La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Ecco l'elenco delle bugie in maschera. Gli italiani continueranno a cantare "per fortuna che Silvio c'è"?

Paolo FARINELLA – La truffa della crisi: agli onorevoli 80 mila euro di regalo

27-05-2010

di

Ha sempre negato l’esistenza stessa della crisi e ha sempre cianciato da bugiardo e ingannatore spergiuro che la crisi non esisteva, anzi che l’Italia stava meglio degli altri Paesi e che tutto era alle spalle. Ora bisogna pensare alla crescita e accusava di tradimento della patria chi avvertiva che il 2010 e 2011 sarebbero stati tragici per l’Italia perché il governo «in tutt’altre faccende affaccendato» (processo breve, lodo Alfano-bis, intercettazioni e bavaglio alla stampa) non aveva preso alcun provvedimento ed era fanalino di coda in tutte le statistiche internazionali.

Ora arriva il nobiluomo di sua santità, l’incrocio faccia di bronzo e stagno, Gianni Letta, e preannuncia sacrifici durissimi per tutti. Il bugiardo corruttore non fa una piega e sicuramente negherà di avere negato l’esistenza della crisi. Il ritornello per gli allocchi ( e sono ancora troppi) è: non metteremo le mani nelle tasche dei cittadini e scommetto la testa di Ratzinger che qualcuno gli crederà ancora, nonostante stiano preparando una manovra da uccidere una mandria di bisonti. Non mettono le mani in tasca, certo, perché gliele mettono in bocca e li svuotano dal di dentro come si fa con polli da riempire. Vediamo alcuni esempi di queste mani «non messe», ma infilate:

  • 1. Non si chiama condono, ma «sanatoria catastale» (che Dio li fulmini mentre sproloquiano) per due milioni di abitazione abusive: un ulteriore premio a chi ha infranto le leggi, devastato il territorio e ucciso la speranza della terra. Un premio ai delinquenti, parenti prossimi del bugiardo presidente.
  • 2. Tassa su raccordi autostradali: chi usa la macchina, avrà un salasso da non poco e se questa non è una tassa, sarebbe meglio che si sparasse in bocca il delinquente che ha avuto questa pensata.
  • 3. Non avranno l’assegno di accompagnamento gli invalidi veri oltre un reddito di 25.000,00 euro. Non solo gli invalidi devono ringraziare madre natura, ma anche questi immondi essere debosciati che succhiano quello che resta di poveri sventurati.
  • 4. Gli statali hanno bloccato lo stipendio fino al 2013. Non si chiama tassa questa misura che falcidia le tasche dei cittadini in un momento drammatico di crisi che lo stesso governo ha alimentato e aggravato con le sue non scelte?
  • 5. Ai parlamentari viene preso un prelievo del 10%, ma attenti bene, dagli 81 mila euro in su: cioè fino ad 80 mila euro non pagano, dopo il 10% che significa solo su meno di 5.000 euro visto che tutte i benefit gratis sono esclusi e non conteggiati. Vi sembrano credibili, questi immorali affamatori del popolo italiano?
  • 6. La Gelmini e un «pensante» della destra propongono di allungare le vacanze fino al 30 settembre per favorire il turismo. Come volevasi dimostrare: vogliono una massa di ignoranti e schiavi da manovrare e manipolare. Invece di aumentare le ore di scuole e di portare la scuola a 20 ore al giorno per elevare il livello del sapere, questa manica di ignoranti, gradassi e leghisti e Berlusconi cosa fanno: aumentano le vacanze. Loro non hanno problemi perché hanno la colf filippina in nero, il servo marocchino in guanti bianchi e d’estate i figli li mandano all’estero. Non sono come quei disgraziati di operai che magari hanno la sfacciata fortuna di lavorare ancora, magari padre e madre, e devono porsi l problema di dove mettere e i figli perché la colf non la possono pagare nemmeno in nero, in grigio e in rosa.
  • 7. In altri tempi con queste misure, il governo sarebbe sprofondato sotto il fuoco dell’intero Paese, ma oggi non è così perché l’Italia è Brutta Addormentata nel bosco, drogata, ubriaca e stuprata e non ha nemmeno la speranza di sognare un principe che la svegli, perché attorno non vi sono che rospi venduti e comprati. Spero e prego che l’Italia affoghi in questo immenso mare di mota berlusconista e forse si renderà conto di essersi venduta «agratis» a un gradasso, spocchioso e ripugnante corrotto e corruttore.
Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. maria balzola

