La Lettera

Per ripulire la democrazia inquinata i ragazzi hanno bisogno di un giornale libero

di

È abbastanza frequente che editori della carta stampata chiudano i loro giornali. Anche a me è capitato quando dirigevo “L’Avvenire d’Italia”, e oggi si annuncia una vera e propria epidemia a causa della decisione del governo di togliere i fondi all’editoria giornalistica. Ma che chiuda Domani di Arcoiris Tv, che è un giornale on line, è una notizia …

La Lettera

Domani chiude, addio

di

L’ironia di Jacques Prévert, poeta del surrealismo, versi e canzoni nei bistrot di Parigi, accompagna la decadenza della casa reale: Luigi Primo, Luigi Secondo, Luigi Terzo… Luigi XVI al quale la rivoluzione taglia la testa: “Che dinastia è mai questa se i sovrani non sanno contare fino a 17″. Un po’ la storia di Domani: non riesce a contare fino …

Libri e arte » Teatro »

Teatro bene comune per il palcoscenico di dopodomani

di

Teatro Municipal - Foto di Elton Melo

“Non si può bluffare se c’è una civiltà teatrale, ed il teatro è una grande forza civile, il teatro toglie la vigliaccheria del vivere, toglie la paura del diverso, dell’altro, dell’ignoto, della vita, della morte”. Parole di Leo …

Inchieste » Quali riforme? »

Il governo Berlusconi non è riuscito a cancellare l’articolo 18, ci riuscirà la ministra Fornero?

di

Roma 23 marzo 2002: l'ex segretario Cgil Sergio Cofferati al Circo Massimo

Il governo Monti ha perso il primo round con Susanna Camusso che fa la guardia alla civiltà del lavoro, fondamento dell’Europa Unita. Sono 10 anni che è morto Marco Biagi, giuslavorista ucciso dalle Br. Si sentiva minacciato, chiedeva la scorta: lo Scajola allora ministro ha commentato la sua morte, “era un rompicoglioni”. Rinasce l’odio di quei giorni? Risponde Cesare Melloni, …

C'è posta per noi »

Mentre la Casta fa i conti con la rabbia che cresce tra gli italiani e, per l'ennesima volta, si discute di “riforme” (abolizione delle Province, riduzione dei parlamentari, ecc.), ci si dimentica dei soldi pubblici regalati alle Regioni a statuto speciale. Un nostro lettore propone un referendum “contro i privilegi di 9 milioni di italiani a scapito degli altri 51 milioni e mezzo”

Perché la Val d’Aosta può spendere per i dipendenti della Regione 2119,60 euro e la Lombardia solo 20,30?

25-07-2011

di

Denuncio la più iniqua sperequazione tra italiani che sia stata perpetrata nell’ultimo mezzo secolo. È gravissimo che nessuno ne parli e che non si assumano provvedimenti. Ogni governo ha legittimato questa disparità di trattamento: di fronte allo Stato, esistono italiani di serie A (Regioni a statuto speciale e Province autonome) e di serie B (tutti gli altri).

I primi vedono affluire nelle casse regionali o provinciali un fiume di denaro; a tutti gli altri le briciole: 9 milioni di italiani ricevono dallo Stato più degli altri 51 milioni e mezzo.

Queste sperequazioni affondano le loro radici nel passato, risalendo agli anni ’50, quando terroristi altoatesini facevano saltare tralicci e monumenti agli alpini.

Nel 1994, Sanità esclusa, un lombardo aveva ricevuto dallo Stato 260.000 lire, un abitante del Trentino o dell’Alto Adige 4 milioni, uno della Val d’Aosta 7.311.000 lire.

Nel 2008, la spesa pro capite per pagare stipendi e contributi al personale della Regione Valle d’Aosta e a quelli delle Province di Trento e di Bolzano è ammontata per ogni abitante della Val d’Aosta a 2119,60 euro, per la Provincia di Bolzano a 2019,30 euro, per quella di Trento a 1300,90 euro. Nel caso della Liguria la spesa è ammontata a 32,90 euro, per il Veneto a 30,70 euro, per la Lombardia a 20,30 euro. Ribadiamo: Val d’Aosta: 2119,60 euro; Lombardia: 20,30 euro. Da tempi remoti solo tagli lineari che non hanno inciso sulle sperequazioni.

Ovviamente chi ha tanti soldi ne spreca; gli altri raspano il fondo di una pentola semivuota.

La scure oggi brandita dal signor Tremonti domani non si sa da chi, si è abbattuta, come in passato, solo sugli italiani di serie B: quelli di serie A, pur subendo i loro Enti decurtazioni dei finanziamenti (minime in rapporto al fiume di denaro che continueranno a ricevere), resteranno ricchi e continueranno a sprecare parte della ricchezza che lo Stato italiano conferirà loro in futuro.

Su cosa risparmieranno le Regioni a statuto ordinario? Visto che stipendi e contributi continueranno ad essere pagati, si risparmierà sulla creazione di nuovi posti di lavoro, sull’aiuto ai deboli, sull’efficienza dei trasporti pubblici, sulle cure per la salute e sull’ambiente, questo derelitto di cui non si parla.

La situazione è ben conosciuta dai politici: perché non intervengono a sanare questa palese, indegna ingiustizia che si perpetua ad ogni Finanziaria? Il motivo può essere uno solo: la paura che gli abitanti in Regioni a Statuto speciale e in Province autonome, alle future elezioni, cancellino, in sede locale, i partiti che abbiano assunto l’iniziativa di porre rimedio a simili storture.

Dobbiamo ribellarci a questa ingiustizia e l’unico mezzo democratico che abbiamo a disposizione è l’arma del referendum. Checché ne dica il signor Sallusti che, l’indomani della vittoria dei sì agli ultimi referendum, se ne uscì in questa frase (obbrobriosa!): “Non so cosa ci sia da gioire quando i cittadini con un referendum abrogano una legge che il parlamento, cioè la democrazia, ha promulgato”. Gli obietto che la maggioranza in parlamento è composta da soggetti nominati da due soli padroni, obbligati a dimostrare gratitudine per essere stati accolti nel regno di Bengodi, pronti a dire “signorsì” quale che sia il diktat che ricevono dall’alto. Il signor Sallusti definisce democrazia una situazione del genere!!

Ricordiamo al signor Bossi che non esistono solo gli sprechi al Sud! Quanto al signor Tremonti, per favore basta bugie: l’esimio specialista ha affermato che il Titanic ci insegna che se va a picco lui anche i passeggeri di prima classe vanno a fondo. Falso, caro Tremonti, falsissimo!! Nel Titanic italiano i passeggeri di prima classe (abitanti in Regioni a statuto speciale e Province autonome) staranno sempre a galla, grazie a lei e a tutti gli altri parlamentari italiani; quelli delle classi economiche (gli italiani di serie B) finiranno a fondo, sbeffeggiati da chi continuerà a galleggiare nel lusso e nella ricchezza.

I politici devono capire una volta per tutte che gli italiani per bene sono disponibili a fare sacrifici purché questi siano ripartiti equamente tra tutti: eliminiamo i vergognosi privilegi, dei politici e degli italiani di serie A!

Si stanno impostando due nuovi referendum, contro un testamento biologico che toglie ai singoli un diritto decisionale sacrosanto e contro i privilegi della casta politica. Aggiungiamone un terzo, contro i privilegi di 9 milioni di italiani a scapito degli altri 51 milioni e mezzo.

Spero che vogliate raccogliere questa campagna di corretta informazione volta ad ottenere che tutti gli italiani, di fronte allo Stato, siano uguali. Qualcuno lo spieghi al presidente Napolitano, reo di aver gioito, in parte immotivatamente.

 

Commenti

  1. salvatore torino

    Dieci anni da (dieci!) in un piccolissimo paesino della Val D’Aosta, che non poteva avere più di mille abitanti, per intenderci, mi imbattei in una piccola,graziosa e solidissima casa di legno, costruita a grossi tronchi d’albero e tetto in pietra. Per essere una casa risultava molto piccola, al centro della piazza del paese, chiusa solo su tre lati, tre metri per tre, circa. La funzione di questa bellissima struttura era quella di contenere un terminale internet, aperto al pubblico h24, da cui si poteva selezionare fra una serie di cartoline virtuali quella da spedire via e-mail all’indirizzo voluto…il tutto gratis, ça va sans dire, sono mica pezzenti in Val d’Aosta..Ah, guarda un po’ che bello, qui in Val d’Aosta….!!!