La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Passavo di lì »

Contratto per 3 anni da settembre in poi. Ma un uomo solo non basta. Sostituire Frattini, La Russa e Calderoli non è un problema: mercato abbondante. Brunetta, Romano e Bossi sono talmente inutili che non vanno rimpiazzati. Tremonti proverà a rispondere in inglese per farsi passare da straniero. E Maroni? Forse sindaco a Lampedusa sostituito agli Interni dal capo della polizia della Siria di Assad

PASSAVO DI LÌ – L’Italia va male? Come Milan, Inter e Juve possiamo comprare un primo ministro straniero

25-07-2011

di

Come tutti sanno, gli svizzeri non costruiscono automobili. E che fanno? Si mettono a inventarsi una fabbrica tutta loro? Riprendono dall’inizio un lavoro che altri fanno bene o male da anni e anni? Dismettono le aziende che producono orologi o cioccolata e le trasformano in officine per quattro ruote autarchiche? Certo che no. Comprano automobili da chi le sa fare: Audi o Fiat o Mercedes o Honda o Ferrari.

Come molti sanno, la gran parte dei giocatori di calcio italiani – tranne sporadici casi – non sono dei campionissimi. Basta ricordare la figuraccia all’ultimo mondiale o la fortunaccia del penultimo. E allora i presidenti di Inter, Milan, Juve o Roma che fanno? Giochicchiano ad armi impari contro Real o Barcellona o Manchester? No. Certo che no. Comprano centravanti brasiliani o difensori olandesi. E vincono in casa, in Europa e nel mondo.

Detto ciò si potrebbe fare la medesima riflessione sul nostro mondo politico. Siamo in grado di esprimere un governo che valga una cicca? Che non pensi unicamente agli affari suoi o addirittura a quelli del suo leader? Esiste un’opposizione cazzuta e pronta a unirsi per sconfiggere il governo in carica? Esiste un piano del governo credibile che pensi all’interesse dei cittadini? Esiste un piano dell’opposizione che proponga soluzioni serie per l’interesse dei cittadini? Certo che no. Basta rileggere la storia degli ultimi dieci, venti, trenta, o quaranta anni. E allora che fare?

Niente di più semplice. Si “compra” un governo all’estero, da chi lo sa fare ed è in grado di farlo.

Così come una squadra italiana compra un giocatore o un allenatore all’estero, o così come uno svizzero si compra un’auto straniera.

Potremmo vedere cosa offre il mercato. Un’ex governo tedesco per risanare l’economia? Una compagine giapponese per moralizzare Camera e Senato? Un gruppo di politici svedesi per far diventare l’Italia un Paese moderno e riformista? Un pool di tecnocrati israeliani?

Con tutti i soldi che spendiamo per deputati, senatori, guardie del corpo, auto blu, magistrati che li devono processare, autisti, reggiborse, mignotte, pennivendoli, direttori di reti televisive, vescovi onniscienti, consulenti, intercettatori telefonici, rimborsi spese, inutili servizi segreti, mogli, amanti e parenti vari, e via dicendo, potremmo sicuramente permetterci un governo come si deve, o per lo meno decente.

Noi siamo bravi a fare altro, come l’enogastronomia, il melodramma, le auto da corsa, la moda e l’arte (quando non la facciamo crollare come a Pompei).

Siamo già molto più fortunati di tanti altri.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/05. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.