    Caro Don Paolo,
    apprezzo sempre i suoi interventi e anche questo suo articolo mi trova concorde ma non mi piace per il tono delle parole. Non perdiamo, la prego, la gentilezza e la dignità come quei …signori fanno a piene mani. Combattiamo ma con dignità. ANCH’IO SONO INDIGNATA e vorrei che Aung San su chi fosse con noi per rifondare la politica e risvegliare le coscienze.
    La saluto con affetto e stima
    maria

  2. Aurelio C

    ma quand’è che ci svegliamo e inseguendoli con i forconi li mandiamo a zappare la terra?

  3. GioDiNino

    E dire che Bagnasco ce l’ha messa tutta, a distanza di qualche anno, ad accorgersi della crisi economica (ma non ancora della macelleria sociale già avviata dal trio berlusca-3Morti-gelmini nelle scuole, università e ricerca)e parla di tassi di natività eccessivamente bassi (mavalà!), non quelli di disoccupazione, né quelli delle famiglie impoverite, né di quanti (timidamente pensando alla poca dignità rimasta) si avvicinano alle mense della Caritas. Hai ben illustrato i contenuti della finanziaria: manca un pezzo, quello relativo ai salari dei dipendenti privati che, con questo residuo di movimento sindacale rimasto, subiranno ben presto la sorte di quelli pubblici. Sarà sufficiente un accordicchio sul recupero dell’evasione fiscale (lei ci crede?) et voilà, per i prossimi 4 anni si congeleranno anche i contratti dei privati. Lui sa, il tappoduce di Arcore, che con la casta bipartisan (volemose bene) alla quale non toccherà un euro se non qualche spicciolo, si genufletteranno davanti alla sua bontà, borbottando qualcosa sulla “opposizione responsabile” come (inizia anche lui) predica Giorgino Napolitano.

  4. Giorgio Casciarri

    Cara Maria della tua Indignazione Gentile ed Educata, il MafioLadroPiduista e la sua cricca di Mafiosi se ne sbattono altamente le Palle, forse non hai capito che la lotta democratica con questi maiali non serve a niente, perchè loro la Democrazia l’hanno sepolta, ma forse sei troppo telenarcotizzata x capirlo

  5. mariangela sirca

    “L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »”

    Ho condiviso su FBook e appaion0 le righe che riporto sopra, ma non è lo stesso articolo! Di che si tratta?

  6. pietro raddi

    SINDACATI: dopo 60 anni di costituzione fondata sul lavoro,oggi con solo un 30% (23 milioni) di occupati, bisogna scancellare quella frase, e i sindacati che smettano di lavorare e se ne vadano a casa per mancanza di richieste di lavoratori e non continuino a dire scemate di conservare e creare posti…..per produrre ugualmente quello che non si vende ?…robot, PC,automatismi,cina,…hanno cambiato il mondo.
    E’ la occasione d’ORO per loro, per proporre un cambio radicale socio-economico e lottare. Se siamo uno dei G8, allora che lottassero per far assegnare ad ogni italiano che nasce, un minimo esistenziale: casa,alimenti, medico, trasporti, cellulare, donna,etc… da paese ricco. Prima veniamo noi e poi vengono gli aiuti internazionali ai paesi del resto del mondo,avventure spaziali, collaborazioni e cooperazioni,etc….

  7. Giulia

    Quoto ogni singola parola!

