La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Il professor Pasquino interviene nella polemica aperta dalla Lettera di Annalisa Strada che “di questa sinistra non ne può più”

Gianfranco PASQUINO – Il PD non vuole essere “la sinistra”, preferisce la parola “riformista”

24-11-2009

di

C’è un grave errore di fondo nello sfogo, argomentato e intelligente (non è la solita “lisciata”), di Annalisa. Se il suo punto di riferimento è il Partito Democratico, allora lei e, forse, tutti dovrebbero sapere che, programmaticamente, il PD non vuole essere la sinistra in questo paese. Deliberatamente, i suoi dirigenti, incidentalmente, nessuno/a dei quali ha perso il seggio in Parlamento, mentre il loro Partito perdeva alla grande le elezioni del 2008 (a livello locale, poi, è stato un tripudio di promozioni!) hanno abbandonato la sinistra. Se mai, per alcuni, certo non per tutti, è esistita una identità di sinistra, adesso è sacrificata a qualsiasi altra espressione, purché non venga precisamente definita e, meno che mai, venga accomunata alla socialdemocrazia, notoriamente, lo scrivo con sarcasmo, una ideologia ottocentesca, come raccontava, molto compiaciuto di sé, un trentenne del PD di Modena. La più gettonata delle espressioni usate per dare una pallidissima anemica identità al PD è, ovviamente, perché poco impegnativa, “riformista”. Abbiamo, peraltro, appreso da Bersani che la parola “sinistra” può essere legittimamente usata. Peccato che il neo-segretario non abbia ancora detto come usarla, quando e con quale obiettivo. Se bisognava agevolare l’uscita di Rutelli, che era meglio non fare neppure entrare, la missione è compiuta. Se, invece, bisogna fare politica, la missione, con le sole parole, appare impossibile. Purtroppo, gli esempi che Annalisa cita, dal lavoro, più o meno precario, alla cultura, sono perfettamente calzanti. Non è che il PD non abbia proposte; piuttosto, si tratta di proposte episodiche e estemporanee, mai organizzate coerentemente in un disegno.
In Italia, ieri e domani, in Europa da sempre, la linea distintiva fra destra e sinistra passa attraverso due posizioni chiare: la destra preferisce abbandonarsi al mercato, la sinistra (quella non comunista, poiché i comunisti continuano a scegliere la conquista dello Stato) fa ricorso alla politica (ovviamente, democratica). Voglio dire che la sinistra sostiene e poi pratica l’intervento attivo della politica nell’economia e anche nella società, qualche volta, persino nella cultura (per esempio, potenziando l’istruzione, ma anche finanziando alcune attività culturali) sia per contenere le disuguaglianze sia per offrire eguali opportunità, anzi, meglio per dare più opportunità a chi parte più svantaggiato. Tutto questo discorso è semplicemente sparito dal bagaglio culturale, in verità leggerino, degli attuali dirigenti del Partito Democratico. Infatti, le cosiddette “primarie” ovvero, meglio, l’elezione popolare diretta del segretario, si sono combattute su altre tematiche, ma, per carità, non chiedetemi quali, forse, il tasso di antiberlusconismo (sacrosanto), forse le coalizioni da costruire a destra e a manca (“vocazione maggioritaria”, adieu, non ti rimpiangeremo se sapremo farle quelle benedette coalizioni, senza rinunciare alla laicità e all’etica).
Paradossalmente, il punto sul quale il Partito che si autodefinisce Democratico è più debole è proprio sulla democrazia. Quindi, Annalisa non corre rischi. Pur di evitare un dibattito democratico, nessuno le chiederà di argomentare le sue opinioni, nessuno la sfiderà, tutti saranno indifferenti e non metteranno in imbarazzo la sua ingenuità. L’elezione diretta del segretario costituisce soltanto un pezzetto di democrazia. Se, poi, al suo interno, il PD schiaccia il dissenso, la democrazia semplicemente non troverà spazio. Un ceto tuttora molto ampio di persone che vivono soltanto di politica e di cariche, contorniato e corteggiato da un ceto ancora più ampio di aspiranti a cariche politiche ha ben altro a cui pensare, certo non a garantire procedure e decisioni democratiche che potrebbero fare loro perdere il posto. Tutti si puntellano, eventualmente, contro tutte le Annalise che vorrebbero esprimere le loro opinioni e le loro proposte e vedere qualche opinione, anche contraria, ma non imposizione, e avere qualche risposta concreta. Chi è privo di alternative occupazionali deve difendere con le unghie e con i denti le sue cariche e comunque le sue possibilità di essere messo in altre cariche. Di qui le cordate, magari chiamate Fondazioni, che non elaborano idee, ma danno posti. Di qui l’emarginazione più severa possibile di chi dice: “sbagliate” ovvero annuncia che “il segretario e la Direzione (pletorica) sono nudi (e pure brutti!)”. Senza identità e senza competizione fra uomini e donne libere (le quote rosa saranno un tremendo macigno sulla competizione e rappresentano quasi esclusivamente una estensione della cooptazione), non ci sarà nessun rinnovamento del Partito Democratico.
Comunque, la sinistra non abita lì. Riuscirà ancora a vincere qualche elezione, ma senza uno scontro interno vero su persone, proposte, prospettive, con qualcuno che abbia voglia di rischiare articolando un discorso di sinistra che metta la politica al primo posto, le opportunità come obiettivo centrale e i politici senza mestiere all’ultimo posto, non saprà mai più aprire un qualsiasi ciclo di riforme (che, sia chiaro, non erano presenti neppure nella fase di governo del non-politico, certamente, non di sinistra, Romano Prodi; dunque, nessun rimpianto; anzi, guardiamoci dai prodiani).

