono la fede e la prassi della Chiesa. Il primo, scritto all’inizio del secolo scorso, è un brano del “Dedalus” o “Ritratto dell’artista da giovane” di James Joyce. Vi è descritta la predica di un gesuita sul tema dell’inferno. Il secondo è un capitolo di “E non disse neppure una parola”, di Heinrich Böll e racconta di un tedesco, reduce dalla seconda guerra mondiale, il quale, schiacciato dalla sua esperienza, entra in una chiesa e ascolta la predica di un vescovo; a un certo punto è sorpreso da un pensiero che gli pare peccaminoso ma non riesce a respingere: quel vescovo è noioso. Fra questi due documenti corrono cinquant’anni. Il primo è l’esempio di una Chiesa disposta a usare anche una paura primordiale pur di governare le anime; è intriso di superstizione, di volontà di dominio ma è almeno un documento che ha una sua alta tragicità. Il secondo è un documento di pigra tiepidità, incapace sia di scuotere che di rasserenare. Ricordate quella terribile frase dell’Apocalisse? “Il tiepido io lo vomiterò dalla mia bocca”.

L’impressione che molti, moltissimi abbiamo – cattolici come me o “lontani” – è quella che la Chiesa di questi nostri terribili giorni sia tiepida; e i giovani, quelli ai quali viene proposta, molto spesso da insegnanti demotivati, la giudicano noiosa. Chi ha la pazienza di leggere i documenti scritti dai vescovi italiani sa che molti di essi contengono inedite aperture, elenchi minuziosi di validissime possibili opzioni, elenchi minuziosi di comportamenti ingiusti, da sanzionare. Ogni anno la Conferenza episcopale italiana compone una specie di enciclopedia, quattro, cinque, dieci volte più lunga dei quattro evangelisti; ma in mancanza di segni, di prassi (di quella che padre Balducci chiamava ortoprassi: comportamenti che rendono evidenti gli imperativi etici della fede) ben pochi dei “fedeli” e dei “lontani” sentono la necessità di andare a leggerli. In una società-spettacolo come la nostra, le biblioteche rimangono assolutamente importanti ma non bastano più, ammesso che qualche volta siano bastate.

Voglio fare qualche esempio. Noi viviamo in una comunità politica in cui, con il consenso di milioni di cattolici, una forza di governo, di peso politico crescente, non soltanto ha bloccato il fortunoso arrivo di disperati alla ricerca di pane e più ancora di pace (e un recentissimo rapporto di Amnesty International denuncia il comportamento in più occasioni inumano delle nostre autorità) ma, con cadenza programmatica, inasprisce la condizione dei “terzomondiali” presenti fra noi e ormai indispensabili alla nostra economia. Il ministro degli Interni, forse il più intelligente esponente di quel partito, ha teorizzato apertamente la necessità della “cattiveria”. Anni addietro la Lega portava la maschera della ragionevolezza: “Aiutiamo i popoli della fame, ma a casa loro”.

La maschera è caduta: la cooperazione italiana è ridotta a dimensioni vergognose. I trafficanti di schiavi dei secoli scorsi crearono stati-mercato, come il Dahomey o Zanzibar, per le esigenze del loro infame commercio. Maroni e Berlusconi cercano di creare stati-poliziotto (la Libia, Malta) che facciano il lavoro sporco per noi, magari con la creazione di veri e propri lager. La paura e l’odio usati dalla Lega per la conquista di un consenso “popolare” hanno dato vita a episodi vergognosi, come nel caso delle mense scolastiche. È follia pensare che sarebbe stato bello che qualche vescovo delle diocesi in cui sono avvenuti episodi del genere si fosse recato nelle parrocchie di quei luoghi ricordando, ai fedeli, anche con pastorale durezza, la predicazione di Gesù sul giudizio dell’ Ultimo Giorno: “Io ero forestiero e tu mi hai accolto”?

La diffusione del razzismo leghista avvelena il costume, la politica, la cultura e la testimonianza di fede nel nostro paese. Drena e raccoglie e organizza la paura dei poveri per i più poveri. È follìa sperare che qualche vescovo, se non l’intera CEI , abbia il coraggio di citarlo per nome? Lo si è ben fatto quando l’onorevole Cota ha dichiarato che nel “suo” Piemonte la pillola detta “abortiva” sarebbe “rimasta in magazzino”. Allora non un piccolo vescovo “di periferia” ma monsignor Fisichella, tonaca rampante che secondo alcuni si tingerà presto di porpora, dichiarò (cito dal virgolettato di una sua intervista al “Corriere della Sera”) che “bisogna prendere atto dell’affermarsi della Lega, della sua presenza ormai più che ventennale in Parlamento, di un suo radicamento nel territorio che le permette di sentire più direttamente alcuni problemi presenti nel tessuto sociale”.