  8. cristiana marzocchi

    La conosco attraverso “Tafanus”,ma scopro solo ora questo suo sito.
    Avanti sempre così e dire pane al pane e vino al vino.
    L’essere ignobile che ci governa,dovre essere sommerso da parole come le sue.
    Grazie
    Cristiana

  9. marilena motta

    caro Don Farinella, approvo, Lei ha perfettamente ragione,ma perchè la stragrande maggioranza degli italiani non si sveglia, come si fa a sopportare tutto,a scusare tutto,non sono bastate tutte le sconcezze, gli scandali,(sto pensando a tutte le leggi, leggine, bavagli, etc) non se ne può più,
    ho notato anch’io il suo tono maggiormente indignato, ma la capisco…….non se nè può davvero più.

  10. elio

    Ma l’articolo sopra riportato è veramente scritto da un prete??? Allora mi riavvicino alla chiesa rappresentata da questo prete!!!

  11. natale d'agostino

    ci sono molti modi per aspirare alla notorietà e per dissentire . non apprezzo il livore di questo prete che maledice e dice male .

  12. angela blasi

    grazie per la condivisione, in questo momento di confusione in cui il male è paventato come bene l’amore fatto passare per peccato,in un momento in cui tutti gli uomini (figli dello stesso ed unico Dio) rivendicano la prima genitura sugli altri esseri umani, sapere che ci sono voci diverse da quelle propinate a terapia intensiva che ci portano all’ottundimento, ci dà il coraggio di andare avanti e di lottare per cambiare la realtà e svegliare le coscienze di molti cuori intossicati dalla droga del menefreghismo sociale ed essere attori del proprio cambiamento e della rinascita del ns paese
    le auguro ogni bene angela

  13. Massimo Amante

    Qualcuno ha commentato che quello di cui sopra è un articolo pieno di livore. Dico a costoro che sarebbe ora di mettersi nei panni di chi soffre la fame. E quando la fame ti schiatta, in maniera più dolorosa dell’AIDS, non so se sono capaci di infiorettare un discorso di rivendicazione. Io mi complimento con che ha scritto la sacrosanta verità. E parlo come persona che oggi sta più che bene, sia socialmente che economicamente. Ma non dimentico i miei fratelli, tutti figli dello stesso Dio, che invece soffrono degli abusi di pochi ras.
    Complimenti.

  14. Stefano Bovero

    Caro don Paolo, comprendo e condivido al mille per mille tutto quanto Lei proferisce, ma mi associo a quanto ha scritto la signora Maria, che non penso affatto che sia “telenarcotizzata”: sfogarsi amaramente contro tanta improntitudine e disonestà è umanamente comprensibile, ma a forza di farlo, oltre ad un certo limite paradossalmente, si viene ad…assomigliare agli avversari contro cui si lotta (è una vecchissima legge psicologica, basti pensare alle ossessioni politiche da cui vennero travolti non pochi giovani di sinistra della mia generazione negli anni Settanta. Si diventa troppo DURI e come ossessionati dall’ingiustizia illiberale e, sicuramente, cialtrona di chi ci governa. La gentilezza e la dignità sono valori etici profondi e importanti e non solo formali, che accoppiati all’amore per la verità possono sbugiardare i vari Capezzone, Cicchitto e Gasparri ben più di quanto faccia l’animosità dei Di Pietro e dei Vendola. Ritengo che dobbiamo fare più spazio alla nostra Luce interiore (mi permetta di esprimermi così), in modo che la Fede in una saggezza profonda guidi la nostra lotta sulla strada della giustizia e possa così maggiormente toccare e sensibilizzare le coscienze addormentate dalle ipocrisie impudenti vomitate quotidianamente da Palazzo Chigi. Maledire il Male dà FORZA a quest’ultimo. I tempi sono bui, certo. Ma forse dovremmo ripensare alle ultime parole che Goethe disse prima di morire: “Più Luce !”. Credo perciò che dovremmo anche e soprattutto promuovere il BENE a tutti i livelli, sia personali che sociali e politici, non solo nei suoi contenuti ma anche con le modalità di una reale, amorevole gentilezza. Un grosso saluto. Stefano

  15. EnzoN

    Sono d\’accordo con don Farinella, ma a che porta?
    Siamo sempre allo stesso punto, tutti imprechiamo, critichiamo, denunciamo e documentiamo, ma a che porta? Non si propone nulla di concreto, come forme di lotta incisive democratiche, pacifiche ma risolute…si parla solo, ma a che porta?