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/12. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Gianfranco Pasquino, torinese, si è laureato in Scienza politica con Norberto Bobbio e specializzato in Politica Comparata con Giovanni Sartori. Dal 1975 è professore ordinario di Scienza Politica nell’Università di Bologna. Socio dell’Accademia dei Lincei, Presidente della Società Italiana di Scienza Politica (2010-2013), è Direttore della rivista di libri “451”. Tra le pubblicazioni più recenti: "Le parole della politica" (Il Mulino, 2010), "Quasi sindaco. Politica e società a Bologna" (Diabasis, 2011). Ha appena pubblicato "La rivoluzione promessa. Lettura della Costituzione italiana" (Bruno Mondadori, 2011).
 

Commenti

  1. Giacomo Corrado

    Egr. dott. Pasquino,
    ho l’impressione che Lei le stia suonando alla classe dirigente (?) del PD quanto se non più di Annalisa Strada.
    Concordo su quanto dite entrambi, fermo restando che Lei chiama PD ciò che la Strada chiama Sinistra e ne argomenta le ragioni.
    Alla sostanza però mi pare che entrambi diciate che non se ne può più di questi signori che non sono capaci di esprimere alcun cambiamento e che hanno perso definitivamente il contatto con la base alla quale chiedono i loro voti.
    Sempre ammesso che i nostri voti, vista la porcata targata Calderoli, abbiano ancora senso.

  2. [...] Guarda Articolo Originale: Il PD non vuole essere “la sinistra”, preferisce la parola … [...]

  3. guido.

