La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Ha parlato, ma non detto, in modo che tutti possano interpretare le sue parole secondo la convenienza. La soddisfazione del ministro Sacconi per la botta chiara alle inchieste dei giudici. Invitare alla sobrietà un satiro è come invitare un pedofilo in un asilo infantile

Paolo FARINELLA – Lo “sgomento” all’acqua di rose del cardinale Bagnasco

27-01-2011

di

Mi stupisco dell’unanimismo dei giornalisti della tv e della stampa che vedono nel discorso di Bagnasco un «severo monito a Berlusconi… un forte attacco». Ho letto tutta la prolusione al consiglio permanente della Cei (Ancona, 24 – 27 gennaio 2011) e sono rimasto «sgomento» dello «sgomento» del cardinale. Hanno ragione i cortigiani di Berlusconi a negare che il prelato si riferisse al capo del governo o alla maggioranza: «un discorso alto rivolto a tutta la classe dirigente e non solo», commenta il ministro fra’ Sacconi. Come dargli torto? E’ la pura verità. Chi legge il discorso senza conoscere i retroscena non solo non capisce niente di quello che accade, ma non capisce affatto le parole di Bagnasco.

 Poco più di 6.500 parole sparpagliate in sette paragrafi e 15 pagine sono servite al cardinale Bagnasco, presidente della Cei, per dare una carezza al cerchio di Berlusconi e un colpo alla botte dei giudici, pretendendo di avere anche la moglie ubriaca. Senza mai nominare espressamente l’uno o gli altri, nel più rigoroso stile clericale che si ammanta di retorica fumosa, l’eminenza non quaglia niente. Il cardinale aveva promesso di parlare in «consiglio permanente», suscitando attese e per una volta facendo stare Berlusconi sulla graticola un par di giorni. Alla fine ha fatto i gargarismi di acqua e alloro o come scrive una mia amica «all’acqua di rose». Lo stile del linguaggio è il solito, àulico, infarcito di domande retoriche, incisi, citazioni e autocitazioni: un discorso «decoupage» senza anima e senza sentimenti. «Dico/non-dico – alludo/non alludo – punzecchio/ accarezzo». Ha parlato, ma non ha detto perché tutti possano interpretarlo a modo loro, però ha parlato «in sede istituzionale». Il metodo Veltroni ha fatto scuola. Le sue parole al vento sono un invito stantìo a tutti e non direttamente connesse con «i fatti del giorno». Si sa, i preti sono tanto abituati a parlare di eternità che non riescono proprio a vedere l’orizzonte di casa.

Benedetto XVI è citato 13 volte, la parola «papa» 7 volte, Dio 5 in forma assoluta e volte e 4 in espressioni improprie, Gesù e Vangelo 1 volta ciascuno. Questo è l’orizzonte di riferimento. E’ difficile trovare affermazioni basate su «soggetto, predicato e complemento». La gravità tragica in cui versa il Paese esigerebbe una presa di posizione non equivoca e limpida sullo schema morfosintattico «soggetto, predicato e complemento» del tipo: «Silvio Berlusconi (soggetto) è (copula, per restare in argomento) un porco (predicato nominale). Noi (sogg.) vescovi (apposizione del sogg.) chiediamo (pred. verbale) le dimissioni (compl. ogg.) del presidente (1° compl. di specificaz.) del consiglio (2° compl.o di specificaz.), Silvio Berlusconi (compl. denominativo, appositivo del 1° compl. di specificaz.)».

Invece saltellando per monti e colline, con volto burbero e tisana calmante incorporata, il cardinale s’inventa addetto meteorologico: «nubi ancora una volta preoccupanti si addensano sul nostro Paese» (p.1 premessa). Bisogna aspettare ben 10 pagine e arrivare al punto 5 per leggere questa prosa prosaica:

«La desertificazione valoriale ha prosciugato l’aria e rarefatto il respiro. La cultura della seduzione ha indubbiamente raffinato le aspettative ma ha soprattutto adulterato le proposte. Ha così potuto affermarsi un’idea balzana della vita, secondo cui tutto è a portata di mano, basta pretenderlo. Una sorta di ubriacatura, alle cui lusinghe ha – in realtà – ceduto una parte soltanto della società».