Quanto ai problemi etici (udite, udite!), Fisichella aggiunse. “Mi pare che la Lega manifesti una piena condivisione del pensiero della Chiesa”. Piena condivisione? È come dire che nel pensiero della Chiesa è molto più importante lottare contro le legge dello Stato in materia di aborto (legge che ha diminuito in maniera notevole il numero delle interruzioni di gravidanza del periodo clandestino) che esigere dai fedeli la fratellanza che Gesù ha posto come condizione di salvezza eterna. (Fisichella è lo stesso evangelizzatore che, con qualche contorcimento teologico, ci ha spiegato che Berlusconi può ben fare la comunione perché l’abbandono da parte della seconda moglie lo ha salvato dalla condizione di peccato nella quale si trovava come divorziato risposato…).

Il razzismo “internazionale” non è il solo peccato collettivo della società italiana. In molti luoghi, anche geograficamente vicinissimi alla sede del Papa, proseguono gli sgomberi forzati dei campi rom. La brutalità di queste operazioni di polizia si aggiunge alla reale mancanza di offerta di sedentarietà ai nomadi che vorrebbero cambiare vita. È follia pensare che sarebbe bello che un vescovo visitasse questi più poveri fra i poveri e magari assistesse di persona a uno sgombero? Ricordo ancora con profondissima emozione la messa di Natale che il futuro Paolo VI andò a celebrare al “Porto di Mare”, una bidonville alla periferia di Milano. Proclamò allora che la baracca trasformata in cappella era diventata quella mattina la cattedrale della diocesi, perché anche Gesù era nato in un’estrema periferia. Quel suo gesto profetico ebbe risvolti importanti anche dal punto di vista della politica cittadina. Certamente destò il volontariato da un suo torpore, fu il momento più alto della Missione di Milano.

E ancora. La guerra guerreggiata per salvare la pace è un ossimoro che segna profondamente il nostro tempo, scavalcando il cinico “Si vis pacem para bellum” dell’antichità romana. Molto al di là della Costituzione e dei patti internazionali, l’Italia è involucrata in questa tragedia. Ricordo i moniti di Giovanni Paolo II contro il primo conflitto “del Golfo”; rottami teologici? Qual è la presenza della Chiesa italiana? Decine di cappellani militari sono mobilitati ad assicurare ai soldati che essi possono usare le armi per difendere la pace. Un vescovo-generale benedice le loro bare, se qualche povero giovane cade in questo lavoro talvolta senza alternative. Ricordo che un suo predecessore dichiarò in televisione che i “suoi” piloti che andavano a bombardare la Serbia compivano un’opera di carità. Non apro qui una discussione sul fatto che la pace come ce la dà il Signore non è come quella che dà il mondo, ma domando: sarebbe follìa sperare che la CEI mandasse un sua delegazione alla Marcia della pace Perugia-Assisi, che è la più alta testimonianza collettiva in Italia di un progetto di civiltà dell’amore?

In tutta la cronaca nera economica che ha mostrato, in questi ultimi tempi, la presenza in Italia di una sfrenata corruzione compare immancabilmente qualche prete (o monsignore o “religioso”) affarista, in proprio o come amministratore di opere ecclesiastiche; sono comparsi due “gentiluomini di Sua Santità” (uno era anche un cacciatore di seminaristi) e lo Ior (la banca vaticana) sembra implicato in legami quanto meno imprudenti. Considerata la durezza con la quale le gerarchie ecclesiastiche intervengono sulle “imprudenze” dei preti “dei poveri” (ho in mente, per esempio, il caso della Comunità delle Piagge e dell’arcivescovo Betori), non sarebbe auspicabile che qualche vertice ecclesiastico richiamasse i preti “dei ricchi” a un po’ di castità finanziaria? Che la gestione economica della Chiesa (o almeno dello Stato vaticano) diventasse più trasparente? E poiché i “gentiluomini di Sua Santità” fanno parte della Curia Vaticana, non sarebbe da aggiornare, per così dire, il loro elenco, spiegando in base a quali requisiti e da chi essi vengono selezionati? E magari, ricordando l’estrazione sociale del primo papa e dei suoi amici, non si potrebbe sopprimere la categoria, il cui nome appare persino ridicolo?

