La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Cosa Leggere »

Non cedete alla curiosità che uccide i gatti: dunque non comprate il labirinto femminile che in tv raccomanda Lele Mora

03-02-2011

di

Curiosity killed the cat - Foto di Luca SofficiBiografico – Abitare il sogno di Franco Vassia, Stampa Alternativa, euro 25,00

A metà strada tra romanzo e biografia, il libro racconta la vita di Pippo Pollina, musicista e cantautore siciliano impegnato. La sua è una storia di coraggio civile, di denuncia della mafia iniziata con la collaborazione alla testata “I Siciliani” di Giuseppe Fava, assassinato nel 1984 (così come sono stati uccisi i vari Peppino Impastato, Boris Giuliano, Terranova, Mancuso, Mattarella, Pio La Torre…) In seguito a ciò Pollina è costretto ad auto-esiliarsi in Svizzera e Germania, dove riscuote un grande successo. Ora è tornato in Italia a riproporre le sue musiche e i suoi testi – sulla strage di Ustica o sull’omicidio Impastato – come “un novello Don Chisciotte armato di chitarra”. Con una Nota di Franco Battiato e una Prefazione di Gian Carlo Caselli che scrive: “Per un certo potere e per una certa cultura il vero peccato non è il male, ma raccontare il male”.

Poesia – Libro del freddo di Antonio Gamoneda a cura di V. Nardoni, Città Nuova, euro 14,00

Per gli amanti della poesia un imperdibile volumetto di questo poco noto – in Italia – poeta spagnolo. Nato a Oviedo nel 1931, sostanzialmente autodidatta, fortemente antifranchista, si fa conoscere nel 1977 con “Descripción de la mentira” (Descrizione della menzogna), ma sarà con questo “Libro del frío”, del 1992, che Gamoneda darà il meglio di sé. Una poesia asciutta, essenziale, ma profondamente simbolica e coinvolgente: “Arde il mio volto tra le mani dello scultore cieco. / Nella purezza dei cortili immobili lui pensa dolcemente ai suicidi; sta creando la vecchiaia: / ieri e oggi sono ormai un solo giorno nel mio cuore.” Un viaggio poetico attraverso i paesaggi della coscienza avviata all’incontro con la vecchiaia, come ha sottolineato l’ottimo curatore.

Epistolario (da evitare) – Il labirinto femminile di Alfonso Luigi Marra, edizioni Omogeneitas, euro 14,00

“Curiosity killed the cat”, si dice. E in questo caso il gatto sono io che, spinto, appunto, dalla curiosità, ho provato a leggere il libro grottescamente pubblicizzato in tv dai due noti intellettuali Manuela Arcuri e Lele Mora. Ebbene, non è facile descrivere l’opera scritta dall’avvocato Marra – dal 1994 al 1999 deputato al Parlamento europeo nelle file di Forza Italia. Centinaia di pagine di sms – in un improbabile italiano – tra la giovane avvocatessa Luisa e il più maturo avvocato Paolo che fanno diventare Moccia il Thomas Mann della letteratura italiana. E, come se non bastasse, il volumone è “arricchito” da una cinquantina di pagine di “chiavi di lettura” per chi non avesse ben capito le trecento precedenti e da una seconda sezione “filosofica” su, ad esempio, “La non dialogicità sessuale e la non orgasmicità femminile quali effetti delle politiche del potere economico per inibire il confronto”… e altre amenità del genere. È sufficiente?

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/07. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.

Libro Gratis