La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Cosa Leggere »

Le guerre le combattono gli altri, ecco cosa succede quando le combattiamo noi

03-03-2011

di

Nuto Revelli

Nuto Revelli

I conti con il nemico di Nuto Revelli, a cura di L. Bonanate, Aragno, euro 17,00

Luigi Bonanate – docente di Relazioni internazionali – ha raccolto in questo volume alcuni scritti “di” e “su” Nuto Revelli (1919-2004) a partire dall’inedita lectio magistralis, pronunciata da Nuto il 29 ottobre 1999 nell’Aula magna dell’Università degli Studi di Torino, in cui leggiamo del suo “apprendistato” per diventare, poi, il noto autore di “Mai tardi”, di “La strada del davai”, del “Mondo dei vinti” e dell’”Anello forte”. Un lavoro di anni per dare voce a quanti la guerra l’hanno patita, a chi – non importa se vincitore o vinto – è stato costretto a subire le scelte sbagliate di altri. E il tentativo – perseguito con pazienza, umanità e obiettività – di fare “i conti con il nemico”, di cercare di leggere la storia (e la guerra, la morte, la lotta politica) “oltre” gli usuali stereotipi storiografici e accademici. Affinché, come scriveva Nuto: “i giovani sapessero, capissero, aprissero gli occhi”. Una sorta di libro-tavola rotonda in cui intervengono, tra gli altri, Rossana Rossanda, Goffredo Fofi, Nicola Labanca, Corrado Stajano e Pietro Ingrao.

Due storie d’amore di Laura Mancinelli, Einaudi, euro 14,00

Dopo il fortunato esordio dei “Dodici abati di Challant”, Laura Mancinelli – docente di Letteratura tedesca medievale e traduttrice di famosi testi classici – ha spesso riproposto ai lettori storie tratte, appunto, dalle leggende e dai miti di quelle lontane epoche. Come in questo piacevolissimo piccolo libro in cui riprende la storia d’amore e di morte di Crimilde e Sigfrido (ripresa dal poema “I Nibelunghi”, composto nel XIII secolo in ambiente cortese) e quella di Tristano e Isotta (ripresa dal “Tristano” di Gottfried von Strassburg, anch’esso del XIII secolo). Due storie immortali raccontate con eleganza e passione che rimandano i lettori a quel mondo fiabesco, magico e tragico a un tempo (e così spesso maltrattato e involgarito dai narratori di “fantasy”).

Gli occhiali sul naso di Giovani Maccari, Sellerio, euro 15,00

Isaak Babel’ (1894-1940), lo scrittore russo autore de “L’armata a cavallo” e dei “Racconti di Odessa” è il protagonista di questa biografia “veritiera e al tempo stesso inaffidabile” che Giovanni Maccari – già autore di un libro su Giuseppe Pontiggia e di un altro su Guido Piovene – gli ha voluto dedicare. Una biografia sui generis, costruita intorno alle leggende di cui lo scrittore amava circondarsi e intorno ai personaggi che gli fanno da comprimari in queste pagine: come i russi Gorki, Pasternak, Mandel’stam Ehrenburg, o Eisenstein; e come pure gli scrittori antifascisti europei: Malraux, Gide, Breton, Huxley, Bertrand Russel o Virginia Woolf. Ma anche la gente comune: contadini, soldati, funzionari di partito, poeti sconosciuti. Fino al 1939, quando Babel’ viene arrestato con l’accusa di spionaggio. Interrogato e torturato, gli viene estorta una confessione. Verrà fucilato il 27 gennaio del ’40. Ma la notizia ufficiale della sua morte verrà comunicata solo nel 1953.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/06. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.

Libro Gratis