La terribile questione della presenza di pedofili nel clero cattolico ha rivelato non solo la gravità di un problema ma la gestione castale e poi avventata, di quella tragedia. Dico “gestione castale” perché il silenzio che ha circondato, per chissà quanto tempo, l’infamia, ha trascurato il martirio delle vittime, negando loro la parola, per difendere la categoria ecclesiastica. Dico sprovveduta perché, anche quando la tragedia è emersa, è mancato, a quanto sembra, il ricorso ai competenti, cioè agli psicologi, gli unici che avrebbero potuto spiegare alla gerarchia la sofferenza dei bambini abusati e la patologia gravissima del pedofilo. Ancora in non poche recenti dichiarazioni di vescovi sembra invece che la pedofilia venga considerata piuttosto un disordine morale che richiede pentimento e provvedimenti disciplinari. Sarebbe importante sapere se e come sono stati presi provvedimenti “scientifici” per la prevenzione del problema.
A questo proposito, comunque, mi sembra doveroso registrare che non soltanto Benedetto XVI ha gestito il caso con rara fermezza ma anche ha compiuto uno di quei gesti significativi che molti cattolici e non cattolici attendono. Il suo incontro con alcune vittime di abusi, a Malta, è stato per me il punto più alto del suo pontificato. Io credo che la Chiesa non sia mai così grande come quando si inginocchia; e lo stesso vale per il singolo cristiano, come io cerco di ricordare a me stesso.

Io non dimentico che “questa” Chiesa, la “mia” Chiesa, è stata ed è la chiesa dei don Puglisi e dei don Diana, dei don Ciotti e dei don Di Liegro, dei cardinali Martini e Tettamanzi, dei vescovi Nogaro e Bregantini, degli Scoppola e dei Giuntella, dei don Arturo Paoli e di tanti e tanti altri laici e sacerdoti. Ma è proprio il loro esempio, mi pare, che ci spinge ad essere più coraggiosi e ad abbandonare i troppi comodi rifugi della cautela.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/10. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Ettore Masina, giornalista e scrittore. Ha lavorato ne "Il Giorno" di Italo Pietra. Primo vaticanista della televisione italiana, poi nel TG2 di Andrea Barbato. Nel 1964 ha fondato e per trent’anni diretto un’associazione di solidarietà internazionale (Rete Radiè Resch) tuttora attiva in vari paesi. Tra i suoi libri "Romero, il vescovo deve morire", "Le barche sono rotonde" (G.O.); finalista al premio Viareggio con "Il vincere" (edizioni San Paolo). Deputato per due legislature, è stato scelto all’unanimità dai gruppi parlamentari come presidente del Comitato della Camera per i diritti umani.
 

Commenti

  1. She Sounds

    Invece Lei dimentica, che questi Diana, Ciotti, Diliegro non sono altro che il paravento dietro la quale la chiesa con i gemelli d’oro e dei pedofoli e dei ladri, che è la vera forza della chiesa, quella economica, quella del potere si nasconde facilmente. Queste persone si offrono ad interpretare il ruolo poetico di veri seguaci di Gesù e si sacrificano in prima linea affinchè il resto del potere pontificio possa continuare a gestire tranquillamente le nostre vite. Comprando terreni, gestendo proprietà immobiliari, stabilendo i limiti della ricerca scientifica, della libertà dei corpi delle donne e degli uomini, fomentando l’odio e racchiudendo le menti delle persone in steccati ristretti come ovili. Non per niente parlano di pecorelle che saremmo noi e pastori che sono loro. Non dimentichiamo che lo scopo del pastore e procurarsi latte, lana e carne……

  2. lorenzo

    Si infatti… tanto votati alla giustizia ma non si ribellano con la loro chiesa. Contro la mafia magari.. ma contro la Chiesa no. Forse temono più la Chiesa che la mafia?
    I pochi che si son messi di traverso si contano sulla punta delle dita, forse uniti farebbero la forza.