Mi chiedo come ha fatto a diventare cardinale uno che scrive e parla così. Chiunque legga si domanda cosa abbia mangiato a pranzo per arrivare a simili arditezze. Noi però possiamo assicurarlo che non abbiamo ceduto alle lusinghe del berlusconismo e fin dal giorno prima del suo apparire in politica avevamo previsto dove saremmo andati a parare. I vescovi e il Vaticano sono corsi sullo yacht del satrapo, hanno levato le àncore e abbandonato il mare incerto della Provvidenza per l’oro certo del corrotto e corruttore. Non abbiamo fatto gli schizzinosi come i cardinali e i vescovi che lo hanno cullato, coltivato, protetto perché attecchisse nell’antropologia culturale e politica del nostro popolo che oggi ne è vittima plaudente. Qualcuno era di casa a cena. Prosegue il cardinale presidente:

«Bisogna infrangere l’involucro individualista … Quando un anno e mezzo fa cercavamo di trovare il senso di ciò che la crisi poteva richiedere, si parlò ad un certo punto di una necessaria conversione degli stili di vita. Ora ci siamo arrivati … Se a questo si aggiunge una rappresentazione fasulla dell’esistenza, volta a perseguire un successo basato sull’artificiosità, la scalata furba, il guadagno facile, l’ostentazione e il mercimonio di sé, ecco che il disastro antropologico in qualche modo si compie a danno soprattutto di chi è in formazione» (par. 6).

Qui il cardinale tocca il parossismo della pornografia perché un brivido scende per le carni dei lettori che – brrrr! – sentono parole come «mercimonio e antropologico»: è la contraddizione clericale perché descrive con parole arcaiche l’essenza del berlusconismo e la sua intima filosofia o meglio il vuoto che poggia sul nulla, ma di cui il Vaticano e la Cei sono sostegno e garanzia. Padrini.

Arriviamo al «il Top», all’urlo di Tarzan, al grido della tigre di Mompracen:

«Si moltiplicano notizie che riferiscono di comportamenti contrari al pubblico decoro e si esibiscono squarci – veri o presunti – di stili non compatibili con la sobrietà e la correttezza, mentre qualcuno si chiede a che cosa sia dovuta l’ingente mole di strumenti di indagine. In tale modo, passando da una situazione abnorme all’altra, è l’equilibrio generale che ne risente in maniera progressiva, nonché l’immagine generale del Paese. La collettività, infatti, guarda sgomenta gli attori della scena pubblica, e respira un evidente disagio morale. La vita di una democrazia – sappiamo – si compone di delicati e necessari equilibri, poggia sulla capacità da parte di ciascuno di auto-limitarsi, di mantenersi cioè con sapienza entro i confini invalicabili delle proprie prerogative» (n. 7, pp. 11-12)…

Sì, tutto qui. Né più né meno. Certo il cardinale, a sera, avrà detto a se stesso: gliele ho cantate, eccome se gliele ho cantate … chi ha orecchi da intendere intenda. Peccato che quelli non solo sono sordi alla morale, al decoro e alla dignità, ma hanno compreso bene che il cardinale doveva parlare per non fare incazzare i cristiani scandalizzati e nello stesso tempo non ha scomunicato Berlusconi, che anzi continua ad appoggiare perché riafferma per lui l’ossessione dei giudici a indagare su di lui: «qualcuno si chiede a che cosa sia dovuta l’ingente mole di strumenti di indagine» Qualcuno chi? L’unico che può essere questo qualcuno è solo Berlusconi e la sua canèa prezzolata e farabutta. Ora costui è più forte nella sua lotta contro i «giudici comunisti». Non una parola sulla prostituzione minorile, non un lamento sulla dignità delle donne, non un rilievo sull’ingente quantità di denaro sperperato da un debosciato che educa alla prostituzione, induce alla corruttela e paga perché le minorenni tacciano e dichiarino il falso. Intanto l’Italia muore schiacciata dalla disoccupazione, ma il cardinale non lo sa.

Invitare alla sobrietà un satiro è come invitare un pedofilo in un asilo infantile; parlare di «evidente disagio morale» significa che assolvere preventivamente tutte le ignominie del priapo di Arcore facendo finta di arrabbiarvi. Non ci caschiamo, anche se ci siamo illusi che almeno i vescovi, che si sciacquano la bocca tre volte al giorno nell’acqua santa per pontificare di etica e di morale, di famiglia e di valori, avessero una coscienza e una dignità. Non hanno detto che adescare e corrompere minorenni è peccato così grave che non può essere perdonato né in cielo né in terra, memori delle parole del Signore: «Chi invece scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, gli conviene che gli venga appesa al collo una macina da mulino e sia gettato nel profondo del mare. Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che vengano scandali, ma guai all’uomo a causa del quale viene lo scandalo!» (Mt 18,6-7).

