La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

C'è posta per noi »

Cosa penseranno i ciellini del loro leader Formigoni che ha imposto come consigliere regionale Nicole Minetti? Nelle feste di Arcore ballava con un solo velo, purtroppo velo nero e da suora…

26-09-2011

di

Caro Domani, da laico non mi piace che la chiesa intervenga nella politica. Mi riconosco in Cavour, nel suo principio: libera chiesa in libero stato. Ma ritengo, invece, diritto-dovere della chiesa intervenire sulle questioni morali, sugli scandali sessuali e di malcostume. Inutilmente abbiamo atteso la sua voce sullo scenario assolutamente inedito nella storia italiana di un premier che si circonda di prostitute anche minorenni, che la stampa ipocritamente chiama escort, e di faccendieri, che usano le donne come tangente in cambio di facili affari.

E ancor più si resta allibiti nel leggere su un quotidiano una notizia che dovrebbe scandalizzare i cattolici perché scandalizza anche i non credenti. Riferisce il giornale, una settimana fa, senza che sia nel frattempo sopraggiunta smentita, che Nicole Minetti – consigliere regionale del campione della illibatezza sessuale ( si dichiarò ufficialmente vergine) Formigoni – si esibiva vestita da suora in uno spogliarello sexy al palo della lap dance e quando era completamente nuda, l’osceno premier si serviva di un crocifisso per metterglielo prima tra le tette e poi tra le cosce mentre parodiava la benedizione canonica: ‘Dio santo ti benedica’. Davanti ad un porno-sacrilegio così ributtante è calato il silenzio omertoso dei media (ne hanno parlato solo “Il Fatto” e “Micromega”) e quello ancora più grave della chiesa, che dovrebbe sentirsi ferita per la derisione del suo valore più alto, il sacro.

Come spiegarlo se non nella volontà di tutelare, nonostante tutto, l’immagine di Berlusconi, così generoso con la Chiesa attraverso l’ esenzione dall’Ici, gli anticostituzionali finanziamenti alle scuole private, il mancato riconoscimento della libertà di fine vita e delle coppie di fatto? Ancora e sempre simonia. D’altra parte, se al povero Welby fu negato il funerale religioso, a Berlusconi è stata “contestualizzata” la bestemmia e concessa più volte la comunione negata agli altri divorziati. Un uso dei sacramenti che lascia sconcertati gli stessi cattolici, non solo quelli “adulti”.

 

Commenti

  1. Mauro Matteucci

    Pecunia non olet! Cos è un balletto porno-sacrilego dinnanzi al fiume di denaro garantito da questo governo immorale e indecente?