La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Fino a qualche tempo fa la Santanché ripeteva che Berlusconi era un mostro. Adesso sottosegretario nel governo insultato, mentre la sua agenzia controlla la pubblicità del Giornale di famiglia, rovescia il giudizio morale. Si è scritto che la moglie di Mubarak voleva scappare in Italia, ma come poteva presentarsi in questura dichiarando “sono la zia di Rudy”?

Giancarla CODRIGNANI – La migliore risposta al dito medio della Santanché è usare il pollice per spegnere la Tv

31-01-2011

di

Se avessi partecipato a uno di questi dibattiti televisivi che rendono la gente convinta che i politici sono tutti uguali, mi sarei rivolta direttamente ai telespettatori per dire “amici, ma la Santanché con il dito medio alzato, vi piace? contenti se lo facesse vostra figlia nei vostri confronti? e voi, lo fate ai vostri genitori? Ma perché non spegnete il telecomando, almeno per segnalare che non siete complici? State facendo la stessa parte in commedia, mentre il fango è ormai nel frullatore”. Nessuno mi inviterebbe più – sarà per questo che non lo fa nessuno – ma mi sarei cavata la voglia di compiere una specie di dovere.

Forse non tutti saranno già diventati come quei padri, madri e fratelli che incoraggiano figlie e sorelle a fare un po’ di soldi a spese del culo flaccido di un vecchio pieno di soldi. Ma, certo, molti non si accorgono che il caimano sta portando a rovina anche quelli che “in buona fede” lo “amano”. La Santanché non molto tempo fa era del parere che B. fosse un mostro, oggi anche lei si è finalmente inserita non più solo tra gli imprenditori (la sua ADV controlla la pubblicità, tanto per dire, de “Il Giornale” e “Il Riformista”), ma tra i sottosegretari e gli sfruttatori del regime. E pubblicizza in tv il marchio della ditta.

Le ragazze più o meno minorenni sono diventate pericolose. Il caimano spera che neghino anche l’evidenza, ma prove circostanziate non mancano e sarà difficile smentire se stesse. Sul piano morale (oggi in confusione grande) più delle meteorine si stanno prostituendo politici e giornalisti registrati sul libro paga (anche a spese del contribuente) e parlamentari disposti a cambiare bandiera a prezzo. In linguaggio politico si chiamano servi. Ma la servitù può connotare addirittura un popolo. Infatti all’estero, mentre deridono Berlusconi, ci fanno responsabili della nostra rovina.

B. non può continuare ad essere un despota che offende la Corte costituzionale e denigra la magistratura o promette miracoli per mandare poi l’esercito a Napoli contro la monnezza. Non può fare quello che vuole definendosi l’eletto dal popolo; non è tale e neppure è un “Capo del Governo”, che era la denominazione istituzionale di Mussolini. E’ un Presidente del Consiglio che ha ricevuto la fiducia di un Parlamento che comprende anche l’opposizione con tutti i relativi diritti. Governa, insomma, non “comanda”. Invece costui irrompe nei dibattiti televisivi con insulti incivili come se la RAI non fosse proprietà dei cittadini. Se avessimo avuto una legge sul conflitto di interessi, non sarebbe stato eleggibile; in ogni caso quando si comporta da padrone ci rende servi.

Adesso i rischi sono ancora più grandi e la presa di coscienza si è fatta urgente. Questo “mentitore fisiologico”, come diceva Montanelli, non riuscirà ancora a lungo a farla franca e dispiace solo che i discorsi della fine non riguardino i veri – e molto seri – problemi del paese, ma le indecenze del bunga. Che non sono fatti privati su cui sorridere con invidia o stendere veli pietosi. I responsabili politici hanno il dovere della correttezza di vita, ma in nessun paese normale un presidente telefona al questore per raccomandargli una “povera minorenne” presentatasi come nipote di Mubarak e accolta come le altre nella sede del Presidente senza accertamenti (lo dice uno della sorveglianza: “non c’è controllo di documenti, ma una lista di invitati comunicata dalla segreteria). Il coinvolgimento di donne straniere, romene, domenicane, egiziane (una “montenegrina”!) ammesse a corte non turba il ministro dell’Interno preoccupato per tutti gli extracomunitari potenziali terroristi musulmani; e magari quello degli Esteri, oggi portavoce delle autorità di Santa Lucia per fregare Fini con documenti ininfluenti e pronto a sostenere i dittatori perché prevengono il terrorismo. E’ inammissibile la richiesta ad un prefetto di favorire la concessione della cittadinanza a Marysthell Polanco, che è la convivente di un condannato per smercio di droga che si tiene in casa quasi tre chili di coca. Tanto più che tale Raissa Skorkina ha accusato le ragazze furbe di aver cercato di rovinare B. precisando a continuazione “è come se io vengo a una tua cena e poi ti dico che tu avevi la droga”. Il premier è sotto ricatto? Non illudiamoci: dopo un’eventuale pubblicazione di foto compromettenti tenterà ancora di ribaltare le carte e il tavolo. A meno che Bossi non vesta nella tragicommedia l’abito di Bruto.

