La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Per Bambini e Ragazzi »

La ballerina di Baghdad

20-12-2010

di

Primavera 2003. Mentre i tamburi della guerra minacciano Bagdad,

Erfan, una ragazzina di tredici anni, corona il sogno di interpretare Il

lago dei cigni, come il suo idolo Anna Pavlova. Ma la felicità ha vita

breve: l’Iraq viene invaso e tutto cambia. La vita di tutti i giorni lascia

il posto all’orrore, la guerra porta via a Erfan ogni parvenza di

normalità: la danza, l’elettricità, l’acqua, la casa… fino a strapparle il

padre, ucciso poco fuori città. Costretta a rifugiarsi in un buco

puzzolente con la mamma, le sorella e la nonna Bibi, Erfan deve

imparare a sopravvivere in questa nuova realtà. Con il passare dei

mesi la ragazzina incontra nuovi amici, apprende l’importanza delle

piccole cose e scopre l’amore. Lentamente si apre uno spiraglio alla

speranza.

Gemma Pasqual i Escrivà, autrice della favola pubblicata dalle edizioni San Paolo, è una scrittrice spagnola di lingua catalana, nata a Almoines (Valencia) nel 1967. Prima di dedicarsi alla scrittura ha lavorato per diversi anni come analista per l'IBM. Ha collaborato con diverse riviste letterarie e tiene tuttora conferenze in numerosi centri culturali. E’ membro del consiglio dell’Associazione degli Scrittori in Catalano. Con questo romanzo ha vinto il premio “Barcanova” di letteratura per ragazzi. È l’autrice della sintesi che pubblichiamo.

Libro Gratis