La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

Gli applausi bipartisan al governatore di Bankitalia: deferenze o benemerenze?

17-06-2010

di

Non sarebbe facile citare appuntamenti istituzionali con la presenza delle più elevate rappresentanze politiche ed economiche nazionali, come quello annuale dello scorso 31 maggio con il governatore della Banca d’Italia. Le sue parole, seguite nella massima attenzione, raramente sottoposte a successive espressioni di non pieno consenso, conferiscono alla sua relazione, specie nelle conclusioni finali, il carattere di lectio magistralis elevata al rango di magistero super partes.

Di fronte a una tradizione così consolidata sarebbe temerario esprimere, e soprattutto dimostrare, una qualche ipotesi di differenziata valutazione. E tuttavia, per la vastità dei temi generalmente toccati dall’allocuzione del governatore, proprio la deferenza con cui vengono generalmente ascoltati, e successivamente commentati, suscita una qualche congettura in forma di legittima riserva mentale.

Il governatore, secondo storica prassi, esprime una valutazione sullo stato dell’arte complessivo del paese, come vertice di una tecnostruttura importante e osservatorio privilegiato del mondo della finanza. Tale valutazione ha tuttavia, storicamente, una specificità: si presenta sempre come una concatenazione di concetti identificati ed esposti accortamente come sequenza di assiomi.

Così accade, come appunto anche nella relazione di fine maggio, che convengano, nel consenso alle parole del governatore, sia il segretario della Cgil come il Presidente del consiglio. Ma proprio tale circostanza può suscitare il dubbio sull’unilateralità di chi presiede (o presiedeva, prima dell’euro) una tecnostruttura importante ma anche coinvolta e corresponsabile, sia tecnicamente sia politicamente, delle vicende analizzate.

Tale unilateralità di visuale si riflette nell’inevitabile individualità del suo pensiero che difficilmente, pur corroborato da presumibili super raffinate consulenze, saprà soppesare comportamenti, scelte ed esigenze di altri settori della vita pubblica che pure, o proprio perché dal mondo del credito dipendono in sommo grado.

È stato scritto e ripetuto anche stavolta (Corsera del 1 giugno) “le parole del governatore sono applaudite da tutti. Il giorno dopo dimenticate da molti”. Ecco perché ci siamo sempre chiesti se nei confronti di questo rito di Bankitalia (dall’euro ormai derubricata quasi esclusivamente a istituto di vigilanza) forse si esprime deferenza ma assai minore riconoscimento di autentica benemerenza.

Pierluigi Sorti, 76 anni, economista, studi all'estero. Dirigente d'azienda e docente esterno universitario in materie aziendali, per circa dieci anni, a Napoli, Urbino e Roma. Promotore di iniziative di carattere sociale, ha collaborato per tre anni, fino alla chiusura, con la rivista socialdemocratica "Ragionamenti". Socialista in gioventù, oggi è un militante PD, già iscritto ai DS dal congresso fondativo (Firenze 1998). Alle “primarie” del 25 ottobre 2009 non ha sostenuto nessuno dei tre candidati alla segreteria del PD.
L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »