La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Cosa Leggere »

E la pastorella diventa un giovanotto mentre combatte il fascismo di Franco

01-08-2011

di

È recentemente uscito, per i tipi di Sellerio, il nuovo romanzo della scrittrice spagnola Alicia Giménez-Bartlett, Dove nessuno ti troverà.

Ma questa volta non c’è a farla da protagonista l’investigatrice Petra Delicato, ben nota ai lettori. E non è un giallo. Ma la storia di una ricerca condotta negli anni Cinquanta dallo psichiatra parigino Lucien Nourissier in compagnia del maldestro Carlos Infante, giornalista fallito barcellonese, per riuscire a ricostruire la vita di Teresa Pla Messeguer, soprannominata “La Pastora”, partigiana antifranchista ben dopo la fine della Guerra Civile, dal sesso incerto (donna quando da giovane portava al pascolo le pecore e poi uomo, con il nome di Florencio, quando si darà definitivamente alla macchia).

È la storia di una guerra persa in partenza, dell’inutile – e incompreso – sacrificio di quanti non vollero mai arrendersi alla dittatura di Franco.

Una storia di lotta e di solitudine, di eroismi, di paura e di tradimenti, di fame e di freddo, già a suo tempo raccontata – ma senza la presenza della “Pastora” – da quell’indimenticabile romanzo di Julio Llamazares dal titolo Luna da lupi (Passigli Editori), forse il più bel libro sull’argomento.

Sono pezzi, brandelli di storia del post-guerra civile. Di quella storia con la “esse” minuscola, fatta dai perdenti, dai più umili, da quei “senza nome” uccisi dalle pallottole della Guardia Civil, dagli stenti, e dalle malattie, che lasciarono in montagna o nel greto di un torrente i migliori anni della loro vita, come pure una traccia leggendaria nella memoria popolare.

La ricerca, dello psichiatra parigino e del giornalista spagnolo, si concentra nei paesi e nei villaggi di una Spagna triste e sconosciuta ai più, tra la diffidenza dei residenti (che già tanto hanno pagato alla violenza della dittatura) e i ricordi che nessuno vuole rivangare.

Molto belle, soprattutto, le pagine della “vera” biografia di Teresa Pla Messeguer, arrestata poi il 5 maggio del 1960 ad Andorra, dove era fuggita e dove aveva trovato lavoro (il suo vecchio mestiere di pastore) presso una masseria.

Verrà condannata alla pena di morte, poi commutata in trenta anni di carcere (anche se nessuno dei consigli di guerra che la processarono riuscì ad accertare la sua colpevolezza per i venticinque omicidi dell’imputazione). E verrà rimessa – o meglio, rimesso, in quanto nel 1980 verrà accolta la sua domanda per la rettifica del sesso anagrafico – in libertà dopo aver scontato ventitre anni di reclusione, il primo gennaio del 2004.

E questa è la sua storia.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/05. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.

Libro Gratis