La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Don Farinella risponde ai lettori di Domani che lo accusano di criticare il Pd: “Si spaccherà perché Follini e Fioroni cercano una casetta in Centro”

29-09-2011

di

Molti lettori di “Domani” hanno condiviso le mie «cattive notizie» provenienti dal Pd, mentre alcuni mi hanno criticato di affossare «l’unica alternativa» a Berlusconi. Chi condivide è segno che pensa allo stesso modo e quindi non vi sono problemi. Diverso il caso di chi non condivide, perché spesso chi critica non legge con attenzione, ma solo superficialmente e forse nemmeno tutto quello che scrivo. Pazienza. Le mie critiche al Pd fino ad oggi sono state un grido di allarme per svegliarlo dal letargo e prendere il boccino in mano con una finanziaria alternativa, con un progetto politico alternativo, ma principalmente con una proposta etica che non deve annaspare, ma deve essere totale e assoluta.

I miei critici non si rendono conto che quanto prima il Pd si spaccherà perché la sua debolezza sta nel fatto di essere un amalgama di diverse anime che non perseguono lo stesso obiettivo. Chi pensa che Marco Follini o Giuseppe Fioroni abbiano l’anima del Pd s’illudono a morte, perché costoro appena sarà pronta una casetta «in centro» salteranno su quella e si accaseranno, perché sono figli di primo letto delle rendite di posizione. Follini era nell’Udc a sostenere il Pdl, poi, mi spiegate chi lo ha fatto entrare nel Pd, come quinta colonna di Casini? Vi pare possibile che un tizio del genere possa essere compatibile non dico con la sinistra, ma con la destra della sinistra? Per piacere!

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. Patrizia Ribelli

    Caro don, non hai ragione, hai ragionissima: sapessi da quanto tempo sono straconvinta di quanto dici! E se, col mio modo di pensare, sono troppo spesso considerata una rompiscatole, allora mi consolo: siamo in due!!!! Mi permetto un abbraccio e un grazie dal profondodel cuore patrizia

  2. Stefano Bovero

    Credo che lei abbia proprio ragione, troppa gente del Pd ha mostrato in questi anni di berlusconismo un’anima “da casta”,cioè del tutto inadeguata a partecipare ad un autentico rinnovamento etico e politico. Il problema potrebbe però complessificarsi per quanto riguarda le strategie necessarie per battere il centrodestra liberticida, sfascista e criptofascista imperante: forse qui potrebbe, al momento, fare comodo un Pd “forte e coeso” ? Non che l’idea mi piaccia, ma mi chiedo se per buttare a mare un pazzo possiamo utilizzare provvisoriamente dei furbastri (tranne forse Mastella, quello proprio è troppo)…

  3. ROBERTA PILONI

    Ha troppe anime il PD e non ha coraggio,balbetta
    qualcosa ogni tanto ma è arrivato il momento di parlare chiaro. Come lei ha scritto in un articolo su
    Bagnasco e il suo tardivo intervento, bisogna fare nomi e cognomi.
    Grazie e continui a illuminarmi.

    Roberta

  4. Mauro Matteucci

    Bravo don Farinella! Troppi dimenticano il male centenario del trasformismo, che mistifica la politica italiana: gli esempi infiniti nei comportamenti degli “onorevoli” sono sotto gli occhi di tutti.

  5. Lorenzo G.

    Don Farinella non ha visto male.Un solo PD senza se e senza ma per l’alternativa a B.

L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »