La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

Rubriche » Passavo di lì »

PASSAVO DI LÌ – Non sono d’accordo con la suora che invitava a non comperare cibo per cani dimenticando i bambini del terzo mondo: ma il Vaticano che non paga l’Ici li ricorda?

15-12-2011

di

Vaticano - Foto di Javier CorboIn una trasmissione su Rai Uno una suora informava il gentile pubblico che con il costo di una scatoletta di cibo per cani si può sfamare un bambino in un Paese del Terzo Mondo. Innanzitutto consiglierei a quella suora di rinunciare “lei” a qualcosa per sfamare un bambino del Terzo Mondo. Poi consiglierei alla medesima sorella di andare a vedere PRIMA quanto si spende per le cosiddette “missioni militari di pace” o per gli armamenti (già solo nel nostro Paese) e di non puntare il suo ben poco cristiano indice accusatorio su chi ha un animale da compagnia.

Infine – last but not least – vorrei informare la suddetta suora che con il pagamento dell’Ici sui beni immobiliari del Vaticano presenti sul suolo italiano e con la dismissione dei beni del Vaticano e dello Ior, si potrebbero sfamare tranquillamente tutti i bambini e tutti i cani del mondo. Il Vaticano, come forse anche la suora saprà, non paga Ici, Irpef, Ires, Imu, tasse immobiliari e doganali e nemmeno il gas, l’acqua, e via benedicendo. E che questi costi sono tutti a carico dei contribuenti italiani (cioè noi). Il Vaticano – faccia attenzione cara sorella – possiede quasi il 30% del patrimonio immobiliare nazionale e con l’8 per mille si appropria di quasi 1 miliardo di euro all’anno…

Per questo continuerò a comprare le scatolette per il mio cane e per il mio gatto (orrore sorella: ben due scatolette!) sperando di non venir scomunicato.

Error: Impossibile creare la directory /ha/web/web/domani.arcoiris.tv/www/sito/uploads/2017/07. Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server!Paolo Collo (Torino, 1950) ha lavorato per oltre trentacinque anni in Einaudi, di cui è tuttora consulente. Ha collaborato con “Tuttolibri” , “L’Indice” e “Repubblica”. Ogni settimana ha una rubrica di recensioni su "Il Fatto Quotidiano". Curatore scientifico di diverse manifestazioni culturali a Torino, Milano, Cuneo, Ivrea, Trieste, Catanzaro. Ha tradotto e curato testi di molti autori, tra cui Borges, Soriano, Rulfo, Amado, Saramago, Pessoa.
 

Commenti

  1. Conchita lopez

    Che bella risposta alla suora! E ci sarebbe di più da tenere in conto. Quanto costa ogni raduno moltitudinario del Papa è quanto è costato l’ultimo a Madrid? Ho visto i preparativi, l’orribile messa in scena dei confessionali nei giardini pubblici…Ma che fede è quella che ha bisogno di tali manifestazioni con tanto spreco?
    Anch’io ho una gattina. ma cosa sarebbe il mondo senza cani e gatti che ci insegnano tante buone cose perchè Dio / la Natura li ha fatto BUONI?

  2. vincenzo borgogno

    pessima e schiumosa risposta del solito Collo storto, cara signora Conchita.
    Rispetto poi ai raduni, informati quanto ci hanno invece guadagnato tutti,
    informati, è abbastanza facile,
    ma non dal Collo che di professione fa lo sbrodolatore di parole
    ciao
    vincenzo2010
    vinbor12@virgilio.it

  3. massy

    Nella mia città ho visto cani deturpare visi a bambini, perciò tutti buoni Dio non li ha fatti.
    Io ho un cane, lo considero da compagnia, ma sempre un cane è.
    Gli do da mangiare i residui di una cena e non mi sento in colpa. (Le scatolette me le tira dietro).
    Comunque esistono suore che senza un soldo scelgono di aiutare la vita degli altri (spesso rischiando la propria).
    Maria teresa di calcutta è sempre stata contraria alle scelte della chiesa che avete fatto notare, ma penso che se avesse posseduto un cane non avrebbe tolto il cibo ad un bambino per comprare le scatolette al suo animale da compagnia.