La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Non sempre ero d’accordo

30-12-2011

di

Il Mostro - Foto di LuanaChi ha imparato a camminare senza sentire il bisogno di lunghe soste o di continui appoggi, diventa indipendente. Il che porta con sé vantaggi e svantaggi: il dispiacere di abbandonare chi si ferma e la consapevolezza che le esperienze anche belle possono non durare, ma possono essere seguite da altre forse non peggiori. Sento dire che Domani chiude. Ed è un peccato, oltre che un dispiacere. Bisognerà fare una verifica per capire che cosa ha rappresentato. Ma si dovrà anche porsi il problema del “dopodomani”, dato che i giorni continueranno a presentarsi uno dopo l’altro.

Tuttavia bisogna chiedersi perché questo segnale di stop. Forse vale la pena dire che la notizia mi è arrivata proprio mentre ero intenzionata a confessare che stavo disamorandomene. Il mio giornalismo è limitato alla pubblicistica, ma credo di sapere che cos’è un giornale, o una rivista, anche elettronica. E so che non si può assolutamente fare compilazione e sventagliare su chi legge mitragliate di interventi a caso. Anche nelle tavole-calde i primi sono separati dai dessert e non si mette il parmigiano sulla frutta. Ultimamente davo un po’ giù di testa leggendo successioni disarticolate di testimonianze: indubbia la rispondenza con il disordine del sociale che vediamo attorno.

Si può, tuttavia, essere indignati senza la rabbiosità indotta dal contagio di sistema che – a partire dalle risse televisive – è penetrata ormai anche negli animi più costruttivi. Certamente è difficile trovare non dico soluzioni, ma proposte, visto che anche a me viene in mente poco. Però io da Domani pretendevo. Non una “linea” disciplinata e parasovietica, ma una bella tribuna in cui opinioni diverse potessero incrociarsi e complementarsi. Sarà che io sono stata un’ “indipendente di sinistra”, animale politico che in anni abbastanza recenti rinverdiva i fasti dell’antico azionismo a sua volta derivato dall’antifascismo di “Giustizia e Libertà”.

Non amo neppure fare lezione; tuttavia non mi sono piaciuti gli interventi di pancia che sono comparsi senza uno straccio di costruttività propositiva o anche solo di analisi, personalizzata fin che si vuole, ma corretta. Un periodico on-line deve impegnarsi: la fase storica che ci tocca vivere non è nata all’improvviso e non è neppure pensabile che ci sia qualcuno che ci salva dal naufragio con la bacchetta magica. Il nostro è un paese che, d’accordo, ha una legge elettorale indecente, ma ha per tre volte votato leader come Berlusconi e Bossi. Un quasi ventennio ha pesato e ha reso molti egoisti e incoscienti: pochi si sono accorti che la forbice tra ricchi e poveri si allargava, che il precariato diventava connotato del lavoro (quello su cui si fonda la Repubblica), che i diritti venivano compressi.

So bene che ci sono le responsabilità di chi diceva che Mediaset è una risorsa per l’Italia o che la Lega era di sinistra, ma abbiamo anche subito con grande passività l’aziendalismo applicato a scuole e ospedali, inizio palese della traghettazione al privato. Se la società civile non ha reagito e se i “girotondi” non hanno trovato organizzazione stabile propositiva, non possiamo oggi attaccare i partiti riservandoci di non andare a votare e dando implicita esecuzione alle peggiori ristrutturazioni di sistema. Probabilmente è più difficile costruire che distruggere; ma, se qualcuno ritiene che occorre rinnovare radicalmente e sbarazzarsi delle vecchie carabattole, c’è sempre la pratica del decostruire, che è impegnativa. E richiede metodo, per poi costruire. Mi dispiace fare la prof., ma non c’è salvezza se non si studiano i sistemi complessi.

Bisogna farlo, perché il mondo sta davvero cambiando. Se fossimo religiosi penseremmo che la crisi è il giusto castigo per non esserci dati per tempo regole di austerità e non aver dato prima quel che oggi ci viene tolto ai paesi più svantaggiati. Le nuove tecnologie, le neuroscienze, l’ambiente, la legalità sfidata dal crimine organizzato, i conflitti aperti, le troppe armi, il bisogno di Europa sono temi di assoluta urgenza da cui possiamo trarre elementi di speranza per uscire dalla crisi non peggiorati.

Abbiamo bisogno ancora di parlarne. Domani. O dopodomani…

Giancarla Codrignani, docente di letteratura classica, giornalista, politologa, femminista. Parlamentare per tre legislature
L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »