La Lettera

Per Terre Sconsacrate, Attori E Buffoni

Governo denunciato

di

L’ho fatto. L’avevo scritto, l’ho fatto. Stamani sono stato alla Procura della Repubblica di Firenze e ho denunciato il governo. Ho presentato due esposti recanti la “notitia criminis” concernente il favoreggiamento dello squadrismo, il primo, e varie fattispecie … continua »

Dire, fare, mangiare

E la chiamano cellulite

di

L’estate ci mette a misura con il nostro corpo. La maggior parte delle donne si confronta con il problema della cellulite. Premesso che la cellulite è molto diffusa e non si può prescindere da una predisposizione personale ad averla o … continua »

Lettere »

Nei giorni scorsi, secondo El Pais Pisapia avrebbe aggiunto "dai 7 ai 10 punti" al 48 per cento del primo turno. Il trionfo napoletano di Luigi de Magistris sarebbe stato dovuto "alla sua capacità di unire tutte le forze di opposizione, inclusi i centristi". Anche Massimo Zedda, giovanissimo candidato di Nichi Vendola, veniva dato per vincitore a Cagliari

Pisapia e de Magistris hanno vinto, i giornali stranieri l’avevano annunciato

29-05-2011

di

Elezioni - Foto di AlessioMadrid – “La destra precipita in Italia: risultato peggiore di quello che ha travolto i socialisti in Spagna”. El Pais (il quotidiano più importante) aveva pubblicato nei giorni scorsi i sondaggi di esperti e partiti di opposizione. La legge elettorale vietava di renderli noti mentre si votava e in Italia si è votato fino alle 15 di lunedì 30 maggio, ma i giornali stranieri – non solo spagnoli – anticipavano le previsioni elaborate da analisti che avevano raccolto gli umori di quel popolo “al quale Berlusconi si è finora aggrappato nella speranza di vanificare le inchieste dei magistrati. ‘Il popolo mi ha confermato la fiducia, bisogna rispettare le decisioni del popolo’”.

Purtroppo le previsioni hanno sfilato lo sgabello retorico e il capo del governo è rotolato a terra. Ecco i risultati, confermati dal responso delle urne. Vittoria dell’avvocato Pisapia, candidato a Milano, città dove Berlusconi è nato, capitale delle preferenze che da sempre raccoglie. Pisapia ha aggiunto tra i 7 e i 10 punti al 48 per cento del primo turno. Trionfo per l’opposizione, sconfitta per il governo. Nel pozzo della disperazione il Cavaliere trascina anche la Lega del Bossi, alleato fidato, ma che da settimane brontola per l’impostazione “troppo personalizzata e drammatizzata” della campagna elettorale.

Insomma perde solo Berlusconi e non il sindaco uscente, la signora Letizia Moratti, colpevole di averlo seguito nella strategia del fango. A Napoli vince l’ex magistrato Luigi de Magistris, candidato dell’Italia dei Valori. Secondo a sorpresa al primo turno dietro Gianni Lettieri, concorrente sostenuto da un deputato del Popolo della Libertà del quale la magistratura aveva chiesto l’arresto per la sua vicinanza alla camorra. Dopo anni di letargo nell’oziosità burocratica e affaristica delle amministrazioni comunali (sindaco ex democristiano Rosa Russo Jervolino) e regionali (presidente Bassolino, Pd), un nuovo entusiasmo ha resuscitato la città. La speranza di de Magistris sindaco al di sopra dei partiti non umilia solo la destra berlusconiana nella capitale dell’Italia mediterranea, ma anche il Partito Democratico che aveva preferito a de Magistris un prefetto in pensione. Arriva un successo che si deve al carisma e alla chiarezza: “Hanno riunito attorno alla sua persona tutte le forze dell’opposizione compresi i centristi”. “Buone speranze a Cagliari e a Trieste”, ha scritto profeticamente El Pais senza precisare i numeri delle analisi.

“Adesso cosa succede?”, si è chiesto Miguel Mora, corrispondente da Roma, al quale Berlusconi ha sempre negato un’intervista. “In questi giorni il primo ministro è apparso nervoso, quasi terrorizzato. Sa bene che se i sondaggi verranno confermati e gli elettori gli voltano le spalle il suo governo sarà in pericolo”. Ecco perché ha messo la benda prima che la ferita si aprisse: “Lascerò Palazzo Chigi appena avrò riformato la giustizia”: quando ancora si stava votando, aveva fatto sapere che non se ne sarebbe andato. Mora ricordava lo sbalordimento di Obama, a Deauville, davanti al presidente del consiglio italiano piagnucoloso a proposito dei giudici comunisti che lo perseguitano.

Ricordava lo sconcerto e il silenzio del presidente americano. Ricordava che la destra non è stata travolta solo dal “popolo rosso”: la borghesia industriale milanese ha mollato il Cavaliere. Ricordava Emma Marcegaglia, presidente degli industriali italiani, che alla vigilia del voto ha guidato la marcia di protesta degli imprenditori veneti sul filo del “non siamo contro nessuno, ma chiediamo che la politica si svegli per non trascinare il paese e il nostro lavoro in un disatro che ci allontana dall’Europa”.

La considerazione di Miguel Mora sul dopo “mette in fila l’inerzia dei partiti della tradizione”. I tre favoriti alla vittoria, diventati anche i vincitori, non appartengono a questi partiti: hanno guidato liste civiche con idee piuttosto progressiste che hanno scosso l’opposizione su scala nazionale. La necessità di girare a sinistra ha aiutato Romano Prodi a vincere due elezioni e può ammonire con crudezza anche il Pd. Ma Massimo D’Alema – insieme a Pier Luigi Bersani – sembra ancora disposto a corteggiare i democristiani del centro. L’ora del cambio generazionale che si è concretizzato a destra suona anche per la cupola del Partito Democratico con un pericolo, conoscendo le abitudini italiane: che il rinnovo scivoli nella balcanizzazione dei grandi partiti, orgia perpetua delle lotte intestine”.

Solo chiacchiere e previsioni dei giornali stranieri? Mica tanto, a giudicare dall’esito delle urne.

 

Commenti

  1. Luciano Grosso

    Se i sondaggi non vengono diffusi un motivo ci sarà. Banalmente: possono influenzare l’elettorato. Non vorrei che qualche indeciso, leggendo questo articolo, pensasse “beh allora posso anche stare a casa, tanto Luigi, Giuliano e Massimo hanno già vinto…”. No!! Mi raccomando: andate a votare!!! Ogni voto è prezioso. Certo, vincere queste elezioni non basterà: ci vorrà tempo per restituire autorevolezza alla politica (e/o alla sinistra) italiana. Ma questa tappa è fondamentale. Vincere a Milano e Napoli significa creare i presupposti per un vero cambiamento. Certo: dal giorno dopo biognerà vigilare, spronare, discutere, lavorare… Ma ora, oggi, bisogna far vincere “il meglio”. Finalmente a Milano, a Napoli e a Cagliari, dopo tanti anni, i cittadini non sono costretti a scegliere “il meno peggio” (in altre città, purtroppo, è ancora così). Questi cittadini hanno la fortuna, il merito e il privilegio di poter votare “il meglio”, contribuendo alla rinascita della loro città e, contemporaneamente, del loro Paese. Chi se ne frega dei sondaggi: votare è un dovere civico! Questo è il messaggio che deve arrivare ai tanti, legittimamente, “indecisi” (a cominciare dagli elettori del Movimento 5 Stelle che, andando a votare, possono rispedire al mittente, una volta per tutte, l’accusa di “qualunquismo” che gli arriva da più parti). Suppongo che in queste ore i napoletani – in particolare quelli che hanno letto questo articolo – staranno facendo gli scongiuri… “tiè tiè tiè…”

  2. Alberto Bosio

    …oppure”sciuè sciuè…”

  3. Paolo Rapepino

    C’avete troppo odio.
    aslutti

  4. mauro matteucci

    Il pericolo più grande è che tornino in pista i soliti veltroni e dalemoni che hanno fatto il deserto nella sinistra e che sono del tutto estranei alla vittoria attuale.Bastra con le nomenklature!!!!