La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Spettacoli » Credere Obbedire Combattere »

Le faccette del regime: un Capezzone robot – service di ogni potere

02-08-2010

di

Riecco Capezzone affacciato ai tg, con la faccetta scura scura e la pettinatura da manichino che imita quella di Berlusconi, che imita quella di Capezzone. Stavolta l’ex radicale ha intimato a Fini di dimettersi da presidente della Camera, in nome della sua dignità. Caspita. E che cosa dovrebbe fare allora Capezzone, per conquistare un minimo di dignità? Dimettersi da portavoce del piccolo re senza regno sarebbe troppo poco. Capezzone, per la sua infinita capacità di replicare ogni squallido refrain, dovrebbe dimettersi prima di tutto da essere umano, poi rasarsi a zero e, se ci riesce, fare l’imitazione dell’imitatore di Minzolini a Sanremo. Solo così acquisterebbe un po’ di verità: quella di essere la faccia, anzi la faccetta più esposta del potere e dell’impotenza a vergognarsi di quello che dice per conto terzi; mentre c’è chi almeno spara cazzate in proprio.

“Federalizzagli” questo, già che ci sei

Di fronte allo sfascio del fu Pdl, fa impressione lo spettacolo di stile dato dalla maggioranza che non c’è, ma si riversa come un sol uomo in tv a eseguire il mandato padronale. Umberto Bossi ripete il gesto del dito medio, mentre Stracquadanio ad Omnibus su La7 spiegava così il divorzio da Fini: «Non posso tollerare di avere per compagno di banco uno che cerca di mettermelo in quel posto per via giudiziaria». Cosicché Berlusconi si rivela ormai incompatibile a ogni convivenza. Due matrimoni falliti e, in politica, una marea di sottoposti e nessun alleato duraturo. A parte la Lega, che lo tiene al guinzaglio, benché con scarsi risultati, visto che questo governo è il più accentrato e «romano» della storia repubblicana. E se cadrà a breve, come Berlusconi sembra meditare, il gesto del dito medio Bossi lo può tranquillamente fare al suo federalismo fiscale.

La «verità» di Verdini, solo per chi non pone domande però

Certo, come genere televisivo la conferenza stampa non è granché. Però è stato un bene che Rainews abbia mandato in onda tutta «la verità» (come ha detto lui) di Verdini. Così, anche quelli che alle conferenze stampa non sono abituati hanno potuto vedere di che arroganza sono fatti certi berluscloni. I quali giudicano «morbose» le domande cui non vogliono rispondere e non si capisce, allora, a che scopo chiamino i giornalisti. Con l’aggravante degli scherani, pronti a intervenire quando la maleducazione del protagonista non basta. E, a proposito di maleducazione, ci ha colpito il fatto che Verdini abbia definito «sgarbato» il presidente Fini per aver chiesto le sue dimissioni. Infatti nel Pdl si può fare di tutto: affari e politica, perfino associazioni segrete e rapporti con la mafia (vedi l’amico Dell’Utri), ma guai a trasgredire il galateo. Per la morale, invece, c’è solo il Festival di Sanremo, dove sono più severi con i presunti peccatori che nel Pdl e perfino nella Chiesa di Roma.

Il ministro del “farla franca” e quelli che pensano a riempirsi le tasche

Secondo il ministro Sandro Bondi, intervistato dal Tg3, al centro del dissidio tra Berlusconi e Fini ci sarebbe il fatto che il presidente della Camera pensa solo alla carriera. Mentre è chiaro che il capo del governo pensa solo al bene del Paese. Per questo ha fatto ministro l’ex dirigente Fininvest Brancher, che non aveva alcun mandato da assolvere, se non quello di farla franca. E infatti, ieri al Tribunale di Milano, è stata chiesta per lui la pena di due anni soltanto: segno che è proprio innocente, come ha sostenuto davanti alle telecamere il suo avvocato, per la verità con un filo di voce, quasi che si vergognasse un po’. Mentre il giornalista Rai che ha confezionato il servizio ha spiegato che Brancher avrebbe ricevuto, tra una tranche e l’altra, se non abbiamo capito male, circa 1 milione di euro. Qualcosina, secondo Fiorani, sarebbe andato anche a Calderoli, la cui posizione è stata stralciata. Perché la Lega pensa solo al territorio: quello delle sue tasche.

Sono nata a Ghilarza (Oristano), ho studiato lettere moderne all’Università Statale di Milano, in pieno 68. Ho cominciato a lavorare all’Unità alla fine del 73, quando era ancora ‘organo’ del Pci, facendo esperienza in quasi tutti i settori, per approdare al servizio spettacoli negli anni 80, in corrispondenza con lo straordinario sviluppo della tv commerciale, ovvero con l’irresistibile ascesa di Silvio Berlusconi. Ho continuato a lavorare alla redazione milanese dell’Unità scrivendo di televisione e altro fino alla temporanea chiusura del giornale nell’anno 2000. Alla ripresa, sotto la direzione di Furio Colombo, ho cominciato a scrivere quotidianamente la rubrica ‘Fronte del video’, come continuo a fare oggi. E continuerò fino a quando me lo lasceranno fare. Nel 2003 è stato stampato e allegato all’Unità un volumetto che raccoglieva due anni di ‘Fronte del video’.
 

Commenti

  1. pileggi mauro

    buona sera sono un normale cittadino che ha il voltastomaco di questo capezzone che non fa altro che prendere ingiro tutti quelli che lo circondano non sapendo che in realta’ lui faceva o meglio voleva fare l’annunciatore televisivo.perche’ se ci fate caso ogni volta che viene intervistato (o si fa intervistare )si mette in posa come come un’annunciatore,coordina le parole come se stesse recitando perche’e come se recita.adesso veramente ma come facciamo noi altri che vogliamo lavorare e vedere le cose fatte bene a guardare in televisione personaggi come lui che pur di non lavorare fa il volta gabbana?e noi cittadini come facciamo a prendere sul serio questa politica sia di destra o di sinistra che fanno di tutto per fare spettacolo e non politica?spero un giorno che qualcuno possa azzerare questo parlamento e magari proporre vere persone che tengono al bene del paese e non persone che ci vengono imposte da chi oggi ha il potere .siamo caduti troppo in basso negli ultimi anni e siamo lo zimbello d’europa per il resto d’europa non siamo seri dove andremo a finire visto che non c’e’ via d’uscita sono solo preoccupato perche’ ho tre figli piccoli e nessuno ha il potere di cambiare le cose.