  16. Giulio Guerrini

    Bravo Don Farinella,
    beato colui che non siede in compagnia degli stolti, come dice il Salmo, speriamo che aumenti la compagnia delle persone perbene e degli intelligenti, forse questa crisi sveglierà anche gli addormentati, se non li sveglia è segno che ce ne vuole ancora !

  17. Riccardo Lenzi

    cara Mariangela, quello che segnali è un problema legato a Facebook

    soluzione consigliata:
    andare sul profilo FB di Domani, cercare tra le “note” l’articolo che interessa, cliccare su “condividi”
    grazie della segnalazione
    buona serata

  18. roberto taibbi

    non capisco come ci siano cosi tante persone che non condividano il nostro dittatore, da poco che ce stata la possibilita’ di mandarlo a quel paese cosa e successo si e rafforzato cmq sono daccordo con don Farinella bisognerebbe fare di piu’

  19. roberto taibbi

    non capisco come ci siano cosi tante persone che non condividano il nostro dittatore, da poco che ce stata la possibilita\’ di mandarlo a quel paese cosa e successo si e rafforzato cmq sono daccordo con don Farinella bisognerebbe fare di piu\’

  20. al

    ogni comune puo’ trovare a chi appartiene ogni singolo appartamento , e trovare l’evasore delle tasse.

  21. al

    ogni comune puo\’ trovare a chi appartiene ogni singolo appartamento , e trovare l\’evasore delle tasse.

  22. sara elter

    Non ho letto tutti i commenti qui pubblicati, ma lo ribadisco da sempre. Mi pare che si continui a indicare Berlusconi come il principale colpevole di tutti i mali possibili, l’unico possibile accusabile di questo enorme sfacelo, lui e i suoi amichetti-complici seduti sugli scranni del parlamento. Ma questo significa guardare solo il nostro giardinetto. Sicuramente gli altri Paesi non hanno un nano deficente al governo che si fa bellamente gli affari suoi. Però vorrei che qualcuno, dico qualcuno di intelligente, capisse che qui si parla di crisi del capitalismo internazionale, che chi comanda sono gli speculatori di borsa (quelli, per intenderci, che puntano i soldi sui crack e non sulle riprese dei vari paesi del mondo), una sorta di cupola, poche persone, che decidono – aiutati in questo dal Fondo Monetario Internazionale – crisi come quella dell’Argentina. Mi sembra che ci si dimentichi troppo in fretta di come sono andate là le cose (Parmalat: nessuno se ne ricorda?), di come stanno andando in Grecia e della roulette europea che, il prossimo giro, andrà a sfasciare i diritti acquisiti, le garanzie costituzionali, i risparmi dei poveracci, eccetera magari in Spagna, forse in Portogallo, chissà se in Inghilterra, ma sicuramente in Italia, chissà se prima o dopo: questa è l’unica scommessa, chi sarà il prossimo a saltare. Fa tutto parte di un gioco molto sporco, a livello globale. Il movimento No Global di Genova aveva iniziato a lavorare su queste cose. Faceva paura: infatti ci hanno massacrati in tre giorni, i colpevoli sono liberi, le vittime rimangono inascoltate. La via giusta è questa: unirsi contro una cricca di mafiosi di cui Berlusconi è solo la faccia “divertente”, “ridicola”, “meschina”, “idiota”, maleducata, eccetera eccetera. Penso che gli altri, quelli che se ne stanno nell’ombra e lo usano come facciata, siano molto più intelligenti e molto più furbi di lui (ricordate il programma della P2 di Licio Gelli? Lui ora serve. Quando non servirà più lo faranno sparire. Quello che mi fa specie è che gran parte della società civile italiana continua a guardare la televisione e non guarda mai fuori dalla finestra. E’ ora di reagire, questa volta sul serio e magari a livello europeo: perché nessuno lo fa o almeno ci prova?

