La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

L’onorevole avvocato Ghedini difende Berlusconi: lo paghiamo noi

29-09-2011

di

Un momento difficile per il paese e per i parlamentari impegnati a programmare un futuro credibile non solo per le folle dei senza lavoro o con stipendi che non arrivano a fine mese, soprattutto per chi deve lanciare i miliardi salvagente al naufragio dell’Italietta 2000. Bruxelles e Berlino ci guardano. E ministri ed onorevoli si affacciano in tv balbettando proposte nel fervore di un patriottismo che si smarrisce nei labirinti delle convergenze e delle divisioni. Non solo tra governo e opposizione, ma tra governo e governo.

Il più indaffarato è l’onorevole Nicolò Ghedini. Scarse le notizie sul suo impegno parlamentare, ma informazioni copiose scendono ogni sera dalla televisioni: sorriso Frankestein nei ring dei talk show oppure (con l’immancabile borsa) protesta dalle scale dei tribunali, per non parlare della visione ormai familiare: onorevole avvolto nella toga mentre prova a difendere il Grande Cliente dalla persecuzione dei magistrati. Nessuna informazione se il buon stipendio dell’onorevole Ghedini attenua le parcelle dell’avvocato Ghedini. Anche perché bisogna considerare le spese. Non solo colleghi di studio o giovani apprendisti affascinati dallo sfogliare le carte del Grande Cliente, quel su e giù per l’Italia erode gli incassi delle competenze. Insomma, potrebbe mettere da parte sempre meno.

La politica è l’altro grande amore vocato com’è ad impegnarsi per il bene dei cittadini che rappresenta e la felicità della nazione alla quale lavora. L’avvicinamento al Cavaliere parte da Padova, destra del Movimento Sociale. E si fa subito un nome non perché figlio dell’avvocato padre, ma per la difesa illuminata dei serial killer che partono dal nord est per seminare delitti in Germania ed Olanda. Condannati, com’è giusto, ma il cavillare della prosa ghediana rivela la stoffa di un avvocato destinato a luminosa carriera. L’incontro con Gaetano Pecorella, presidente delle Camere Penali, in cammino dalla sinistra verso Arcore, gli fa capire dove il destino può sorridergli.

Ecco l’abbraccio fatale con Berlusconi. Nel 2001 ne diventa onorevole e avvocato, coordinatore del partito nel Veneto. Non si sono più lasciati. Si sa poco sul sul suo operare in parlamento. Anche perché non ne è frequentatore devoto. Il suo posto quasi sempre vuoto: 9105 assenze. Penultimo nella classifica degli svogliati occupato com’è dagli ideali della professione. Ma quando é in aula cosa fa? Nella classifica dei deputati silenziosi occupa il 622° posto, solo 8 colleghi intervengono meno di lui impegnato com’è nei processi del suo leader perché l’abnegazione di Ghedini tutela l’onore del capo del governo, quasi un incarico istituzionale compensato dai benefit dei quali gode ogni parlamentare: voli gratis, treni gratis e se mai dovesse star poco bene, cliniche e luminari pagati da Montecitorio.

Il problema dei parlamentari avvocati in un certo senso lo ha affrontato Tremonti nella terz’ultima o quart’ultima finanziaria di qualche mese fa, ma l’abolizione dell’ordine ha scatenato la bufera. I 24 onorevoli avvocati Pdl della Camera, e i 18 avvocati senatori di Palazzo Madama, marciano su Roma guidati dal ministro La Russa a braccetto del ministro Maria Stella Gelmini più altri altri 87 avvocati di Montecitorio e 47 di Palazzo Madama dove li accoglie l’avvocato presidente Schifani. Manovra minacciata da voto contrario. E il povero Tremonti lascia perdere. Nell’Italia del dopoguerra i padri della Repubblica chiudevano lo studio appena andavano in parlamento: dal presidente De Nicola a Giuliano Vassalli. Ma i tempi cambiano, la modernità suggerisce altre regole.

