La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Visioni »

L'avventura dei Gadoev, 5 videomaker bolognesi che hanno vinto il Go Green Festival battendo 400 team da tutto il mondo

Girano un corto in 48 ore e arrivano dritti a Cannes

21-04-2011

di

I Gadoev e gli attori sul set durante le riprese. Edoardo Palma, regista; Stefano Grilli, direttore della fotografia; Damiano Fontanabona, fonico; Matteo Cervellati, operatore video; Luca Mussoni, aiuto regista e post produzione. Filippo Pagotto, Valentina Grasso, Daniele Bergonzi, attori. Cristina Buono, produttrice.

I Gadoev e gli attori sul set durante le riprese. Edoardo Palma, regista; Stefano Grilli, direttore della fotografia; Damiano Fontanabona, fonico; Matteo Cervellati, operatore video; Luca Mussoni, aiuto regista e post produzione. Filippo Pagotto, Valentina Grasso, Daniele Bergonzi, attori. Cristina Buono, produttrice.

«Questa è la Terra… C’è stato un tempo in cui era così… C’è stato un tempo in cui c’era il mare».

Inizia con queste parole la storia di Charls Lee, inventore genialoide che conosce cose ormai dimenticate, come la letteratura e la fisica e che si mette in testa di ricreare il mare. Personaggio strambo e poetico forgiato dalla mente di cinque ragazzi di Bologna, che li ha portati a vincere, con il “miglior film”, il 48 Go Green Festival, contest internazionale dedicato a tematiche ambientali, in cui si sono sfidati 400 team di videomaker di tutto il mondo. Hanno più o meno trent’anni, rispondono al nome di Gadoev e il 17 maggio atterreranno a Cannes per proiettare questo loro ultimo corto, Charlie, the man who brought back the sea. Una tappa che fa parte del primo premio ricevuto al Go Green ed in cui la produzione cinematografica italiana sfilerà al fianco dei migliori cineasti internazionali.

Un cortometraggio di 6 minuti per una favola dal sapore d’altri tempi, ma ambientata nel futuro, realizzata in sole 48 ore. Questa la peculiarità del Go Green, che è una vera sfida contro il tempo: vengono estratti un tema e tre elementi obbligatori, poi parte il conto alla rovescia ed i concorrenti devono ideare un corto, girarlo e montarlo in sole 48 ore.

Charlie, the man who brought back the sea«Quando è stata estratta la tematica ho pensato, “ecco, la più difficile che ci potesse capitare” – racconta Edoardo Palma, regista della Gadoev – era saltata fuori proprio la salvaguardia degli oceani, ma noi eravamo a Bologna ed in sole 48 ore era impossibile girare tutto il corto al mare.. Quindi ci siamo dovuti ingegnare, ma forse è anche perchè l’abbiamo vissuto come una bella scommessa che il lavoro è ben riuscito».

Raccontaci le tappe della produzione del corto… Prima che fosse dato il via alla competizione non sapevate neppure di cosa avreste dovuto parlare, vero?

«Esatto. Sapevamo solo che c’erano 12 tematiche ambientali, ma non quale ci sarebbe toccata. Poi c’hanno dato 3 elementi fissi, un personaggio, un oggetto e una frase e noi abbiamo dovuto costruire la storia intorno ad essi, in modo da renderli il più coerente possibile».

Quindi c’avete lavorato giorno e notte…

«In pratica sì. Giusto un po’ di sonno per non crollare…In un’ora avevamo l’idea, poi ho iniziato a scrivere la sceneggiatura mentre gli altri preparavano il set, abbiamo contattato gli attori e la mattina presto abbiamo iniziato a girare».

Gadoev durante le riprese

Gadoev durante le riprese

Tutto a Bologna?

«Sì, tutto girato all’interno del Crash. Solo l’ultima scena è stata ripresa a Marina di Ravenna, l’ultimo giorno mentre io stavo già montando, perchè non si poteva chiudere il filmato senza avere almeno un’immagine del mare».

Per arrivare al primo premio, avete dovuto superare tre fasi di votazione.

«Proprio così. Il primo, secondo noi il più difficile, era un’eliminatoria giocata coi voti raccolti sui social network. Non credevamo di farcela perché c’erano team, specilamente americani, che avevano sicuramente più contatti di noi. E invece siamo arrivati tra i primi 16».

Il vostro corto quindi ha fatto il giro della rete, Facebook, Twitter. Secondo voi perché tanto successo?

«Forse perché è una favola, al contrario degli altri video, non è pessimista, ma, senza sottovalutare i danni dell’uomo al pianeta, lascia comunque spazio alla speranza. Così ci siamo accorti che il video, primo postato tra i nostri amici ha iniziato a girare su un circuito virale ed è stato votato da moltissime persone».

L'immagine finale del cortoNella seconda fase avete superato la selezione della giuria specialistica e siete rientrati tra i primi 5, poi un nuovo voto online vi ha decretato vincitori, e adesso vi aspetta Cannes…

Sì, proietteremo due corti nello Short Film Corner: “Gesti”, con cui l’anno scorso abbiamo vinto il 48 Houres Film Project, e “Charlie the man who brought back the sea”.

Cosa avete imparato da quest’esperienza?

«Il Go Green, coi suoi tempi strettissimi – racconta il regista – ci ha insegnato l’importanza del gruppo. Ci sono team che in queste occasioni arrivano addirittura a sfasciarsi. La conoscenza reciproca, l’organizzazione e l’intesa che abbiamo acquisito lavorando insieme, sono state il nostro punto di forza».

Immagino che realizzare un video in 48 ore dia tanta adrenalina, qual è il bello questo tipo di concorsi per voi?

«La cosa più bella è la spontaneità. In una circostanza come questa non hai il tempo di consultare libri, manuali. Ti devi fidare di quello che hai già acquisito e del tuo istinto. Non puoi essere troppo critico verso te stesso, lavori d’impulso e d’improvvisazione».

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/08. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Giada Oliva, giornalista, si è occupata a lungo di Paesi in via di sviluppo e di cooperazione internazionale. Attualmente lavora nell'ambito della comunicazione politica e continua a seguire ciò che accade dall'altra parte del pianeta.