La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Ministri, sottosegretari o chi rapperesenta l’opposizione, insomma, le facce che si commuovono ai funerali dei militari che perdono la vita sparando in Afghanistan, nessuno ha “sprecato” un minuto per salutare chi era stato assassinato mentre predicava la fratellanza nella Palestina senza giustizia. Il Pilato 2000 è un Pilato di massa

Eugenio MELANDRI – La Pasqua degli onorevoli: a Roma nessun uomo di potere ha accolto Vittorio Arrigoni, morto disarmato per difendere la pace

22-04-2011

di

“Ecco l’Uomo”. Con queste parole Pilato lo mostrò alla folla dopo averlo fatto flagellare. Quasi a significare che in quel corpo martoriato ci fosse l’essenza dell’Umanità. Sì ecco l’Uomo. Schiacciato dal potere. Con l’unica colpa di aver dato voce ai poveri. A quelli che non contano. Di aver fatto vedere i ciechi. Parlare i muti. Udire i sordi. Di aver risuscitato i morti. Di avere annunciato che c’è speranza per i diseredati. Colpevole di aver dichiarato beati i poveri, i nonviolenti, gli ingenui dal cuore puro, i costruttori di pace, i perseguitati a causa della giustizia. Di aver detto che il Regno di Dio è loro. Mettendo in scacco ogni potere. Sia politico che religioso.

“Ecco l’Uomo”. Era lì Vittorio. La faccia tumefatta. Gli occhi bendati, La testa trattenuta da una mano. Non poteva parlare, lui che aveva fatto della parola il luogo della denuncia di ogni ingiustizia. Della proclamazione di una speranza difficile per i palestinesi e per tutti gli oppressi. Era lì. Incapace di reagire, ma gridando con quell’immagine drammatica la sua sete di Umanità. Restiamo Umani. Anche lui schiacciato da un potere che non guarda in faccia a nessuno. Che giunge fino a chiudere in una prigione, come topi in gabbia, persone che hanno come unica colpa quella di voler vivere liberi nella loro terra. Colpevole di aver denunciato le bombe su Gaza. Gli spari contro i pescatori o contro i contadini che andavano nei campi a coltivare la terra. Morto per aver creduto – e fortemente – in un sogno. In Palestina, come prima nel Congo, a Bukavu, dove una guerra senza nome aveva fatto oltre cinque milioni di vittime. “Ecco l’Uomo”.

“Ecco l’Uomo”. Invisibile stavolta. Sepolto sotto i flutti del Mar Mediterraneo trasformato da mare che unisce a muro di divisione.. Travolto dalle onde nella ricerca di un luogo dove coltivare la speranza. In fuga da guerre e miseria. Con la voglia di costruire una umanità diversa. Senza barriere: Senza l’idolatria della propria razza. Senza l’assolutizzazione della propria fede. Ecco l’Uomo. Sacrificato giorno dopo giorno alle logiche di un mondo che lascia liberi i capitali, ma tiene imprigionate le persone. Oggi è là il sepolcro. Chiuso non da una pietra, ma sommerso da un’acqua pesantissima che toglie ogni luce. Che affossa ogni speranza. L’Uomo oggi non è sepolto nella tomba messa a disposizione da Giuseppe d’Arimatea, ma nel grande cimitero coperto dall’acqua. E’ là che lo condanniamo ogni giorno. In nome di una sicurezza che nulla ha di umano. Di una economia fatta per il portafogli dei ricchi e dei potenti. Di una politica pavida e vigliacca che si basa solo sulla difesa ad oltranza dei propri privilegi. “Ecco l’Uomo”

Pilato forse pensava che, mostrando l’Uomo, flagellato, la folla si sarebbe accontentata. Avrebbe avuto un moto di compassione. Forse mostrandolo voleva sottrarlo alla morte. Ma il potere è capace di svilire anche i sentimenti. Di aizzare la folla chiedendo il suo consenso ai propri disegni disumani. “Non lui, ma Barabba”. Così Pilato lo abbandonò nelle loro mani. Condannò l’Uomo in nome del consenso democratico. Di quel voto popolare strappato con l’inganno e la persuasione occulta. Con il favore e il clientelismo, Con la compravendita e il mercanteggiamento. Trenta denari per Giuda. I persuasori palesi o occulti. I ricatti religiosi e politici. Le promesse di favori e prebende. Perchè per il potere, per ogni potere, è meglio Barabba che l’Uomo. “Ecco l’Uomo”.

