La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Inchieste » L'Italia multietnica »

Il dramma dei bambini Rom e il silenzio del sindaco rottamatore

07-02-2011

di

Da un mese ospitavo alla Cabina Teatrale, con l’aiuto della Comunità di base delle Piagge e di don Alessandro Santoro, sei persone di origine rom sgomberate dal campo di Quaracchi (Sesto Fiorentino). Avevo scritto una videolettera a Matteo Renzi, Gianni Gianassi ed Enrico Rossi, chiedendo alle istituzioni di aiutare queste persone a riscattare la propria dignità, permettendo alla bambina di nove anni, e al fratello di tredici, di continuare a frequentare la scuola. Oggi quella famiglia è ripartita per la Romania. E io ho deciso di aggiornare il silenzio delle istituzioni raccontando loro gli ultimi tasselli. Di seguito il testo della mia nuova videolettera, vi prego di ascoltarla e leggerla. Diffondetela, in ogni caso.

Caro sindaco di Firenze Matteo Renzi, sindaco di Sesto Fiorentino Gianni Gianassi, presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, iniziava così la mia lettera, un mese fa.
Avevo deciso di rivolgere a voi, per primi, il racconto di una vita familiare, la richiesta di accompagnare questo nucleo di esistenze attraverso un percorso che permettesse loro di riscattare la propria dignità. Era un finale da scrivere, ma avete scelto la conservazione dei colori della giustizia nel fondo del cassetto.
La storia partiva dal campo rom di Quaracchi, passava da alcune famiglie sgomberate senza alternativa e si soffermava sulla mia decisione di ospitare sei di quelle persone alla Cabina Teatrale, il mio minuscolo spazio nato per fare arte e per un mese coinvolto in una immensa avventura di arte contemporanea: aiutare sei vite, poi diventate sette, e poi otto, a trovare il loro raggio davanti a un sole prossimo all’eclissi.
Li avevo accolti con l’aiuto della Comunità di base delle Piagge. Non è un vanto, non ho niente di cui vantarmi, ho scelto di raccontarvi questo gesto perché ho creduto davvero che nella sua banalità, l’accoglienza del prossimo è in fondo banale, avrebbe potuto spingervi ad agire nella concretezza dei fatti.

Renzi, Gianassi, Rossi, ho deciso di rivolgermi nuovamente a voi per aggiornare il vostro silenzio degli ultimi tasselli. L’apatia istituzionale verso questa manciata di destini ha provocato la scelta di questa famiglia di tornare in Romania. Sono partiti ieri. Prima la nonna, poi gli altri, compresa la bambina di nove anni, che qui in Italia aveva già iniziato a frequentare la scuola.
Avete impedito ai margini di diventare succo della società, avete atteso il passaggio di sei cadaveri sociali nel burrone invece di contribuire alla costruzione di un ponte. Avete praticato la complice violenza del distacco.
Un mese fa sarebbe stato possibile dimostrare che la forza del diritto o si accompagna all’umanità dell’agire oppure diventa legge del più forte.
Non fare niente è una scelta politica, ma non è la mia.
L’Italia che voglio è quella che trova il tempo di una telefonata, di mandare un’assistente sociale, di inventarsi pratiche sociali inclusive, a esempio la ristrutturazione di quel milione di metri cubi di edifici disponibili nella sola città di Firenze, rendendoli case per tanti, stranieri e italiani, persone.

Mi rimarrà l’immagine della bambina che a nove anni, di fronte a Shrek, l’orco verde innamorato di Fiona, si volta timida e sorridente, rossa, rossa in volto, imbarazzata mentre i due protagonisti si danno un bacio. E mi chiedo di quante future emozioni rubate, dignità disattese, silenzi assordanti, sia complice la società del “lasciar perdere”. Vorrei che questa domanda bussasse ogni giorno alla nostra porta e finisse per scardinare le coscienze e il sonno della ragione. Cari Renzi, Gianassi e Rossi.

I rom se ne sono andati. Videolettera alle istituzioni

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/05. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Saverio Tommasi è attore e autore di libri e spettacoli di teatro civile. Realizza inchieste video di taglio giornalistico, anche con telecamera nascosta. Il suo pensatoio è http://www.saveriotommasi.it.
 

Commenti

  1. Patrizia Luccarini

    I miei complimenti all’autore.
    Mi è piaciuto moltissimo il tono di questa lettera.
    La sua umanità e la sua fermezza. Fa veramente sentire la differenza tra chi scrive e i destinatari della lettera. Tra chi fa e chi non fa. Nulla. Bravo.

  2. Mimì Penone

    E oggi che dire, dopo quanto successo a Roma?
    La sua lettera sembra un presagio, una cronaca annunciata.
    Noi, senza vanto, dobbiamo continuare a bussare a tutte le porte, in un’instancabile azione di denuncia.
    Mimì Penone-Cantù (co)

  3. Mimì Penone

    E oggi che dire dopo quanto successo a Roma?
    Parole di un profeta, una cronaca annunciata o semplicemente l’umana denuncia di chi ha ancora un cuore e la dignità di uomo, superiore a qualsiasi calcolo politico?Purtroppo oggi bisogna affidare il proprio pensiero a persone famose perchè venga ascoltato!
    Grazie Mimì Penone

  4. Mauro Matteucci

    “le carriere dei politici erano salve. I bambini di Beslan, no. (Anna Politkovskaya)
    Mauro Matteucci

  5. giuseppe Palasciano

    Di tanto in tanto nelle nostre piazze si celebra il diritto alla vita che verrà. Altro esempio di palese ipocrisia. Si vuol difendere la vita forse prima ancora che sia tale, e potrei essere anche d’accordo, ma qualora al momdo non ci fossero più bambini che muoiono di fame, di stenti, di povertà. Inorridiamo di fronte all’aborto e poi facciamo morire migliaia e migliaia di bambini all’anno.Non hanno loro diritto alla vita? che gli è stata donata, o non appartengono a questa umanita?.
    Condivido in pieno l’accorato stato d’animo di Saverio Tommasi