La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Professione psichiatra, esercita nella "clinica" di Montecitorio. Lasciamo ai lettori valutare la differenza tra la partigiana che fu presidente della Camera e una donna che ne ha preso il posto: Irene Pivetti, finita in tv con Platinette a ballare sotto le stelle

DOSSIER DONNE (1) – Berlusconi come Togliatti? Ci fu un suo deputato che paragonò Nilde Jotti alle ragazze pon pon delle mille e una Arcore

10-02-2011

di

Forse, nel baillame di tutto ciò che sta accadendo, c’è chi può aver dimenticato che un po’ di tempo fa in tv, ospite di Lilly Gruber a La 7, un tale Ciccioli, deputato marchigiano del Pdl e psichiatra, in discussione con il professore Rodotà sul caso Ruby, contrapponeva l’allegria, la gioia di vivere, la propensione al divertimento della destra italiana alla tristezza, alla noia, al grigiore della sinistra. Mi domando se è davvero così e in che cosa consiste l’allegria di Berlusconi.

Mi domando quanta allegria e gioia di vivere ci possano essere nel sesso a pagamento per una persona che usa una quantità davvero industriale di donne attratte dal suo enorme potere e della sua  immensa ricchezza e che agognano di essere collocate in una delle sue tv. Diceva Berlusconi nel recente passato: io amo la vita e mi piace rilassarmi un poco dopo avere tanto lavorato. Ma andare con la D’Addario e altre professioniste del sesso è davvero amore per la vita? Non è invece un surrogato, una sorta di droga, qualcosa che si fa per non stare un minuto solo con se stesso, per non prendere atto di una solitudine e di un deserto morale e sentimentale senza limiti?

Usare questa enorme quantità di donne disponibili spinte dalla molla del bisogno o del desiderio di fare carriera (a volte anche solo per un posticino in un angolo del piccolo schermo) ha molto in comune con la quantità enorme di residenze di B. sparse per l’Italia ed il mondo. Ha detto di avere venti case. Venti immense ville, piene di mobili e quadri preziose che tuttavia non sembra facciano una sola casa, il rifugio che ognuno di noi ha su questa terra, anche il più povero, il luogo dove si ritorna da qualsiasi punto del mondo, l’Itaca di Ulisse o il povero basso sognato dall’emigrante napoletano in America, o la terra degli ulivi di cui parla un personaggio di Rocco ed i suoi fratelli.

Lo psichiatra deputato del Pdl ha tentato di depistarci, dopo avere dipinto la sinistra come i piagnoni seguaci di Savonarola o una compagnia di sfigati angosciati, catastrofisti, noiosi, moralisti, incapaci di godersi la vita come fanno Berlusconi, Bertolaso e tanti altri a destra. Ha assimilato il modus vivendi di Berlusconi a quello di Clinton e di Togliatti.

Togliatti sarebbe stato un libertino perché “conviveva” con Nilde Jotti pur essendo sposato ad altra donna. Ora il paragone, oltre che non reggere, è offensivo per la comune intelligenza della gente e per la memoria di Togliatti e di Nilde Jotti, che non era una escort e nemmeno Irene Pivetti, da presidente della Camera a showgirl che balla sotto le stelle con Platinette. Jotti era una forte e grande donna della Resistenza e del movimento comunista. Era ricca di valori morali profondamente radicati nella tradizione della famiglia e dell’Italia dei forti sentimenti che non ha nulla a che spartire con i postriboli lussuosissimi e squallidi di Berlusconi di Arcore, Villa Certosa e Palazzo Grazioli e poi l’altro argomento del Ciccioli, frutto di evidente ignoranza è questo: ma voi, a sinistra, che avete fatto il ’68 e avete predicato il libero amore, perché vi stupite di quello che fa Berlusconi con Ruby, con Noemi, e con le centinaia di donne?

Non credo proprio che l’idea dell’amore scaturito dal ’68 possa essere usato dal Ciccioli o da altri per dimostrare la presunta incoerenza della sinistra. L’idea dell’amore del ’68 è basata sulla parità scaturita dalla emancipazione della donna, si nutre di motivi del movimento femminista (una delle più grandi rivoluzioni del Novecento e della storia della società umana), che fa del rapporto amoroso e sessuale tra due esseri non l’uso di uno sull’altra che può arrivare ad essere financo a pagamento come succede a Berlusconi ma una simbiosi. L’idea dell’amore della sinistra è della piena comunione fisica e mentale tra due persone che prima di tutto si rispettano e non si considerano oggetti l’uno dell’altro Io credo profondamente che non sia la sinistra ad essere triste e noiosa se si accosta con serietà, consapevolezza, rispetto ai rapporti  interpersonali.

