La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Credere Obbedire Combattere »

Dieci anni di galera a Igor Marini, faccendiere di Telekom Serbia. Vespa chiederà scusa?

14-11-2011

di

L’offerta di informazione supera di gran lunga non solo la domanda, ma anche le umane possibilità. Il che forse è bene, in un momento in cui vorremmo poterci godere ogni minimo spunto del declino di Berlusconi. Peccato però che, in una simile congestione di fatti, sia passata quasi sotto silenzio la più vendicativa notizia della giornata e cioè la condanna (10 anni: esagerati!) del bugiardo Igor Marini, la cui vita è un film straordinario. Ci sarebbe piaciuto che la tv mostrasse le immagini di repertorio della trionfale vicenda, vertice e simbolo dell’intero regime berlusconiano. Avremmo voluto rivedere, per esempio, qualche stralcio delle puntate di Porta a Porta in cui Vespa dava spazio alle scientifiche ricostruzioni urlate di Belpietro e dei politici di riferimento, inutilmente scandalizzati per quelle utili invenzioni. E ci sarebbe piaciuto rivedere i servizi tv del giorno in cui l’affidabile Igor, appena superato il confine a Chiasso, venne arrestato dalle guardie di frontiera svizzere, avanguardie del comunismo mondiale.

 

E ora restituiteci il maltolto

Che cosa ci impedisce di goderci in pieno la caduta del governo Berlusconi? Avevamo tanto aspettato queste ore, che pensavamo avremmo sentito una gioia sfrenata, almeno pari all’entusiasmo della cacciata da Milano di Letizia Moratti. Certo, a frenarci c’è la gravità della crisi in cui il governo ci ha trascinato e ci sono tutte le disgrazie, il vero e proprio smottamento di varie zone del Paese. Tutte cose che, tra l’altro, dimostrano la china disastrosa impressa dal berlusconismo all’economia e al territorio. Ma da godere c’è l’imperdibile disperazione sui visi dei berluscloni, quelli che sanno di non avere più possibilità di acchiappare un ministero. Soprattutto c’è la rabbia di un La Russa scatenato contro tutto e tutti, ingestibile anche dalla ferrea Bianca Berlinguer, che lo aveva invitato al Tg3. E Maurizio Crozza su La7 non ha dimenticato di citare l’ ultimo regalo del ministro alle casse dello Stato: le 19 Maserati comprate dalla Difesa in piena crisi economica. Noi aggiungiamo i 60 milioni di euro spesi per l’inutile spot dei soldati in città. Sarebbe bello se Monti glieli facesse restituire.

 

Grazie Presidente

Per un giorno, viva la tv che ci ha mostrato come riprendere a sperare. Non un qualsiasi falso ometto della provvidenza, ma un uomo fabbricato da una ditta che non c’è più, ha preso nelle sue mani l’Italia e ci ha portati lontano dal baratro. L’uomo si chiama Giorgio Napolitano e in poche ore è riuscito, prima a partecipare al rituale incontro con il mondo dello spettacolo, poi a fare una serie di comunicati che hanno tarpato definitivamente le ali a chi continuava a traccheggiare nel proprio esclusivo interesse. E tutto questo abbiamo potuto vederlo in tv, quasi momento per momento. Senza un attimo di pausa, un signore di 86 anni ha preso tutte le iniziative che erano necessarie per ridare ai mercati e a ciascuno di noi la fiducia. Basta con le dichiarazioni dalla smentita incorporata e con le balle a getto continuo, basta con le calottine di bitume messe a nascondere la pelata. Come ha detto Benigni al Parlamento europeo, l’Italia non è solamente il Paese del Rinascimento, ma anche della resurrezione. Infatti, per riprendersi dalla berlusconite, ci vorrà una seconda vita.

 

Le comiche finali dell’Elefantino

A Omnibus è apparso Giuliano Ferrara in tutta la sua figura, al cui fascino non sappiamo e non vogliamo resistere. Speravamo che ci spiegasse il mistero della falsa notizia sulle dimissioni del premier o almeno l’anticipo di una notizia che prima o poi sarà vera. Ma non ci ha dato soddisfazione, limitandosi a civettare con l’essere o considerarsi una “fonte”. Comunque appariva fisicamente presente in studio, mentre di solito partecipa da lontano e rimane appeso alla parete come il ritratto di un lontano antenato. Gli altri giornalisti presenti si dedicavano alla figura di Berlusconi come se fosse ormai giunto non tanto al finale di partita, ma alla comica finale. Solo l’intellettuale di destra Pietrangelo Buttafuoco e il direttore del Foglio, (caschi il mondo con tutte le sue Borse!), non apparivano disposti a demolire del tutto la loro creatura. Ferrara continuava ad alimentare il mito del politico creativo e gioioso, che avrebbe innovato non si sa che cosa (forse solo il suo portafoglio). Insomma, il premier, parlandone come da vivo, ha ancora i suoi estimatori, anzi i suoi inventori.

Sono nata a Ghilarza (Oristano), ho studiato lettere moderne all’Università Statale di Milano, in pieno 68. Ho cominciato a lavorare all’Unità alla fine del 73, quando era ancora ‘organo’ del Pci, facendo esperienza in quasi tutti i settori, per approdare al servizio spettacoli negli anni 80, in corrispondenza con lo straordinario sviluppo della tv commerciale, ovvero con l’irresistibile ascesa di Silvio Berlusconi. Ho continuato a lavorare alla redazione milanese dell’Unità scrivendo di televisione e altro fino alla temporanea chiusura del giornale nell’anno 2000. Alla ripresa, sotto la direzione di Furio Colombo, ho cominciato a scrivere quotidianamente la rubrica ‘Fronte del video’, come continuo a fare oggi. E continuerò fino a quando me lo lasceranno fare. Nel 2003 è stato stampato e allegato all’Unità un volumetto che raccoglieva due anni di ‘Fronte del video’.
 

Commenti

  1. Mauro Matteucci

    Igor Marini, Bruno Vespa, Giuliano Ferrara, Ignazio La Russa …: riusciremo mai a domandarci il perché e il come questi figuri hanno potuto avere gloria e ascolto nel nostro paese?