Quando il Berlusconi Uno aveva proposto il suo avvocato Cesare Previti ministro della Giustizia, Scalfaro rifiuta di firmare. Passano gli anni, Berlusconi insiste e l’avvocato Alfano può insediarsi al tavolo delle prescrizioni e dei legittimi impedimenti, lasciamo perdere le noiose contraddizioni del conflitto di interessi. Perché nessuno vuole evitare che la produzione legislativa possa essere orientata da interessi particolari legati allo sviluppo di processi pendenti ai quali possono essere interessati gli studi di chi propone le leggi. E’vero che i mezzi della politica sono in grado di esercitare influenze per strade meno volgari, ma è così comodo riunire nello stesso studio le convenienze della professione e l’idealità del mandato parlamentare. Da tempo si parla dell’opportunità di allontanare dalla professione chi siede in parlamento. Ma quale governo, quale ministro, quale opposizione trova il coraggio di sfidare una nuova marcia su Roma?

 

Commenti

  1. Fabio Bernardi

    Avevo imparato alle elementari, e coiè più di 40 anni fa, da un maestro che faceva anche ‘Educazione civica’, la materia si chiamava così che nello stato deve esserci la separazione dei poteri: legislativo, esecutivo giudiziario.
    Credo che Ghedini sia l’ esempio più deleterio di come oggi non sia più così: difende Berlusconi e in parlamento fa le leggi secodno le quali dovrebbe agire come avvocato.
    Certamente non è il solo Ghedini sia la causa di tutti i mali: credo che la commistione di interessi sia ormai un male diffusissimo.

  2. paolo bertagnolli

    Da tempo avevo denunciato il comportamento di Ghedini e di tanti altri “onorevoli” che, invece di svolgere il compito per cui sono stati eletti (elezione con il Porcellum, comunque), vanno in giro per i tribunali a difendere Berlusconi dichiarando che “le toghe rosse” vogliono distruggerlo.
    Purtroppo non ho avuto riscontri, a maggior ragione sono grato di questo articolo che, evidentemente, condivido.

  3. maurizio angelini

    Recentemente il quotidiano Il Mattino di Padova ha pubblicato la classifica dei più o meno presenti alle votazioni fra i parlamentari eletti appunto a Padova. Potevamo supporlo, ma stupisce che Niccolo’ ( Veneto ma con la doppia) Ghedini abbia partecipato fin qui a duemila votazioni su circa novemila, fra aula e commissione. Un vero scandalo, che deve far rivoltare tutte le persone oneste, qualunque sia la loro collocazione politica.

  4. da Bari daniele29

    …speriamo che da questa triste esperienza governativa, dopo quella del ventennio fascista, possano gl’italiani svegliarsi da questo torpore e scegliere gente qualificata e con alti pricipi morali per governare l’Italia del futuro…Per il nuovo governo, la strada sara’ tutta in salita perche’ la crisi nella quale e’ stata fatta cadere e’ la logica conseguenza di malgoverno dovuto a incompetenza e impreparazione e a loschi interessi privati.

  5. G. Baggi

    Mi riferisco all’ultimo periodo della lettera: nessun governo, nessun ministro, nessun parlamentare perché la politica ha perso autorevolezza da anni per troppi interessi, troppe collusioni con lobby e anche con organizzazioni criminali e di conseguenza tanti scheletri negli armadi. Ricordo le parole che mi disse un addetto ai lavori che confermarono quanto già sospettavo e cioè: le leggi non le fanno i parlamentari che sono solo la longa manus di potenti organismi, sono solo degli esecutori. Non per niente esistono società, anche a livello comunitario, che tessono la tela tra lobby stesse e parlamentari.

  6. Mauro Matteucci

    La tragedia è che di fronte a queste violazioni delle norme più elementari di equilibri democratici tra poteri, ormai c’è un silenzio assordante sia da parte dei politici (nonostante qualche balbettìo dell’opposizione), sia da parte dei media ormai lontanissimi da una informazione decente.

  7. Salvatore Messina

    Io mi domando e dico:”c’è un politico che opera per il bene comune degli italiani?”