La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Libri e arte » Cosa Leggere »

Papà e mamma divorziano, i libri fanno sognare la mia solitudine

31-01-2011

di

Ragazzi

Il libro selvaggio

di Juan Villoro

trad. di E. Rolla

Salani

euro 13,00

“Vi racconterò quello che mi è successo quando avevo tredici anni”: così inizia la storia di Juan che, a causa della separazione dei genitori, è costretto a passare le vacanze presso uno strano zio – zio Tito – che vive in mezzo ai libri, in una vecchia casa scricchiolante, polverosa e un po’ misteriosa. Di qui la sua iniziazione alla lettura e al fantastico mondo dell’immaginazione (lo zio afferma infatti che i libri sono cose vive, che si trasformano, che cambiano di posto a seconda delle persone che sono in casa). Ma c’è anche un mistero. L’introvabile ‘libro selvaggio’, un libro magico, che ti può far trovare tutti gli altri libri. Un libro che non ha letto mai nessuno. E che si farà leggere da una sola persona.

Una favola ben riuscita di uno scrittore e giornalista messicano.

++

Noir

Il cane che parla

di Giorgio Scerbanenco

Sellerio

euro13,00

Uscito da Mondadori nel 1942 (e infatti saltano subito all’occhio i nomi dei personaggi: rigorosamente in italiano), “Il cane che parla di Scerbanenco” – forse il vero maestro del noir nazionale – è un giallo classico. Il protagonista è Arthur Jelling, archivista capo della polizia di Boston, che viene chiamato a indagare sull’assassinio di in passeggero preso a fucilate mentre si affacciava dal finestrino di un treno. L’ambiente entro cui si snoda l’indagine è quello della carta stampata: la vittima è infatti un poeta e i testimoni sono un editore, Tom Fharanda, una scrittrice, Fiorella Garrett, un giornalista, Dady Dadies, un critico, Carlo Svedensson. E due cani, personaggi chiave dell’intera vicenda: Ciannel e Pàin. Un giallo psicologico e deduttivo, come nella migliore tradizione del genere.

+++

Testimonianza

Intervista a Primo Levi, ex deportato

a cura di Anna Bravo e Federico Cereja

Einaudi

euro 10,00

Il volume riprende un’intervista realizzata dai due curatori nel gennaio del 1983 nell’ambito di una ricerca sulla memoria della deportazione. Ricerca che ha raccolto ben duecentoventi testi ora inscritti nell’ “Archivio della Deportazione Piemontese”.

Così come “Se questo è un uomo” era nato dal bisogno di raccontare agli “altri” l’orrore dei campi di sterminio nazisti, questa intervista scende nei particolari della vita di tutti i giorni e Levi racconta la “società” del campo, i ruoli, i rapporti fra i prigionieri, le tensioni, i precetti, i divieti, e persino il “galateo” vigente ad Auschwitz. “Fin dal mio primo libro… ho desiderato che i miei scritti, anche se li ho firmati io, fossero letti come opere collettive, come una voce che rappresentasse altre voci”.

E così è in questo colloquio in cui non solo riconosciamo la voce dell’autore de “I sommersi e i salvati”, ma anche quelle dei suoi compagni di sventura, il “retromondo minuto dei gesti quotidiani ad Auschwitz”.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/11. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.

Libro Gratis