L’uso del corpo delle donne è diventato simbolico dell’uso della delega ricevuto dal voto. Non c’è confronto rispetto a quando dicevamo che la DC usava il denaro pubblico come bene privato. Qui lo Stato – che saremmo noi – è diventato un bordello che si nega sicurezza e legalità. Se Berlusconi fosse sicuro di essere pulito come dice ogni due per tre, si presenterebbe alla magistratura ordinaria, senza inventarsi il diritto a un’altra scelta. Nessuno della cricca accetta che gli si ricordi Clinton e la tranquilla sottomissione alla giustizia di un Presidente americano. Dà sui nervi – e se ne rimuove l’esempio – il Cuffaro che ha accettato di andare in carcere “per rispetto della magistratura”. E’ già qualcosa – solo un nuovo scenario del teatrino italiano? – parlare di D’Alema. Oppure continueremo a farci piacere Lele Mora, Briatore e il billionaire? Forse il tragico è lì.

P.S. Ricevo dalla rete:

La moglie di Mubarak è scappata a Londra. Voleva venire in Italia ma…… voi vi presentereste alla Questura di Milano dicendo “sono la moglie di Mubarak” ?

Giancarla Codrignani, docente di letteratura classica, giornalista, politologa, femminista. Parlamentare per tre legislature
 

Commenti

  1. maggie girotto

    io non la guardo da tanto tempo… non ce l’ho in casa e passo il tempo a studiare, a coltivare la mia dignità e girare per mostre e musei. stare con gli amici, concerti e libri tanti tantissimi. e in più un pò di sano lavoro. qualsiasi lavoro è sano quando una testa non si lascia schiacciare dalla tracotanza e vigliaccheria del più forte. come il metodo zen mi allontano da tutto ciò che va contro la sensibilità dei limiti tra gli esseri civili che contribuiscono al bene sano dell’individuo. mi allontano fin dove posso….

  2. Marco Ermini

    Non si può spegnere un telecomando, al massimo lo si usa per spegnere la TV…

  3. [...] This post was mentioned on Twitter by veronica zegarelli, Domani – Arcoiris TV. Domani – Arcoiris TV said: La migliore risposta al dito medio della Santanché è usare il pollice per spegnere la Tv http://ff.im/-x8NWy [...]

  4. Mauro Matteucci

    Purtroppo è da tempo che legalità e democrazia hanno abbandonato il nostro paese, dove regnano un’indecenza sempre più tracotante e esibita e l’indifferenza verso le condizioni dei più deboli. Viene da rimpiangere la Tunisia e l’Egitto, dove tanti giovani scendono in piazza per cancellare una classe politica corrotta! Purtroppo noi non sappiamo più indignarci e protestare. Grazie, Giancarla, della sua inattualità!
    Mauro

  5. Michele Russi Padova

    In questi ultimi tempi, purtroppo senza moralità alcuna, succede che un Ministro(a) dell’amata nostra Repubblica punti il dito medio per qualche sconcia ragione. Il gesto avvilente e deplorevole, specie per una donna, impone alcune amare riflessioni. Tanti ragazzi muoiono per il mondo per difendere, col loro sangue, la nostra dignità internazionale e tanti personaggi politici, chi più chi meno, di tutti i pariti si svagano in festini e spettacoli immondi. E’ stridente e struggente assistere a spettacoli TV disdicenti per le ingiuriose affermazioni che si lanciano. Non si ascolta più nessuno per la fame di danaro. Tanti scandali quotidiani. E’ un peccato per tutti che i giudici abbiano indotti a pensare che si accaniscono solo contro qualcuno invece su più di uno. Si sarebbero meritato la stima di tutti noi. Invece…