Quando Berlusconi ha pagato cinque mila euro una ragazzina per vederla nuda o averla nel letto per ritrovarsi solo con l’odore lasciato nelle lenzuola da una estranea che magari non rivedrà domani perché vorrà provarne un’altra e poi ancora un’altra non sarà più felice di un ragazzo dei centri sociali che ha grandi difficoltà a sopravvivvere ma che ha la ricchezza sconfinata l’amore della sua ragazza. Insomma, la sinistra non è triste. È soltanto seria e continua a credere nei sentimenti. C’è tantissima allegria e gioia in quello che alla destra sembra tristezza. È triste la destra che riduce tutto a merce e che mercifica tutto quello che tocca e che scambia lo sfrenato consumo sessuale delle orge di palazzo come gioia di vivere.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Già membro dell'Esecutivo della CGIL e del CNEL, Pietro Ancona, sindacalista, ha partecipato alle lotte per il diritto ad assistenza a pensione di vecchi contadini senza risorse, in quanto vittime del caporalato e del lavoro nero. Segretario della CGIL di Agrigento, fu chiamato da Pio La Torre alla segreteria siciliana. Ha collaborato con Fernando Santi, ultimo grande sindacalista socialista. Restituì la tessera del PSI appena Craxi ne divenne segretario.
 

Commenti

  1. Anonimo

    [...] [...]

  2. [...] DOSSIER DONNE (1) – Berlusconi come Togliatti? Ci fu un suo deputato che paragonò Nilde Jott… [...]

  3. Roberto Borgonovi

    Berlusconi come Togliatti (?)…
    Questi personaggi,che sostengono simili stupide provocazioni, fanno parte di quella pletora di stupratori della legalità e della libertà dello Stato Italiano che riempie gli schermi, le case e le strade del nostro Paese.Loro, e non solo Berlusconi, hanno provocato quel vergognoso pantano nel quale rischiamo di sprofondare tutti, con buona pace degli increduli che dall’estero commentano sbigottiti quanto ci sta succedendo. Abbiamo tutti coscienza di ciò ? Se la risposta è affermativa non dovremmo avere timore di dirlo apertamente a questi signori, siano essi anche conoscenti o addirittura parenti. Che si assumano le loro responsabilità e cerchino di cambiare il loro dissennato modo di agire.

  4. Roberto Borgonovi

    Nel quarto caspoverso dello scritto di Pietro Ancona, si identifica questo signor psichiatra marchigiano come “deputato PD”. Certamente si tratta di un refuso. Questo bell’esempio di cortigiano berlusconiano fa parte del PDL, come d’altra parte chiaramente indicato nelle prime righe dello stesso scritto. Lo dico solo per evitare confusioni.

  5. virgilio baccalini

    la citazione di ciccioli, nel bellissimo articolo di ancona (al quale va tutta la mia stima, non fosse che per la restituzione della tessera del psi dopo l’elezione a segretario di craxi -io avevo fatto la stessa cosa ancor prima-) e le successive osservazioni su quel signor nessuno, meritano però un chiarimento: ciccioli ha fatto fuoco e fiamme in parlamento per portare al voto un funesto disegno di legge di iniziativa parlamentare con l’obiettivo di cancellare tutte le conquiste della 180/833.
    la salute mentale oggi in italia è un argomento negletto, ma non lo è per oltre un milione di persone, tra sofferenti e familiari, tanti sono coinvolti negli aspetti più gravi di tale sofferenza, che da quella legge sarebbero stati umiliati e angariati.
    dico questo perché penso non si debba mai sottovalutare l’avversario. il tal ciccioli ha sfiorato la riapertura di un sistema contenitivo e manicomiale di centinaia di migliaia di persone che sarebbero state dall’oggi a domani degradate al ruolo di matti.

  6. michele

    La grande gioia di vivere del cav.putt.corrutt.pedof. ha provocato il fallimento di ben due famiglie, ed ora si appresta a far fallire anche l’ Italia. Ma cos’altro deve combinare per scuotere le coscienze dei suoi parlamentari e tifosi?

  7. vanny

    Ma quanto sarà allegro ‘sto ciccioli?

    Uno che propone la riapertura dei manicomi…

    Uno che a vent’anni se ne andava in giro per Ancona, la sera di Natale, a sparare al primo compagno che incontrava… per festeggiare?

    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=223077780625&set=o.50903359351&theater

    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=223077775625&set=o.50903359351&theater

  8. lavio antonia

    Ero lo sono ancora oggi una sessantottina.Noi avevamo,ideali,speravamo di creare un mondo migliore e non vedere i nostri figli senza lavoro e partire ,nonostante le lauree con il massimo dei vo.L’amore libero in cui credevamo era quello di portare avanti un discorso di parità fra i sessi non solo a livello fisico ma soprattutto di sentimenti.Quello che accade oggi,è solamente degrado.mi vengono in mente le feste pagane ”baccanali”.organizzate dagli imperatori romani durante la decadenza.Non permettetevi di paragonare nè Iotti e nè Togliatti a quello che sta accadendo ora.Rileggette la storia e comprenderete la valenza di questi due grandi personaggi

  9. Paolo Guiotto

    @ Roberto Borgonovi
    A me pare sia scritto proprio Pdl e non PD per cui niente refuso …
    Anch’io lo dico per evitare altrui confusioni.

  10. Mauro Matteucci

    “Lungo l’anno i giovani ci vedranno agire, reagire, pensare, rispondere in mille maniere diverse, sempre eguali a noi stessi, sempre e senza sforzo presenti alla nostra visione della vita” (don Lorenzo Milani)
    Mauro