  23. melgae tolima

    ki dice una cosa, ki un altra….pazzesco sono in confusione nn riesco più a capire dove sta la verità…

  24. Tittino butti

    Si parla solo dei dipendenti pubblici che avranno gli stipendi bloccati fino al 2013, ma nessuno ricorda che in questi ultimi anni hanoo avuto un aumento retributivo pari al 47% rispetto ai dipendenti del privato.Nessuno nomina la mmiriade di persone parassite che vivono protette dai sindacati, i pensionati baby che svolgono un lavoro in nero, si punta l’indice solo contro una persona…..ma ci puo’ essere una alternativa valida affidabile e coerente nel nostro Paese? Tittino Butti

  25. Fulvio

    La mafia è una montagna di merda e Berlusconi col suo governo sono il mons olympus della merda!

  26. Piero Testi

    E poi dice che gli italiani di sinistra lo odiano, perchè cosa crede che quelli di destra lo amino? Lo vada a raccontare a quelli che hanno perso il lavoro, o a quelli che non lo troveranno mai

  27. Leonardo C

    Mi meraviglia il tono utilizzato da, a quanto pare, un sacerdote (lo deduco dal “don” nella firma dell’articolo, altrimenti non avrei mai immaginato l’orrore che riscontro)… tono più consono ad un forcaiolo militante comunista col paraocchi che ad un uomo imparziale ed obiettivo, figurarsi ad un religioso…
    Senza entrare nel merito del testo, a tratti davvero violento (oltre che delirante e a senso unico come i titoli che leggo di articoli dello stesso “autore”).
    Padre, Le chiedo di pregare e soprattutto di fare opere per i bisognosi oppure, se è uno dei tanti preti che si trova ad essere tale non per vocazione ma per interesse o imposizione, di smettere l’abito talare. Mai più vero che “l’abito non fa il monaco”…

  28. stefano berta

    don farinella ha ragione

    ho letto ieri che il signor B. ha citato il duce
    “il potere l’hanno in mano i miei gerarchi”…

    è chiaro che vuol far passare nelle teste degli italiani, l’opinione che è normale al giorno d’oggi citare un dittatore per poi ottenere l’avvallo silente (l’indifferenza ignorante drogata da chiappe, tette, quiz porno-demenziali, lacrime futili e amori da operetta) di imitarne (a breve) anche le gesta

    qualcuno dice che non bisogna parlare sempre di Berlusconi
    è che degli altri non ci importa niente dato che è solo lui che tira le fila
    è solo lui che fa le leggi che più gli aggradano

    per non parlare della lega e della base leghista che tracanna qualsiasi bassezza pur di ottenere qualsivoglia minimo beneficio personale a scapito ovviamente di tutta la comunità della quale non gliene importa un bel niente

    ciao

  29. Vins

    Certo parlare di queste cose è sempre meglio che stare zitti, e il tuo articolo è stato interessante;
    però ormai si spendono mille parole da entrambe le parti, questi articoli di denuncia ne vengono fuori a bizzeffe e l’effetto finale è che si annullano. il popolo, specialmente italiano, è stato ben addestrato a stare buono, e se proprio qualcuno trova il coraggio di dire che non ci stà si ritrova una voce sola. Quando tutti invece dovrebbero farsi sentire, creare scioperi, manifestazioni situazioni che facciano capire in qualche modo che tutto quello che succede non ci sta bene, e soprattutto che se le cose non ci stanno bene siamo in grado di fare qualcosa, ma noi siamo in grado di fare qualocosa? pianificare la definestrazione del presidente del consiglio e tutti i senatori?
    Per me votare non serve a niente, morto un berlusconi se ne fa un’altro, sia se di destra che di sinistra, (avere in mano il potere cambia chiunque).
    Questi articoli li leggiamo, ci sdegnamo e poi li finisce. Tutti elencano caterve di sopprusi dello stato, nessuno dice mai una cosa, difronte quello che succede siamo impotenti?
    Ci vorrebbero articoli, che ci mobilitano, che ci spieghino come, se uno si sente oppresso possa in qualche modo opporsi, singolarmente e nel collettivo.
    Vins