Il vangelo esige che vi schieriate dalla parte dei deboli, che accusiate il potente e ricco, novello Erode Antipa, che compra vergini (sillogismo!) come un drago assatanato (lo dice la moglie che ha convissuto con lui per oltre 30 anni), le usa e le conserva nell’harem del suo residence. Una sola parola dovevano dire, quella di Giovanni Battista: «Non licet!» (Mc 6,18). I cardinali invece hanno applaudito il disegno di legge che il governo del satrapo ha approvato per punire i clienti delle prostitute di strada (11 sett. 2008); hanno chiesto e ottenuto che il governo non legiferasse su convivenze; ora stanno alla sua porta col tricorno in mano per salutarlo quando entra e quando esce dalla suoi postriboli e dall’indecenza della sua politica a servizio solo delle sue perversioni.

Il Cardinale, in un impeto di generosità, si lancia anche a favore del pagamento delle tasse, con un ritardo di decenni, specialmente quando era lo Ior Vaticano a prestarsi come strumento ambìto per evaderle nel riciclaggio di denaro sporco della mafia e della prostituzione:

«Anche la crescente allergia che si registra nei confronti dell’evasione fiscale è un segnale positivo, che va assecondato. Adesso più che mai è il momento di pagare tutti nella giusta misura le tasse che la comunità impone, a fronte dei servizi che si ricevono. Bisogna snellire e semplificare, ma nessuno è moralmente autorizzato ad autodecretarsi il livello fiscale. Chi fa il furbo non va ammirato né emulato. Il settimo comandamento, «Non rubare», resiste con tutta la sua intrinseca perentorietà anche in una prospettiva sociale».

Come può un cardinale dire queste cose, quando non ha mai detto una sola parola su un presidente del consiglio ladro, evasore di professione recidivo, anche in carica? E sufficiente richiamarsi all’art. 54 della Costituzione? Le basta l’accenno alla «misura e alla sobrietà»? Se questo è tutto, è segno che i vertici della Cei o sono o ci fanno e comunque fanno finta di non conoscere Berlusconi che invece vogliono avere come interlocutore in forza dell’invito finale:

«È necessario fermarsi − tutti − in tempo, fare chiarezza in modo sollecito e pacato, e nelle sedi appropriate, dando ascolto alla voce del Paese che chiede di essere accompagnato con lungimiranza ed efficacia senza avventurismi, a cominciare dal fronte dell’etica della vita, della famiglia, della solidarietà e del lavoro. Come Pastori che amano la comunità cristiana, e come cittadini di questo caro Paese, diciamo a tutti e a ciascuno di non cedere al pessimismo, ma di guardare avanti con fiducia. È questo l’atteggiamento interiore che permetterà di avere quello scatto di coscienza e di responsabilità necessario per camminare e costruire insieme».

 

Basta che Berlusconi chiarisca pacato e sollecito nelle sedi appropriate, per avere la certezza che può andare avanti senza «avventurismi», visto che i pastori che amano il Paese continuano ad allevare un porco senza cedere al pessimismo, sperando che ingrassando lui, ingrassino anch’essi. Ci aspettavamo che il cardinale comunicasse la notizia che il papa avesse revocato il titolo di «nobiluomo» al portinaio del lupanare, Gianni Letta, invece ancora una volta hanno tradito se stessi e il loro popolo. Finché il gioco dura. Ora, ascolti, il cardinale, quello che ho da dirgli: «Ho compassione di te e di Berlusconi e dei suoi servi e schiave: la maledizione di Dio incombe; sentite bene quel ch’io vi prometto. Verrà un giorno…» parola di P. Cristoforo e di Manzoni (Promessi Sposi, cap. VI).