  3. Doriana Goracci

    Sono in accordo totale con chi mi ha preceduta. Non è una novità quale sia il mio parere sui Din Don e Dan e come non rispondano alle domande quelli che scampanellano a vario titolo, certo non i morti quali Tonino Bello ma i vivi, che continuano a frequentare le congreghe dei potenti, a stringere mani ai dittatori, a creare centri d’affari e potere mediatici, mistificando la storia, servendosi della cecità umana e della viltà.
    Lei non dimentica signor Masina, neanche io, se la tenga la sua chiesa e i suoi propositi a mezzo stampa, che circolano…passano, il “doveroso registrare che non soltanto Benedetto XVI ha gestito il caso con rara fermezza ma anche ha compiuto uno di quei gesti significativi che molti cattolici e non cattolici attendono”. Alto altissimo il pontificato di quello di oggi e quello di ieri…
    I vari don e coloro che li sostengono,come lei, legittimano la vigliaccheria e l’ipocrisia di quanti non si dimettono mai, non escono allo scoperto, quasi che lo stato del Vaticano, navighi in pure acque. La cautela è diventata davvero troppo , nel dirvi cosa ne pensiamo, cosa ne penso io, che non ho nessun titolo davanti al nome.
    Doriana Goracci

  4. Sal Messina

    Lo detto lo dico lo ridico e confermo:”di tutti i crimini che l’uommo commette quelli della Chiesa cattolica sono, volutamente, i più neri!”

  5. Domenico Falconieri

    Eicordo, ormai tanti tanti anni fa, la definizione che, l’allora mia professoressa di storia e filosofia, diede della Religione (quella con la R maiuscola): un’esigenza metafisica dell’uomo. Se tutti i credenti e, massimamente, le gerarchie ecclesiastiche vivessero semplicemente ricordando ciò, non avremmo più problemi religiosi di sorta. Consiglierei, inoltre, i più fedeli assertori delle parole del Papa e della Chiesa in generale, di considerarli solo emanazione l’uno ed incarnazione l’altra di un enorme potere politico-economico, nulla più. Quanta “fede” in meno riporrebbero,di sicuro, in questi, allora!

  6. Elena Ferrero

    Ho letto con commozione e ammirazione.
    Bravo, grazie. Elena

  7. sara elter

    Ho conosciuto i preti del Nicaragua post rivoluzionario. Ho conosciuto don Gallo a Genova. Ho conosciuto la storia di don Vitaliano della Sala, amato a tal punto dai suoi parrocchiani, che il giorno che doveva insediarsi il nuovo parroco sono arrivati a murare la porta della loro chiesa. Ho conosciuto padre Zanotelli e don Ciotti. Conosco don Fredo Olivero e le sue messe, in cui persino gli animali sono i benvenuti. Questa è la chiesa che ho conosciuto, che ho imparato ad amare e che, in un mondo dove tutto sta crollando, i partiti non ci sono più, la violenza e l’invidualismo hanno trionfato, è l’unica che ancora davvero si mette dalla parte dei più poveri. Ho visto cacciare da una chiesa qualsiasi un gruppo di zingari venuto a battezzare un bambino. Conosco molti preti che possiedono proprietà immobiliari che usano a loro scopo personale, non certo per aiutare la loro parrocchia e i loro parrocchiani. La chiesa non illumina certo il mondo. Ma in un mondo che non ha più tempo per difendere gli umili, per fare anziché soltanto parlare, per approfondire anziché solo apparire, mi rimane una chiesa, come la prima di cui ho parlato, capace di ridarmi speranza, energia e voglia di cambiare il mondo. Cosa che il mondo dei partiti da tempo non mi dà più. Tengo a precisarlo: non sono battezzata e, a dir la verità, sono stata educata in tutt’altra religione.

  8. Argentina

    Caro Ettore Masina, grazie. La memoria labile ci permette troppo spesso di dimenticare le persone importanti e i loro gesti.
    @ She Sound: Don Ciotti lo conosco personalmente, e le garantisco che è sicuramente più lontano dalla “chiesa” e dalla ricchezza di quanto non lo sia lei. Non parli di ciò che non conosce, si garantisce solo figuracce degne di chi ignora completamente, ma è “contro” perchè è così snob….

  9. mario

    @the Sounds
    concordo con lei, The Sounds.
    Poi altri si possono solleticare le orecchie con tante parole.
    Siamo passati dalla grandiosa cultura di esseri connessi al mondo naturale, per diventare pallidi burocrati chiusi un contenitori logico-verbali. Tutto è virtuale. Tutto è ideologico. Discutiamo con persone che hanno messo milioni di parole davanti ad ogni singolo, gesto. Tutto valore aggiunto e pochi, pochissimi fatti di rilievo.
    Forse siamo in overload, eccesso di informazione. Cominciassimo a tornare alle origini.
    …ciao a chi ha ancora voglia di chiacchiere.

