La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Società »

La percentuale degli uomini depressi è la metà di quella delle donne. Le francesi benestanti guidano la classifica su Olanda, Stati Uniti e Brasile. A sorpresa madri e moglie di Cina e Giappone soffrono meno di insonnia e restano più lucide e dinamiche nel risolvere i problemi della vita

Le donne che lavorano sono meno depresse, le signore dei quartieri alti non sanno essere felici

29-08-2011

di

 Una madre che lavora corre meno rischi di cadere in depressione che una donna di casa. Molto meno rischi di una signora alla quale è concessa la bella vita del non far niente, cameriera nella bella casa e gioni vuoti davanti. La ricerca dell’università di Washington certifica la fatica delle giovani donne strette fra lavoro, figli, marito, conduzione della casa. Alla sera sono distrutte: non è una bella vita, ma gli impegni aiutano a non sprofondare nel tormento dell’inezia, anticamera della depressione. “Mentre si affaticano in fabbrica o in ufficio continuano a sognare un futuro diverso per i loro figli. E’ una specie di tifrante che le impegna nel futuro con un obiettivo concreto. Sanno che la loro vita nion cambierà se non per qwuei colpi di fortuna che solo i giornali rosa fanno balenare. Perdere ‘il mondo di fuori’ non provoca tristezza, abbandono, insonnia. Dormono senza tranquillanti perché sono stremate. A volte una vita da cani ma è sempre una vita. Non è vero ciò che scrivono cerrte sociologhe da rotocalco: è possibile, se non salutare, avere un lavoro esterno e programmare la vita di famiglia. Costo fisico altissimo, ma vantaggi mentali rassicuranti. Si sentono superutili, indispensabili all’equilibro del matrimonio e alla felicità dei loro ragazzi. Scelgono ciò che si deve fare da ciò che si può fare. Prezzo altissimo da pagare alla convinzione di essere padrone della loro vita divisa fra ambienti, amicizie e sentimenti paralleli. Le delusioni della famiglia o del lavoro vengono compensate dalle piccole felicità del lavoro o della famiglia. Restano ‘vive’, soprattutto mai sole”. E’ la sintesi della lunga ricerca che Katina Leupp, sociologa dell’università di Washinghton, ha presentatola riunione dell’Associazione Sociologica degli Stati Uniti al congresso di Las Vegas.

Uno studio dell’Organizzazione della Sanità conferma la tendenza in una proiezione mondiale. 121 milioni di persone soffrono di depressione nei 30 paesi presi in considerazione. I numeri dicono che le donne depresse sono quasi il doppio degli uomini e che un a differenza di 30 punti divide i paesi benestanti dai paesi poveri. N ei 10 paesi che stanno bene, presi in considerazione, Francia, Gerrmania, Stati Uniti e Brasile guidano la classifica delle donne depresse: 36 per cento nell’India del boom economico, 30 per cento in Francia, 19 Olanda e Stati Uniti, 18 per cento Brasile. I paesi dove le donne soffrono meno di depressione sono Cina ( 6,5 per cento ), Giappone ( 6,6 ), Messico ( 8 per cento ). Altra differenza, l’età delle donne. Nei paesi poveri le donne senza problemi economici cadono in depressione due anni prima dei paesi ricchi. E la depressione si rimargina man mano che avanza l’età, mentre nei quartieri dei paesi poveri le donne ancora giovani si sentono inutili. Accumulano nuove tristezze e gravi difficoltà col passare del tempo.

Esther Kazan è stata giornalista della Abc e vive nel New Jersey. Scrive libri e collabora a vari giornali.
L'APPUNTAMENTO SETTIMANALE CON FREI BETTO

Il Brasile aspetta il ritorno di Lula: il cancro non lo fermerà

di

“Ricordo l’inizio della nostra amicizia quando ancora correva per diventare presidente: scarabocchiava su un pezzo di carta i temi per i quali battersi e saliva sul banco travolgendo chi ascoltava” continua »

Con questa faccia da straniero

Scrivere per Domani non mi fa sentire straniero

di

La mia amica mi ha regalato un bellissimo quaderno. Il quaderno della fortuna. Sul davanti del quaderno c’è il disegno di un agricoltore con un carretto tirato da due mucche. Dietro una piccola spiegazione di cos’è il frumento. È scritto: … continua »