Paolo Farinella, biblista, scrittore e saggista, è parroco nel centro storico di Genova in una parrocchia senza parrocchiani e senza territorio. Dal 1998 al 2003 ha vissuto a Gerusalemme "per risciacquare i panni nel Giordano" e visitare in lungo e in largo la Palestina. Qui ha vissuto per intero la seconda intifada. Ha conseguito due licenze: in Teologia Biblica e in Scienze Bibliche e Archeologia. Biblista di professione con studi specifici nelle lingue bilbiche (ebraico, aramaico, greco), collabora da anni con la rivista "Missioni Consolata" di Torino (65.000 copie mensili) su cui tiene un'apprezzata rubrica mensile di Scrittura. Con Gabrielli editori ha già pubblicato: "Crocifisso tra potere e grazia" (2006), "Ritorno all'antica messa" (2007), "Bibbia. Parole, segreti, misteri" (2008).
 

Commenti

  1. Romano De Simone

    Concordo e sottoscrivo il contenuto del discorso, in merito alla IOR, sorvolando sul resto, per mancanza del tempo di leggere il tutto.
    Ritengo però, che, in merito allo IOR, che oggi si scopre improvvisamente scorretto in merito al rispetto delle norma antiriciclaggio, che si debba indagare sulla sua attività svolta in questi ultimi anni, e soprattutto dal 1990 ad oggi, per far fruttare i capitali sporchi, ed i cui introiti, si dice da più parti, venivano erogati soprattutto al Papa: QUALE LEZIONE DI MORALITà, “EX CATHEDRA” ?!
    Tanta vergogna, per quanto ne so, non era stata mai raggiunta prima, ed è una lezione per tutti i Cattolici, a mio avviso: FUGGITE DA UNA CHIESA CHE TRAE PROFITTI, FACENDO AFFARI SULLA PELLE DELLE VITTIME INDIFESE, SPESSO INDOTTE ALLA PROSITUZIONE O AD ALTRE SCELTE INFAMI, DA PARTE DI SACERDOTI PEDOFILI O CRIMINALI !!!!
    Chi ci garantisce che tra il Berlusca ed il Vaticano, non esista un patto di reciproco aiuto in obiettivi ed affari inconfessabili ?
    Non solo l’Italia, ma tutta l’Europa, a mio avviso, è vititma del sistema Vaticano: L’UNICO STATO DI EUROPA CHE NON RICONOSCE LA CARTA EUROPEA DEI DIRITTI DELL’UOMO ! : QUESTA è LA MASSIMA VERGOGNA DI CHI, INDEGNAMENTE, SI FA CHIAMARE “VICARIO DI CRISTO !”
    Egli, il Papa, non è Vicario di Cristo, come dimostra nel suo libro Robert Eisenmann, ma rappresenta solo SE STESSO !
    Il ritrovamento dell’urna funeraria di “Giacomo, figlio di Giuseppe e Fratello di Gesù”, avvenuto in Israele, dimostra la tesi di Robert Eisenmann ; ossia che il vicario di Cristo era solo sup fratello Giacomo, e non il Pietro, nominato in tale carica, da parte di Saulo di Tarso, anche detto nei manoscritti di Qumram : “Il sacerdote mendace”.
    Abbiamo quindi un sedicente “VICARIO DI CRISTO”, che non è e non è mai stato nominato di Cristo : Il Papa di Roma !!!!!!!!!!!
    Dr. Ing. Romano De Simone
    Cattolico pentito e pieno di vergogna per tutte queste infamità.

  2. Francesco Fenudi

    Caro Farinella, ti ringrazio per la tua testimonianza,
    che richiama il linguaggio di Cristo e del Vangelo.
    Purtroppo siamo in mano ad un gruppo di farisei, che
    sono fatti della stessa pasta dei sacerdoti che condannarono Cristo.
    Per fortuna ci sono i preti di strada che ancora oggi annunciano il Vangelo. Grazie.

  3. luigi carrera

    credo che semplicemente il vertice della CEI sia composto da un gruppo di anacoreti che ha trascorso gli ultimi trent’anni in qualche monastero di stretta clausura sul Sinai e sbarcato ad Ancona si è sentito frastornato! O no? ma non si vergognano er poi come mai in altri hanno parlato così chiaro e forte che tutti li hanno capiti e sentiti.

  4. Benedetta Rauty

    Grazie don Paolo per il tuo modo chiaro di parlare! I cattolici però non ce la fanno, non capiscono quanto sia importante “metterci la faccia” nel denunciare dicendo nomi e cognomi!
    Secondo te: per un educatore che deve far crescere i ragazzi senza influenzare le loro scelte, ma rendendoli capaci di scegliere da soli, è sbagliato fare il nome di Berlusconi perchè potrebbe condizionarli????
    Aiutami a fare chiarezza, questo mi ha già portato a scontri nel mio ambiente di volontariato.
    Benedetta …. che non si capacita più di cosa sta succedendo…..