  10. Pierangelo Ferrari

    Grazie Ettore!
    p.Pippo Ferrari

  11. Andrea Busolo

    Caro Masina, condivido pienamente quanto scritto sullo scandaloso ruolo della Chiesa.
    Voglio fare invece una precisazione: ero tra i 500 che entrarono a Sarajevo nel dicembre \’92 e non ricordo una nebbia protettiva; non lo sottolineo per pedante pignoleria ma per ricordare che un altro fu il miracolo: quello del dialogo e del confronto continuo da Spalato a Sarajevo con le forze militari incontrate, senza alcun compromesso sulla condanna della guerra e sull\’assedio. Piccoli semi gettati sulla terra bruciata ,forse non del tutto inutili,che ci permisero comunque di raggiungere Sarajevo con dieci pulmans A FARI ACCESI lungo il rettilineo dell\’ aeroporto , detto \"della morte\", luci ben visibili per un incontro non furtivo ma dichiarato, spiegato e voluto ad ognuno degli innumerevoli posti di blocco.
    Perche\’anche nella sua VISIBILITA\’ stava la denuncia dello scandalo di una città assediata nel cuore d\’Europa sotto gli occhi \"impotenti\" dell\’ONU ma raggiunta dalle forze di pace della società civile,il simbolo che la barbarie non doveva essere ineluttabile, un messaggio di speranza per quelle persone che come fantasmi ci guardavano arrivare da dietro i vetri rotti di una città completamente buia.

  12. ettore masina

    per Andrea Busolo. La ringrazio molto della sua precisazione, della quale terrò massimo conto se tornerò sull’argomento. Credevo che la mia fonte fosse sicura. Spedisco ogni mese una lettera “di collegamento” ai miei amici. Se la cosa le interessasse, invii un indirizzo e-mail a ettorel@ettoremasina.it
    cari saluti
    ettore

  13. Riccardo Lenzi

    Caro Masina,
    il merito della sua riflessione sta, a mio parere, nell’evitare di fare di tutte le erbe un fascio. Anche per questo motivo mi dispiace leggere alcuni commenti oggettivamente offensivi, come quello di Doriana Goracci.
    Detto questo, ritengo però che la rinuncia alla “cautela” debba riguardare innanziutto le parole, a cominciare dagli aggettivi che lei stesso utilizza. Alcuni esempi: quella che lei definisce “sprovveduta gestione castale” mi sembra piuttosto una “atroce e colpevole complicità in sevizie a minorenni”; le dichiarazioni di monsignor Fisichella meriterebbero qualcosa di più delle sue educatissime critiche: dovrebbero spingerla a chiederne l’espulsione dalla Chiesa; i comportamenti dei gentiluomini di Sua Santità e dello Ior, da lei eufemisticamente definiti “legami quanto meno imprudenti”, andrebbero forse chiamati con il loro nome: gravissime complicità tra la Chiesa in cui lei si riconosce e i peggiori criminali che hanno inquinato la storia dell’umanità. Cattolici e non cattolici stanno ancora aspettando, per esempio, di sapere perché un delinquente della banda della Magliana è sepolto in Vaticano…

  14. Sal Messina

    Omaggio alla chiesa stupratrice ed al suo capo.

    DEI FIGLI MIEI

    è sera
    con gli occhi con la mente
    in te sovrano ed assassino
    s’addormono l’infami tuoi pensieri
    consacrati
    dei bimbi il corpo dilaniato offeso eviscerato
    inquisito ripudiato cancellato
    il sacro latte di tua madre
    quello che hai infangato ucciso stuprato
    ma dei figli miei
    quelli che da mostro immondo
    o da infame vivisettore hai stuprato
    quale altro dio dalla croce
    me li depone

  15. daniela misuri

    …ho vissuto in prima persona, in quanto parte della Comunità delle Piagge, il dramma del confinamento di Don Alessandro Santoro da parte di Betori. Dopo questa esperienza, quanto più assurda mi sembra la posizione della Chiesa nei confronti dell’umanità intera…
    Vorrei che fossimo molti di più a denunciare le contraddizioni, le assurdità, le ottusaggini, la freddezza, l’inCuria, la spietatezza di certi esponenti dell’Istituzione Chiesa.
    E che tristezza vedere cone tanta, troppa gente, crede più ai tonaconi scuri che sparano sentenze che agli angeli dei poveri, degli emarginati, dei persi, dei disorientati, dei cercatori di.
    Quindi grazie, Ettore, mille dei suoi articoli come questo sui “gemelli” d’oro.