La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Pomeriggio al cinema »

Romagnoli, giornalista che ha raccontato il mondo, racconta l’Italia piccola e lo scandalo grande scrivendo un film sul paesino che ha fatto tremare le borse d’Europa e Wall Street. Soprattutto migliaia di famiglie “imbrogliate dal patron e dalle banche”. Toni Servillo veste i panni di Tonna, anima nera di Tanzi

Il signor Parmalat è diventato un film: storia del crack e dei politici che sono cresciuti all’ombra di Tanzi

28-02-2011

di

Quando si è trattato di scegliere il nome da dare nel film all’azienda che “recita la parte” di Parmalat ho pensato: dev’essere un nome di donna. Per questo si chiama Leda, non tanto perché acronimo di Latte E Derivati Alimentari, quanto perché loro l’amavano. Loro chi? Calisto Tanzi e, forse ancor di più, i suoi manager.

Con il regista Andrea Molaioli e l’altra sceneggiatrice, Ludovica Rampoldi li abbiamo incontrati: Tonna, Del Soldato, Gorreri…tutti quanti nel nominare “la” Parmalat avevano negli occhi quella malinconia da amanti delusi. Amanti? Mariti. Gente che ha dato la vita e, dopo la separazione, è rimasto con nulla in mano, vive in un residence e di ricordi. Strane figure: manager di provincia che guidavano una multinazionale. Ragionieri che facevano conti con troppi zeri. Innamorati di un marchio che era la loro città, la loro esistenza.

Sopra di loro, Tanzi, l’uomo del titolo. Azionario, certo. Ma anche l’uomo che ha dato il titolo al film. Un magistrato milanese ci ha raccontato che, durante un interrogatorio, l’ex re del latte l’ha guardato e ha detto questa memorabile frase: “Dottore, lei che ha letto tutte le carte me ne deve dare atto…lasci perdere i quattordici milioni di debiti…ammetterà che Parmalat era un gioellino”.

“Il gioiellino” si chiama il film e questo racconta: una storia più grande dei suoi protagonisti, il limite assoluto del capitalismo italiano, non saper riconoscere la professionalità, preferirle l’affidabilità, il familismo. La storia di una grande azienda creata dalla fantasia di un uomo che l’ha poi portata alla rovina perché l’ha voluta tenere nei confini, della sua terra (scegliendo i manager tra i diplomati di Collecchio), della sua famiglia, mettendo figli e nipoti in posizioni al di sopra delle loro capacità.

Non è stato difficile scoperchiare la pentola: avevano tutti voglia di parlare, alla fine. Perfino l’austero dottor Bondi, inappuntabile nel suo completo low cost, seduto in quell’ufficio troppo fastoso che Tanzi aveva creato per sé in cui non era entrato mai. Non è stato difficile raccontare a Toni Servillo che impersona Tonna, la glacialità del suo alter ego, la sua spietatezza, la rabbia che ancora lo scuote quando pensa alle risorse aziendali deviate per allontanarsi dal core business o, addirittura, per finanziare una squadra di calcio.

Io ho trascorso la vita professionale raccontando storie, dall’America al Medio Oriente e sono finito, in miti giornate d’inverno, a Collecchio per cercare il senso di questa. Ma le storie del mondo si assomigliano, hanno matrici comuni. Che sia Enron o Parmalat, Mubarak o Berlusconi, sono gli stessi sentimenti, le stesse sensazioni che frullano nella testa degli esseri umani e li conducono prima al successo poi, inevitabilmente, alla rovina. Avidità, ottusità, incapacità di riconoscere i limiti e i torti guastano quel tanto di genio che era bastato a far fare fortuna, quel tanto di coraggio che l’aveva espansa. Arriva, sempre, il tempo dell’incoscienza. A quel punto, si paga il conto. Tanzi ha ragione, credo, su una cosa. Il sistema (le banche, la grande finanza, la politica) non lo ha presentato a tutti i tavoli, quel conto. Altri come lui avevano mangiato troppo per quel che avevano in tasca e non sono stati svergognati e cacciati dalla sala. Ma questa non è una giustificazione sufficiente. Non se il gioiellino era farlocco.

Gabriele Romagnoli, giornalista e scrittore, è stato inviato per due anni de La Stampa negli Stati Uniti. Editorialista de La Repubblica, collabora con diversi periodici e quotidiani tra cui Vanity Fair, Diario, Avvenire. È anche autore di alcune sceneggiature di fiction televisive, tra cui “Uno Bianca” e “Distretto di polizia” con Marcello Fois. Dopo aver vissuto al Cairo si è trasferito a Beirut.