  5. giuseppe Palasciano

    grazie don Paolo voce di chi non ha voce. La tua rabbia è la rabbia di tutti quelli che sono quotidianamente traditi dalla loro Chiesa.

  6. antonio zonda

    caro don paolo,ho ricevuto la sua riflessione sul discorso di bagnasco sono contento, anche se mi rendo conto che la sua è una voce in pieno deserto che purtroppo come capita sovente non trovano ascoltatori.vorrei darle coraggio, per far si che i suoi pensieri anche se solo in un deserto trovino quella amplificazione come l’ebbe il battista anche lui denunciava i poteri forti, e se la verità è giunta fino a noi non viene meno la speranza di una libertà vera.buon lavoro

  7. franco bonaldi

    Non ho mai creduto veramente che la CEI prendesse posizione seria verso tutto questo luridume. Ma forse ci speravo. Peccato aver avuto ragione. Voglio bene alla Chiesa Corpo mistico di Cristo ma questa è un’altra cosa. Certo che vent’anni di Richelieu-Ruini hanno lasciato brutti segni e, finché non se ne andrà questa generazione di vescovi voluti da Ruini, avremo poco da stare allegri. Dio, però, ha saputo suscitare profeti nei momenti oscuri. Io ci spero. Cordialmente franco

  8. Colpo Claudio

    E’ innutile discutere se il Papa di Roma è o non è legittimamente il “Vicario di Cristo” resta il fatto che è il rappresentante di un potere forte che agisce, come tutti gli altri, solo e unicamente in difesa delle sue prerogative e privilegi. Deve essere chairo a tutti che per la Chiesa gli ultimi 78/80 anni di relativa moderazione non possono giustificare o assolvere più di 1500 anni di sopprusi, angherie e violenze tutte rese ancor più odiose perche compiute in nome di un Dio. Quanto a Don Farinella io ho sincera ammirazione per lui e per tutti i cosidetto “preti da strada” che convintamente cercano di vivere e operare secondo le regole dell’amore verso il prossimo ma non posso dimenticare che, molte volte, la chiesa si fà paravento di dette persone usandole come uno “specchietto” per nascondere le proprie colpe agli occhi dei cristiani che, più o meno, consapevolemnte continuano a credere nella chiesa.
    Colpo Claudio

  9. Ilaria Mancino

    Gentile Farinella, mi stupisco solo che lei si stupisca. Penso che conosca bene la comunità in cui ha scelto di operare e cioè la chiesa cattolica. La chiesa cattolica ha questo tipo di atteggiamento da secoli. Sarebbe il caso che gli uomini di “buona volontà” l’abbandonassero perché essere il paravento (come dice Colpo) di tanta ipocrisia (e anche di altre cose molto più gravi) fa venire in mente l’adagio “non è ladro solo chi ruba ma anche chi regge il sacco!”
    cordialmente

  10. bianca formiconi

    Sono di Cristo e proprio per questo mi vergogno delle alte sfere della Chiesa cattolica e di tanti cattolici che non vogliono aprire orecchi, occhi e cuore.

  11. Giuliano Lorenzetti

    Lo ‘sgomento’ del Cardinal Bagnasco non convince.
    Ma, come si sa, lui è un frequentatore di Villa S. Martino. Avrebbe dovuto lanciare un messaggio molto più forte e molto più chiaro ma si vede che non ha potuto.
    E d’altra parte è probabile che esista un vergognoso patto di ferro tra il Berlusca e il Vaticano

  12. silvio

    perchè meravigliarsi quando in un altro precedente dove l’emerito satiro B,in occasione di una barzelletta detta in pubblico proferì una bestemmia che venne assolta dal cardinal Bertone? che la minimizzò assolvendo il satiro per la contestualizzazione in cui era stata detta?E certo che la chiesa come potere non può andare contro un altro potere dove alcuni interessi sono gli stessi,lo si vede in questo frangente che con modi molto soft nel dire e non dire accusare e non accusare fa prevalere un quasi timore nel mettere alla berlina un presidente del consiglio che proprio in forza di voler rappresentare quei comportamenti morali che in uno stato della chiesa sono primari li calpesta nel modo più abbietto e incivile.La chiesa e in questo caso il suo rappresentante principale il Papa non dovrebbe aver timore di scomunicare senza se e senza ma questo indegno e pseudo rappresentante del popolo italiano,dando cosi un segnale forte per tutti quelli che politici o no credono che esista una moralità civile e cristiana!!!ciao