  30. Lu Russo

    La volete sapere una cosa? ora come ora la politica mi da il voltastomaco. Il pensare che siamo governati da questa cricca di ladroni che non fanno altro che mettere le mani nelle tasche dei poveracci c’è veramente da vomitare. Il berlusca con quella sua faccia da forcaiolo ignorante assieme ai suoi degni compari dovrebbe prendersela in quel posto per tutte le stratagemme che sta inventando. Ci sarebbe tanto e tanto da dire ma a volte mi sembra quasi che siano sempre e solo parole. L’italia dorme insieme agli italiani e forse quando si sveglierà ci sarà poco da fare…

  31. Lauretta

    Concordo.

  32. Duilio

    Mentre in un articolo del giornale Libero di qualche giorno fa si legge “Più poteri al premier – Il presidente del Consiglio torna sulla riforma costituzionale” è perlomeno curioso osservare che lo stesso quotidiano regala 6 dvd con le parole, gli applausi e i discorsi di Mussolini. Certamente non penso che ci sia la volontà di ricostituzione del partito fascista peraltro vietato dalla legge in Italia, né che si voglia intraprendere dei percorsi che la storia tragica del secolo scorso ha condannato in via definitiva, ma credo che si possa affermare senza tema di smentita quale che sia la linea politica che caratterizza Libero e talvolta purtroppo anche l’azione di questo governo. Un esempio in questo senso sono stati i respingimenti se è vero, come è stato documentato, che molti di quei disperati hanno finito i loro giorni nella sabbia infuocata del deserto nordafricano e quasi certamente alcuni avevano diritto all’asilo, come stabilisce la Costituzione, quando nel loro paese sia impedito l’esercizio delle libertà democratiche. Non ci sarà la marcia su Roma ma piano piano, con l’ imbavagliamento dell’informazione che non sia dalla sua parte, col divieto di pubblicare quelle intercettazioni che colpirebbero corrotti, ladroni e servi del premier si potrebbe arrivare alla fine della democrazia.

  33. paola maglio

    Non capisco come fannoi suoi fans a non vedere quello che lo spocchioso ha fatto da quando sta al governo danneggiando i cittadini. Come fanno gli italiani che lo hanno votato a non capire che da sempre sono stati presi in giro? prima con la negazione della crisi e adesso con l’affermazione della crisi e l’annuncio dei sacrifici da fare. Se amasse questo paese metterebbe del suo e dedicherebbe umilmente a questa nostra italia, almeno cinque minuti di vergona!

  34. daniele manzari

    IL SIGNOR LEONARDO C CHE HA OSATO CRITICARE IN MODO DISTRUTTIVO DON PAOLO FARINELLA, O E’ UN CIECO, O E’UN SORDO O E’ UN HANDICAPPATO MENTALE O MOLTO PROBABILMENTE E’ UN ASSOLDATO DELL’IMMERITATO PRESIDENTE BERLUSCONI CHE CON I SUOI MILIARDI COMPRA TUTTO E TUTTI E CREDE DI COMPRARSI ANCHE UN POLTRONA IN PARADISO. E’ SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI IL DISASTRO IN CUI VIVE IL POPOLO ITALIANO ED I GIOVANI CHE NON HANNO UN FUTURO. SIGNOR LEONARDO C, CI RIFLETTA SE HA FIGLI, SE HA UNA COSCIENZA SENZA UNA SOLA MACCHIA BIANCA.

  35. pier paolo olivieri

    Questo è il paese delle vergogna,ovvero degli svergognati,persone che non si vergognano ormai più di nulla perchè non devono rispondere di alcuna responsabilità oggettiva. Fà bene Don Paolo a ricordare oggi ciò che domani la nostra memoria perduta non sarà più in grado di distinguere tra verità e menzogna. Il potere cerca di imbavagliarci e delegittimare chiunque osi parlare fuori dal coro. Speriamo per tutti e per le generazioni a venire che persone come Don Paolo Farinella possano continuare a sbugiardare i truffaldini e spargere il seme della democrazia.