  6. Rosario Leonardi

    Da una classe politica eletta dal “popolo sovrano” composta in maggiranza da pedofili, mafiosi, prostitute pardon escort, faccendieri e dove l’ignoranza regna sovrana, non capisco perchè ci si debba accanire su questi miseri.
    Loro hanno trovato il bengodi e ce lo sbattono in faccia, o meglio ce lo mostrano col dito medio alzato.
    Cerchiamo di non essere ipocriti, non è “spegnendo” il telecomando o la televisione che ci liberiamo dai gestacci e dalle parolacce profuse da questa feccia politico-umanoide. Arrivano dai bassi fondi ( mi scuso con gli onesti che ci vivono) ed hanno eretto a maleducazione il loro status sinbol.
    Riflettiamo, chi li ha eletti : “il popolo sovrano” perchè mai quindi ci lagnamo?
    Concludendo non è il dito mostrato della santanchè che mi offende, sai chi è il personaggio e quel povero dito in quanti posti si è trovato, ma la perseveranza con la quale quel popolo fotocopia li acclama . Che siano figli della santanchè?

  7. Giorgio Di Genova

    Io da anni ho Sky e non guardo più la RAI. Chi è la Santanché quella voltagabbana con la faccia sempre tesa, che si allea con Storace, lascia Bugiardoni, dicendo che non gliela dà, poi torna all’ovile, portando contratti pubblicitari a “Il Giornale? Davvero una gran signora, come tutte quelle che adorano il Caimano e da cui hanno imparato a fare gestacci ovunque! Perché darle importanza? La colpèa èdi chi la chiama in TV. Il la penso come Petrolini, ikl quale, avendo ricevuto durante uno spettacolo insulti da uno che era nel logione, si fermò e disse: “Vedi, io non ce l.’ho con te, ma con quello vicino a te che non te butta de sotto”. Ecco, io ce l’ho con tutti i fiancheggiatori, compresi gli anchormen anti-B. che non la buttano nel cestino del dimentacatoio.

  8. Carmen Gueye

    In effetti, non si riesce più a entrare nemmeno minimamente nel merito di un problema. Ieri sera a La 7 Enrico Letta ci provava, ma Cicchitto strillava.

    Un saluto caro Giancarla. Ero una delle partecipanti al seminario di Dakar, ho letto il suo articolo al riguardo sulla rivista Combonifem.

  9. salvatore renato

    vi dirò mi sono stufato di sentire tutto questoe basta pintamola e andiamo in pizza con ordine e compostezza, poi una belle schiera dovrebbe presentarsi al cospetto suo e senza mezzi termini dirgli in faccia che la gente ormai sa leggere negli occhi e sa vedere nel viso la presa per i fondelli continua. No riesce neanche a recitare, bah ma la notte che fà riuscirà a dormire sìììììììììììììì xchè è contento di aver fatto buoni acquisti saputi sciegliere come lui.

  10. salvatore renato

    vi dirò mi sono stufato di sentire tutto questo e basta piantamola e andiamo in piazza con ordine e compostezza, poi una belle schiera dovrebbe presentarsi al suo cospetto e senza mezzi termini dirgli in faccia che la gente ormai sa leggere negli occhi e sa vedere nel viso la presa per i fondelli continua. Non riesce neanche a recitare, bah! ma la notte che fà riuscirà a dormire? sìììììììììììììì xchè è contento di aver fatto buoni acquisti saputi sciegliere come lui.

  11. mario

    Santanché non è una persona dedita alla politica, ma una cabarettista riciclata. Non è impossibile cambiare mestiere nella vita; è impossibile che una persona generata dal mondo spettacolo possa dire la verità.
    quando comprendi che a mentire si ottengono più risultati che dal dire la verità, se di mestiere reciti, perché non recitare col metodo Stanislasky…… fino infondo.

  12. Michele Russi Padova

    Ammiro chi dissente da certe situazioni imbarazzanti come quelle che mostrano, indecorosamente, il dito medio alzato. Non può certo essere teso, il dito medio, proprio da un rappresentante di Governo. Per questo deploro ancor più il gesto volgare e contrario alla femminilità di una donna che non si deve mai mostrare volgare anche se ciò fosse, a volte, necessario. I comportamenti pubblici dei politici devono essere comunque conformati a sobrietà, semplicità di atteggiamento e linguaggio. Altrimenti che cosa la politica tramanda ai giovani e alle nuove generazioni. Diti medi alzati, postriboli di ogni natura? E poi si parla di decadimento morale dei popolitici… Non approvo comportamenti irrituali e volgari, specie per televisione. La morale sono i nostri comportamenti giornalieri….
    Michele Russi Padova