Quando Vittorio è arrivato a Roma, nessun uomo di potere ad accoglierlo. Solo i suoi amici. Così come con l’Uomo di Nazareth erano rimasti solo alcuni discepoli e alcune donne. Perchè il potere si commuove e spende parole solenni per chi cade sul campo di guerra. In fondo è espressione della sua forza. Dei suoi muscoli. Ha paura invece di chi sogna. Di chi immagina un mondo diverso. Perchè, se si realizzasse, “rovescerebbe i potenti dai troni ed esalterebbe i piccoli”. Per questo si accanisce contro di loro. “Lasciatelo là” ha scritto qualcuno. Perchè ormai l’Umanità non abita più qui. L’Uomo deve essere invisibile e muto. Neanche la sua tomba può parlare. “Ecco l’Uomo”

Si sono rimpallati l’Uomo. Da un capo all’altro del paese. Da un capo all’altro dell’Europa. Tendopoli e non case. Perchè non pensi di poter prendere dimora. Al Sud e non al Nord. Perchè qui l’Uomo non ha tempo per essere umano. Deve fare affari. Contare i soldi. Non perdere tempo. Così si fabbrica il consenso. Si prendono i voti. Mandando l’Uomo “foera du ball”. “Ecco l’Uomo”.

Quanto è difficile restare Umani in questa Pasqua. Quanto è difficile credere che, così come si è aperta la grande pietra che copriva il Suo corpo, un giorno i sepolcri si aprano anche per noi e l’Uomo possa uscire allo scoperto. Camminare le nostre strade. Vivere la nostra vita. Condire di umanità la nostra esistenza.

Non è facile restare Umani. Perchè vuol dire battersi in nome dell’Uomo.

Non facciamo Pasqua solo facendo cerimonie. Imbellettando gli altari. Dicendo preghiere. Non facciamo Pasqua accettando vigliaccamente che il potere, sia esso religioso o politico, si appropri dell’Uomo. Perchè l’Uomo vero è quello che Pilato ha mostrato dopo averlo fatto flagellare. E’ quello inchiodato sulla Croce. O ammazzato a Gaza. O sepolto nel mare che dovrebbe unirci.

E’ quello l’uomo che, se ci crediamo davvero, un giorno romperà ogni sepolcro e ricomincerà a camminare le nostre strade, Dando da mangiare a chi ha fame. Da bere a chi ha sete. Da vestire a chi è nudo. Guarendo le malattie e risuscitando i morti. Soprattutto gridando che, finalmente, dei poveri e solo dei poveri è il Regno dei Cieli.

Eugenio Melandri è nato a Brisighella (Ravenna) nel 1948. Diploma in teologia e laurea in sociologia. Per dieci anni direttore della rivista dei Missionari Saveriani: “Missione Oggi. Dal 1989 al 1994 parlamentare europeo, vicepresidente dell'Assemblea Paritaria CEE–ACP. Nel 1992 eletto alla Camera dei deputati, ma dopo qualche mese si dimette per non tenere il doppio mandato. Fondatore dell'Associazione Senzaconfine, per i diritti degli immigrati (1989), al termine del mandato parlamentare si dedica in maniera particolare all'Africa fondando con altri amici “Chiama l'Africa”. Da dieci anni circa dirige la rivista “Solidarietà internazionale” del Coordinamento iniziative popolari di solidarietà internazionale (CIPSI). Scrive per giornali e riviste, anche internazionali. È stato assessore alla Cultura, alle politiche giovanili e alla solidarietà internazionale nel comune di Genzano (Roma).
 

Commenti

  1. louis

    Cosa possiamo aspettarci da questa maggioranza, solo amicizie improbabili(vedi baciamano).
    Non meritano di essere dove sono, Cancelliamoli!!

  2. GIUSEPPE

    In Italia essere giusti equivale ad essere ingiusti. Cosa ci si può aspettare da un paese che tollera il presidente del consiglio che dà dei brigatisti ai magistrati ?l’intolleranza istituzionale e arrivata ad un grado di degrado che è sotto gli occhi di tutti . Tutti gli pseudo cattolici a parole che si appropriano del diritto della fede , che poi nei fatti nessuno potrebbe rappresentare la paola del vangelo,perchè i loro comportamenti sono l’opposto ,non hanno neanche la dignità di ricordare un uomo che comunque ha dato la propria vita per il diritto ala vita e alla dignità da qualsiasi parte la si voglia vedere. DIAMO DEGLI INTEGRALISTI agli altri ma noi poi nei fatti ci comportiamo peggio. spero che il popolo italiano apra gli occhi presto e che si risvegli da questo brutto sogno. Non si può buttare a mare la dignità di una nazione per salvare un unico soggetto. Grazie ai tanti VITTORIO CHE DA QUALUNQUE PARTE AGICONO LO FANNO SEMPRE PER IL BENE DELL’UOMO.

  3. paolo bertagnolli

    La Pace non è “IN” tra i nostri politici: tutti, a parole, inneggiano alla Pace, ma a quella armata e che costringe i più deboli a soggiacere alla volotà dei “forti”

  4. FERNANDO FISCON

    GRAZIE EUGENIO PER QUESTA RIFLESSIONE PASQUALE… CI HAI AIUTATO A RISORGERE DA VITA NUOVA, COME COLUI CHE HA PAGATO FINO IN FONDO LA SUA SCELTA DI STARE DALLA APRTE DEGLI ULTIMI DELLA TERRA!

  5. Ariel Paggi

    Arrigoni è morto perché come tutti gli antisemiti era un vile e non se l’è sentita di fare quello che i suoi capi gli chiedevano