  13. Antonella Arduini

    Ahhhhh …… finalmente parole che squarciano il “silenzio assordante” della Chiesa e dei suoi Pastori ….
    Sono mesi che aspettavo …… Bagnasco che delusione !!!!
    Grazie Don Paolo, è solo grazie a lei che non ho ancora perso la fede.

  14. mauro matteucci

    “Il vostro parlare sia sì, s’, no, no” Parole di Qualcuno che certo non si sente rappresentato da questo incerto indegno parlare della gerarchia di fronte a un’ondata di fogna che sembra sommergere le coscienze.
    Mauro

  15. Raffaella Antonioli

    Una Chiesa divisa in se stessa non sarà mai la vera Chiesa. Se siamo tanto bravi ad attaccare dovremmo essere più bravi nella fede e nell’amore. Cristo non ci ha insegnato a condannare, nemmeno Lui lo ha fatto, perchè dovremmo farlo noi?

  16. P.P.R.

    Del resto è stato il potere politico-religioso ad uccidere Gesù: “Ci conviene che soltanto uno muoia”.

  17. Paolo Spunta

    Apprezzo molto quanto scritto da don Paolo Farinella.
    In questi giorni di grandi manifestazioni di piazza (soprattutto in Africa), quello che vorrei vedere sono i preti di buona volontà a scioperare in piazza contro le alte cariche del vaticano.
    E’ solo una pazza idea, ma all’interno della brutta struttura di maschilismo e catena del comando che è la chiesa (da cui ho voluto prendere le distanze) vorrei vedere un chiaro segno. Altrimenti anche voi bravi preti di strada finite con il collaborare.
    Insomma il sistema “chiesa” dovrebbe andare in parallelo alla costruzione di un nuovo sistema politico per l’italia di sinistra aperta agli altri.
    Ciao
    Paolo Spunta (Bologna)

  18. gaetano mineo

    Non era possibile pretendere che la gerarchia ecclesiastica passasse improvvisamente ad una condanna di Berlusconi, dopo averlo appoggiato per tanto tempo. Bisogna accontentarsi di questo primo passo in cui pur qualcosa gli viene contestato.
    Purtroppo la Chiesa italiana continua a sbagliare campo perchè mette al primo posto le questioni eutanasia e aborto e sceglie la destra perchè (dice) di essere contraria, mentre vede ancora i comunisti nella sinistra. Tutto questo invece di guardare a chi pensa di più alla povera gente, al solidarismo e dimenticando la dottrina sociale della Chiesa. E guardate che questo non è solo agli alti livelli ma anche in basso, esempio il mio parroco che pure è giovane.

  19. Paolo Spunta

    non so se sto lanciando provocazioni forti ed inutili.
    “non possiamo pretendere”…
    e se invece iniziassimo a pretendere?
    - Concetto 0: il vangelo è di sinistra “aiuta il prossimo tuo”. Se non ci siamo con il concetto 0, allora forse possiamo anche smettere di parlare…
    - Punto 1: se sei 1 parrocchiano il cui prete dice e fa cose di destra, digli di smettere, altrimenti smetti di frequentare la messa (o cercane un’altra chiesa e un altro prete).
    - Punto 2: se sei 1 prete il cui vescovo dice e fa cose di destra, digli di smettere, non eseguire i suoi ordini, sciopera e pretendi che cambi oppure chiedi che venga sostituito (sono di Bologna e so quante baggianate di destra dicono Biffi, Caffarra e Vecchi. Pochissime parole di Amore escono dalle loro bocche).
    - Punto 3: se sei 1 vescovo il cui papa dice e fa cose di destra, digli di smettere, non eseguire i suoi ordini, sciopera e pretendi che cambi oppure chiedi che vada in pensione e che venga sostituito con un meno indegno “successore dell’apostolo Pietro”.
    E questa sequenza di punto serve x rispettare la linea di comando, ma si può anche saltare ai livelli superiori… ma queste sono solo idee

  20. nicola staffolani

    assolutamente d’accordo con la tesi di questo articolo.