    scusate, la mia ignoranza, ma volevo esprimere un pensiero in riguardo a questi articoli, ed a tutto quanto sta succedendo anche attorno nel piccolo in cui vivo, con il supporto nella constatazione e soggettiva valutazione di eventi.
    ma questo binario, destra sinistra- ricco -povero- pd-pdl, oppure 1-2-3- ecc….. repubb, sistema economico altalenante prodi-berlusconi, riprese e riprese e a singhiozzo, alternando quelle di prodi a quelle di altri politici e uomini potenti, partecipazioni a guerre di pace che coinvolgono comunque sia la nostra povera italia nell\’interno.
    ma mi chiedo da sempre, come o cosa si può o deve fare un comune cittadino ad avere un orientamento tranquillo del tipo :\"facciamo come si può come è sempre stato con buona volontà\". Ma il sistema binario obbliga comunque una scelta e questa lo sappiamo tutti è identica, comunque sia perchè non è dx o sx ma è che ci siamo sopra a quel treno, e ci siamo tutti, ricchi e poveri, reali o anarchici.
    Spero che prevalga comunque in chi ci comanda ed in tutti noi anche nelle più umili funzioni, il rispetto del prossimo, senza troppa invidia credo, perchè chi comanda , chiunque esso sia o siano, saranno comunque obbligati a prendere delle decisioni no! e speriamo che non siano basate su chiacchere no!.
    Questa purtroppo penso che sia la realtà, almeno che essi non si configurino in un essere supremo, sicuramente non accontenteranno tutti.

  4. Guido Perazzi

    forse sbaglio. perchè invio lo stesso messaggio che ho inviato al messaggio di Annalisa.

    Al Prof. Pasquino le invio il mio pensiero anche dopo aver letto la sua analisi politica.
    non riesco a convincermi di poter rispondere al suo, se non che col mio pensiero politico.

    [( ………tranquilla Annalisa il mondo purtroppo va male forse anche peggio di come lo descrivi tu…io guido perazzi: purtroppo da troppo tempo-spazio, non riesco a comprendere i dirigenti dall’ultimo PCI in poi. Ma cosa credevano di fare?.... non lo credevano possibile quello che si è realizzato? non lo dico per gli altri lo dico per noi ex PCI….. e poi NIENTE….NULLA, DI POSITIVO INTENDO…. PURTROPPO io voto e voterò ancora nell’interno del PD…………. Ma senza più un bricciola di fiducia. Quando manca la fiducia nei propri dirigenti, manca l’entusiasmo di voler fare in generale. Fini dice cose politiche sagge perché sono cose che chiede la gente?.... ma anche Berlusconi fa cose che le chiede la gente con i sondaggi, E VINCE LE ELEZIONI. ……….. Fini non dirigeva la guerra a Genova nel 2001?
    …………..agli x PCI chiedo: ma cosa pensavate di riuscire a fare, UNA politica, con dei congressi che dovevamo scegliere tra 3 mozioni, o tra 3 candidati segretari? …. Un congresso nostro deve dare spazio a più voci diverse, più diversità si esprimono i propri pensieri idee meglio è per le conclusioni politiche del congresso. I dirigenti dopo che elaborino l’ascoltato……..per dirigere le diversità…. Senza esclusioni. Il segretario lo eleggano i delegati eletti dai circoli comunali, provinciali regionali e dal congresso i dirigenti scelti per dirigere la politica di tutte le diversità politiche filosofiche sociali. Politica è il metodo utilizzato nel confronto dialettico di più diversità possibile, per scegliere il cosa fare. Dividersi su cosa fare è antipolitica perché il metodo non è democratico quando ci si divide……….)]
    Ciao da guido perazzi
    Agiungo: che non sono favorevole a che ci siano più critiche con sentenze di condanne politiche che critiche giustificate. Sono favorevole a che in molti espongano la loro proposta politica…. Con la speranza sia utile al dibattito. Senza condanne politiche.
    Il progamma politico da votare sia il risultato finale dell’ascolto di molte idee pensieri politici.
    Altrimenti forse continueremo a dividerci come abbiamo fatto dal dopo PCI.

  5. alberto panaro

    La cosa più deprimente è che, mentre simboli, immagini, parole, valori di quella che si chiamava “sinistra” sono stati fatti cadere programmaticamente, e sono in effetti scomparsi dalla scena pubblica, o addirittura dal senso comune, le stesse cose della destra sono apertamente esibite, fino a diventare look e gergo dei giovani. Insomma, “Bella ciao” è di cattivo gusto, la croce celtica un simpatico gadget.