  36. Laura

    Troppi italiani hanno la testa ed il cuore di Leonardo C. L’italiano è cosi’: si innamora di chi mostra avere difetti per sentire la propria coscienza non criticabile. E più il difetto è grande più è contento perchè si sente maggiormente assolto. Il problema è purtroppo annoso, anzi centenario: le tante voci sdegnate sono senza un’anima che le sostenga per portare avanti un’azione a favore della dignità sociale. E B., che sa bene tutto questo, continua la sua spudorata, arrogante, vergognosa, teatrale vita politica.
    Laura Vu.

  37. mario

    E SMETTIAMOLA DI DARE LA COLPA A SILVIO & CO
    DICIAMOLO.
    :
    GLI ITALIANI SONO UN POPOLO DI IGNAVI LADRUNCOLI PERBENISTI LEGAIOLI FURBETTI FILOPUTTANAI SCIOCCHI IGNORANTI TROGLODITI…
    non capirebbero che un cactus ha le spine nemmeno se foderassero le sedie con gli aculei.
    Raccontiamoci tra noi le cose e basta… che vuoi fare? IL POPOLO SI SVEGLIERA’ QUANDO MANGERA’ LA SABBIA LA TERRA LA MERD!NA

  38. arios

    certo che da un don escano parole come (dio li fulmini) non é molto ecclesiastico uno che deve unire e capire le persone ma che augura cose cosi brutte come la morte mi fa veramente schifo se vuole fare il politico si tolga la tunica oppure moderi il linguaggio poi puo avere ragione non dico no ma faccia un esame di coscienza e senza faziosita politica mi dica cosa ha fatto la sinistra quando e stata al governo e questo lo dice un operaio ch in quegli anni ha perso il potere salariale tasse da pagaree per finire devo lavorare cinque anni in piu ricordo a chi si fosse dimenticato o travasato la realta che i quarantanni e la legge DINI non berlusconi e dini e di sinistra o no? per cui la realta e che destra o sinistra centro fanno i cavoli loro non i nostri

  39. Marco

    Rabbia.
    Purtroppo di solo rabbia non si fa niente.
    Bene sarebbero proposte o inviti al cambiamento, all’unione , al tollerantismo, all’accettazione degli altri anche se diversi ecc. ecc.

    Capisco la rabbia ma dobbiamo andare oltre, anche della spararci contro, tipico dell’area sinistra italiana.

  40. Doriana Goracci

    Noto senza stupore che lei sig Paolo Farinella, don…non risponde. Ma è molto solerte a scrivere. E viene pubblicato, cmomentato, inoltrato. Complimenti! La propaganda fide, continuaservas di un’altra veste talare.Buona leggittimazione della sua chiesa.

  41. Doriana Goracci

    Noto senza stupore che lei sig Paolo Farinella, don…non risponde. Ma è molto solerte a scrivere. E viene pubblicato, commentato, inoltrato, letto febbrilmente. Complimenti! La propaganda fide, continua, serva di un’altra veste talare.Buona legittimazione della sua chiesa e divertimento dei fedeli nell’indignazione “comune”, al difuori del Vaticano, dove continuano ad esserci i dipendenti di cristo e dei papi.

  42. arios

    ha ragione doriana questo (don)non è solerte neanche lento anzi direi che non risponde proprio lo so è facile sproloquiare dire cio che fa comodo magari stravolgere la verita come fanno quelli di sinistra offendere l avversario senza proporre nulla (forse non ne sono capaci)ma nel momento che qualcuno gli mette davanti l evidente verita non hanno il coraggio di dire la loro a dimenticavo se il sig B ha rubato il sig D ALEMA senza avere aziende come fa a permettersi una barca del genere?senza dire di chi ha mezza sardegna