La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Esistono nel mondo mezzo milione di donne ultracinquantenni diventate madri dopo la soglia del mezzo secolo. Quasi tutte benestanti del nostro mondo, ma non è detto che il modello non possa diventare interclassista nel prossimo futuro. Con quali conseguenze, chissà...

Gianna Nannini, se comincia la terza rivoluzione sessuale

26-08-2010

di

L’argomento “naturalità” appare il più gettonato. Per il mondo cattolico, portato a non considerare “naturale” tutto quello che, soprattutto nella sfera sessuale-riproduttiva si è modificato dal tempo di Pio IX, la sacralità della vita del nascituro impedisce l’anatema. Per il mondo laico la bilancia oscilla tra la giustificazione della gravidanza tardiva come diritto e la critica di questa come capriccio e oggetto di consumo un po’ come per i figli adottati da Mia Farrow, Madonna o Angelina Jolie: donne straricche che avrebbero bisogno di dare un senso alla loro vita. Pur partendo da argomenti e preoccupazioni diverse è sempre un bene quando un dibattito è ispirato dai dubbi più che dalle certezze.

Delle rivoluzioni del XX secolo la più irreversibile e consolidata è quella che ha dato alle donne il controllo sulla propria fertilità. La pillola non solo è il simbolo della libertà sessuale, ma ha contribuito in maniera significativa ad abbassare la natalità e, nel giro di un paio di generazioni, ha spostato in avanti di oltre un decennio il momento della maternità.

In maniera meno contundente, ma per nulla irrilevante, da circa un decennio il Viagra ha dato agli uomini la possibilità di una vita sessuale virtualmente corrispondente alla vita biologica. Nel XX secolo creavano scalpore le paternità di uomini molto anziani come Charlie Chaplin o Pablo Picasso. Oggi tale possibilità, sia pur criticata, è data per scontata.

Tutte le criticità rilevate dal dibattito di questi giorni sono rilevanti: l’impatto pesante della gravidanza sul fisico della donna, l’aumentata possibilità di handicap e malformazioni, il destino di figli con madri anziane, la relazione tra il ritardo della maternità e la realizzazione professionale, il fatto che le donne (come è visibile in qualunque giardinetto pubblico francese e non da noi, paese del family day) andrebbero messe in condizione di essere madri anche a vent’anni. Resta però perfettamente sullo sfondo un argomento che mette in diretta relazione il caso Nannini con la storia della sua generazione e di quelle che la seguono e la separano da quelle che la precedono.

Gianna Nannini aveva 15 anni quando nel 1971 l’invenzione di Gregory Pincus fu commercializzata in Italia. Per le loro madri, giova sempre ricordarlo, la pillola era proibita dall’art. 553 del codice penale, oltre che dalla morale religiosa. Le ragazze della generazione di Gianna Nannini sono dunque le prime ad aver avuto il pieno controllo su tutta la loro vita sessuale e riproduttiva. Oggi proprio a loro la scienza sembra offrire la possibilità di continuare a esercitare tale controllo. Oggi, in silenzio e senza scendere in piazza, ma con altrettanta decisione, quel mezzo milione di madri attempate sembrano continuare a rivendicare che l’utero è loro e se lo gestiscono.

Può incutere orrore o suscitare disprezzo la rivendicazione del diritto all’attività sessuale e riproduttiva, simboli stessi della gioventù, anche nell’età matura. Velata nel dibattito c’è la nota critica del colpo di testa del pentirsi in età avanzata per quanto si è rinunciato ad avere in gioventù: povera donna, ha rinunciato a esser madre in gioventù e ora che è tardi cerca di porre rimedio.

Ma la medicina, dopo la pillola e il Viagra, aiutando le donne in età avanzata a diventare madri, sta mettendo in moto una sorta di terza rivoluzione sessuale concatenata con le prime due. Non soltanto la donna appare volere e potere estendere ulteriormente il momento della scelta della maternità, ma afferma che se l’uomo estende la propria potenza sessuale virtualmente all’infinito, anche la donna può tenere il passo ed estendere la propria capacità riproduttiva.

In questo modo, a ben guardare, l’estensione dei cicli sessuali, si ricongiunge con i cicli vitali dai quali si era profondamente discostata nel corso del XX secolo. Quando il dottor Zigsmondy nel 1903 inventò l’antesignano del moderno microscopio, aprendo infiniti spazi al progresso medico, la durata della vita media era di appena 35 anni. Ben poche donne arrivavano alla menopausa e troppi figli restavano senza madri in tenera età come era stato “naturalmente” per tutta la storia dell’umanità.

Oggi, complici la medicina e la pillola, tutto è cambiato e una donna al termine della propria età fertile “naturale” non ha più davanti la morte, ma ancora mezza vita, spesso in buona e soddisfacente salute anche sessuale. Cosa dovremmo fare, noi donne e uomini del XXI secolo, nei 45 anni che nel frattempo abbiamo guadagnato rispetto ad Adamo ed Eva e ai nostri bisnonni, se non sperimentare “nuove naturalità”?

Gennaro Carotenuto insegna Storia del Giornalismo presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Macerata. Giornalista pubblicista, dal 1998 collabora con programmi di Radio3 Rai e il trimestrale "Latinoamerica" dove scrive dal 1992. Ha lavorato o collaborato con quotidiani come El País di Madrid, La Stampa, La Jornada. Dal ‘97 è analista di politica internazionale ed è socio della cooperativa editoriale del settimanale uruguayano Brecha. Nel 2005 ha pubblicato "Franco e Mussolini, la guerra vista dal Mediterraneo", Sperling&Kupfer, Milano. Nel 2007 ha curato il volume "Storia e comunicazione. Un rapporto in evoluzione", EUM. Nel 2009 è uscito "Giornalismo partecipativo. Storia critica dell'informazione al tempo di Internet", Nuovi Mondi.
 

Commenti

  1. Stefano Bovero

    Il discorso non fa una grinza, tuttavia una terza rivoluzione sessuale non dovrebbe arrestarsi sul solo piano delle nuove “naturalità” permesse dalla scienza. In un’epoca di etiche maschili fatte di eros virtuale, pornositi ultrahard, traffico montante della prostituzione (con un uomo su tre-quattro che frequenta prostitute, spesso teen agers, in Italia)e l’aumento pseudotribale della piaga dei femminicidi, più l’aumento di patologie sottovalutate come lo stesso AIDS e il Disturbo da Dipendenza da Sesso (Sex Addiction), sarebbe quanto mai ora che gli uomini (maschi) più consapevoli e sensibili dessero una forte sterzata al timone in nome di un’etica e di una democrazia sessuale che finalmente cessi dal considerare il corpo fenminile come oggetto di consumo. Senza per questo apparire antistorici e bacchettoni.

L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »